Morbidelli: "Ho una M1 vecchia, ma sono il migliore di Yamaha"

Terza vittoria stagionale per il pilota del team Petronas SRT Yamaha, arrivata dopo un duello spettacolare con Jack Miller all'ultimo giro: "Lui è stato bravo quanto me. Ho vinto grazie ai 2 successi che ho colto in stagione. Ecco perché...".

Morbidelli: "Ho una M1 vecchia, ma sono il migliore di Yamaha"

Una gara solitaria, fino all'ultimo giro. Poi, dalla staccata di Curva 1 sino all'ultima, si è scatenato l'inferno. Franco Morbidelli e Jack Miller si sono sorpassati e sorpassati più volte, ma alla fine il pilota italiano del team Petronas SRT Yamaha è riuscito a portare a casa la terza vittoria della stagione.

Forse al GP della Comunitat Valenciana è maturata la vittoria più difficile per Franco, che nei suoi pensieri prima del via c'era una gara in solitaria, fatta di un ritmo indiavolato. E così è stato, ma la variabile impazzita rappresentata dal binomio Jack Miller-Ducati ha complicato i suoi piani.

"E' stata una gara durissima perché ho cercato di spingere al massimo dall'inizio alla fine per scappare. non volevo lottare con Jack perché so che con lui è sempre una battaglia dura. ma lui è stato così bravo da rientrare alla fine e passarmi. Mi ha passo e l'ultimo giro è stata una lotta tra cani. Alla fine ho vinto, ma lui è stato bravo tanto quanto me. Io non ho mai spinto così tanto dall'inizio alla fine in una gara. E' stata una gara incredibile".

Morbido ha poi analizzato il suo ultimo giro, nonché la battaglia con Miller, dal punto di vista tecnico. L'australiano del team Pramac era in gara con una gomma media all'anteriore, mentre Franco aveva una dura. Sul giro, Miller aveva un vantaggio nella percorrenza, ma Morbidelli è riuscito a sfruttare il vantaggio dato dalla gomma Hard nel corpo a corpo.

"Se andiamo ad analizzare tecnicamente l'ultimo giro, per la lotta forse avevo il vantaggio della Hard anteriore. In curva lui aveva più percorrenza con la Medium, ma nella lotta la Hard mi ha aiutato. Sono riuscito a incrociare le traiettorie almeno un paio di volte. La Hard forse mi ha fatto perdere un po' di velocità pura, ma mi ha ridato tutto nella lotta con Jack".

A fine gara, Franco ha anche cercato di ripercorrere le sue tre vittorie fatte quest'anno in MotoGP, arrivate tutte in modo differente.

"Ho fatto 3 vittorie bellissime. Non ero abituato e ho avuto la fortuna di assaporare. Una piacevole sorpresa. Una cosa bellissima, non immaginavo fosse così bello vincere in MotoGP. A Misano ho vinto in casa, ero molto veloce e mi aspettavo di vincere. Aragon è successo che ero molto in forma quella domenica. Non me l'aspettavo ma è venuta fuori una vittoria strepitosa. Quella di oggi è arrivata dal fatto che avevo già vinto 2 gare quest'anno. Forse non avevo il potenziale delle altre gare che ho vinto, ma grazie a quelle avevo una voglia particolare di vincere e di lottare così all'ultimo giro".

Grazie alla vittoria ottenuta oggi al Ricardo Tormo di Valencia, Franco Morbidelli è salito in seconda posizione nel Mondiale Piloti di MotoGP. Ormai le 29 lunghezze da Mir non contano più, con il titolo già finito nelle mani del maiorchino della Suzuki. Quello che conta di più, però, è aver messo alle proprie spalle tutti gli altri piloti Yamaha che possiedono moto più aggiornate della sua.

"Essere il migliore Yamaha mi fa un bell'effetto. A inizio anno ero un po' arrabbiato per la scelta fatta da Yamaha, avendo la moto dell'anno prima. Ma grazie a chi lavora con me ho incanalato la rabbia nel lavoro. Sia a casa che ai test. Così abbiamo reso questa moto che non è affatto male, l'abbiamo fatta rendere al massimo su tante piste. Ringrazio la conoscenza immensa di Ramon Forcada che ha inciso così tanto. Sono felicissimo di essere il miglior pilota Yamaha. Molto".

Per finire, un ragazzo così educato come Morbidelli non poteva esimersi dal fare complimenti sinceri a Joan Mir, che oggi si è laureato per la prima volta campione del mondo di MotoGP.

"Mir, complimenti. Un titolo meritato. E' andato fortissimo, ha fatto solo un paio di errori nel corso della stagione ma è andato davvero fortissimo. Faccio i complimenti anche a Davide (Brivio, ndr) per aver messo assieme un team così forte e una moto che si è dimostrata la migliore nel corso della stagione. Mir è stato fortissimo e ha meritato il titolo. Gli faccio i miei complimenti".

condivisioni
commenti
Mir: "Vincere il Mondiale con Suzuki ha un merito in più"
Articolo precedente

Mir: "Vincere il Mondiale con Suzuki ha un merito in più"

Prossimo Articolo

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021