Morbidelli: "Ho una M1 vecchia, ma sono il migliore di Yamaha"

Terza vittoria stagionale per il pilota del team Petronas SRT Yamaha, arrivata dopo un duello spettacolare con Jack Miller all'ultimo giro: "Lui è stato bravo quanto me. Ho vinto grazie ai 2 successi che ho colto in stagione. Ecco perché...".

Morbidelli: "Ho una M1 vecchia, ma sono il migliore di Yamaha"

Una gara solitaria, fino all'ultimo giro. Poi, dalla staccata di Curva 1 sino all'ultima, si è scatenato l'inferno. Franco Morbidelli e Jack Miller si sono sorpassati e sorpassati più volte, ma alla fine il pilota italiano del team Petronas SRT Yamaha è riuscito a portare a casa la terza vittoria della stagione.

Forse al GP della Comunitat Valenciana è maturata la vittoria più difficile per Franco, che nei suoi pensieri prima del via c'era una gara in solitaria, fatta di un ritmo indiavolato. E così è stato, ma la variabile impazzita rappresentata dal binomio Jack Miller-Ducati ha complicato i suoi piani.

"E' stata una gara durissima perché ho cercato di spingere al massimo dall'inizio alla fine per scappare. non volevo lottare con Jack perché so che con lui è sempre una battaglia dura. ma lui è stato così bravo da rientrare alla fine e passarmi. Mi ha passo e l'ultimo giro è stata una lotta tra cani. Alla fine ho vinto, ma lui è stato bravo tanto quanto me. Io non ho mai spinto così tanto dall'inizio alla fine in una gara. E' stata una gara incredibile".

Morbido ha poi analizzato il suo ultimo giro, nonché la battaglia con Miller, dal punto di vista tecnico. L'australiano del team Pramac era in gara con una gomma media all'anteriore, mentre Franco aveva una dura. Sul giro, Miller aveva un vantaggio nella percorrenza, ma Morbidelli è riuscito a sfruttare il vantaggio dato dalla gomma Hard nel corpo a corpo.

"Se andiamo ad analizzare tecnicamente l'ultimo giro, per la lotta forse avevo il vantaggio della Hard anteriore. In curva lui aveva più percorrenza con la Medium, ma nella lotta la Hard mi ha aiutato. Sono riuscito a incrociare le traiettorie almeno un paio di volte. La Hard forse mi ha fatto perdere un po' di velocità pura, ma mi ha ridato tutto nella lotta con Jack".

A fine gara, Franco ha anche cercato di ripercorrere le sue tre vittorie fatte quest'anno in MotoGP, arrivate tutte in modo differente.

"Ho fatto 3 vittorie bellissime. Non ero abituato e ho avuto la fortuna di assaporare. Una piacevole sorpresa. Una cosa bellissima, non immaginavo fosse così bello vincere in MotoGP. A Misano ho vinto in casa, ero molto veloce e mi aspettavo di vincere. Aragon è successo che ero molto in forma quella domenica. Non me l'aspettavo ma è venuta fuori una vittoria strepitosa. Quella di oggi è arrivata dal fatto che avevo già vinto 2 gare quest'anno. Forse non avevo il potenziale delle altre gare che ho vinto, ma grazie a quelle avevo una voglia particolare di vincere e di lottare così all'ultimo giro".

Grazie alla vittoria ottenuta oggi al Ricardo Tormo di Valencia, Franco Morbidelli è salito in seconda posizione nel Mondiale Piloti di MotoGP. Ormai le 29 lunghezze da Mir non contano più, con il titolo già finito nelle mani del maiorchino della Suzuki. Quello che conta di più, però, è aver messo alle proprie spalle tutti gli altri piloti Yamaha che possiedono moto più aggiornate della sua.

"Essere il migliore Yamaha mi fa un bell'effetto. A inizio anno ero un po' arrabbiato per la scelta fatta da Yamaha, avendo la moto dell'anno prima. Ma grazie a chi lavora con me ho incanalato la rabbia nel lavoro. Sia a casa che ai test. Così abbiamo reso questa moto che non è affatto male, l'abbiamo fatta rendere al massimo su tante piste. Ringrazio la conoscenza immensa di Ramon Forcada che ha inciso così tanto. Sono felicissimo di essere il miglior pilota Yamaha. Molto".

Per finire, un ragazzo così educato come Morbidelli non poteva esimersi dal fare complimenti sinceri a Joan Mir, che oggi si è laureato per la prima volta campione del mondo di MotoGP.

"Mir, complimenti. Un titolo meritato. E' andato fortissimo, ha fatto solo un paio di errori nel corso della stagione ma è andato davvero fortissimo. Faccio i complimenti anche a Davide (Brivio, ndr) per aver messo assieme un team così forte e una moto che si è dimostrata la migliore nel corso della stagione. Mir è stato fortissimo e ha meritato il titolo. Gli faccio i miei complimenti".

condivisioni
commenti
Mir: "Vincere il Mondiale con Suzuki ha un merito in più"

Articolo precedente

Mir: "Vincere il Mondiale con Suzuki ha un merito in più"

Prossimo Articolo

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021