MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
21 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
28 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
42 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
55 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
83 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
111 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
125 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
160 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
174 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
188 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
195 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
209 giorni
G
GP della Tailandia
07 ott
Prossimo evento tra
216 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
230 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
237 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
251 giorni

Morbidelli: "Ho una M1 vecchia, ma sono il migliore di Yamaha"

Terza vittoria stagionale per il pilota del team Petronas SRT Yamaha, arrivata dopo un duello spettacolare con Jack Miller all'ultimo giro: "Lui è stato bravo quanto me. Ho vinto grazie ai 2 successi che ho colto in stagione. Ecco perché...".

Morbidelli: "Ho una M1 vecchia, ma sono il migliore di Yamaha"

Una gara solitaria, fino all'ultimo giro. Poi, dalla staccata di Curva 1 sino all'ultima, si è scatenato l'inferno. Franco Morbidelli e Jack Miller si sono sorpassati e sorpassati più volte, ma alla fine il pilota italiano del team Petronas SRT Yamaha è riuscito a portare a casa la terza vittoria della stagione.

Forse al GP della Comunitat Valenciana è maturata la vittoria più difficile per Franco, che nei suoi pensieri prima del via c'era una gara in solitaria, fatta di un ritmo indiavolato. E così è stato, ma la variabile impazzita rappresentata dal binomio Jack Miller-Ducati ha complicato i suoi piani.

"E' stata una gara durissima perché ho cercato di spingere al massimo dall'inizio alla fine per scappare. non volevo lottare con Jack perché so che con lui è sempre una battaglia dura. ma lui è stato così bravo da rientrare alla fine e passarmi. Mi ha passo e l'ultimo giro è stata una lotta tra cani. Alla fine ho vinto, ma lui è stato bravo tanto quanto me. Io non ho mai spinto così tanto dall'inizio alla fine in una gara. E' stata una gara incredibile".

Morbido ha poi analizzato il suo ultimo giro, nonché la battaglia con Miller, dal punto di vista tecnico. L'australiano del team Pramac era in gara con una gomma media all'anteriore, mentre Franco aveva una dura. Sul giro, Miller aveva un vantaggio nella percorrenza, ma Morbidelli è riuscito a sfruttare il vantaggio dato dalla gomma Hard nel corpo a corpo.

"Se andiamo ad analizzare tecnicamente l'ultimo giro, per la lotta forse avevo il vantaggio della Hard anteriore. In curva lui aveva più percorrenza con la Medium, ma nella lotta la Hard mi ha aiutato. Sono riuscito a incrociare le traiettorie almeno un paio di volte. La Hard forse mi ha fatto perdere un po' di velocità pura, ma mi ha ridato tutto nella lotta con Jack".

A fine gara, Franco ha anche cercato di ripercorrere le sue tre vittorie fatte quest'anno in MotoGP, arrivate tutte in modo differente.

"Ho fatto 3 vittorie bellissime. Non ero abituato e ho avuto la fortuna di assaporare. Una piacevole sorpresa. Una cosa bellissima, non immaginavo fosse così bello vincere in MotoGP. A Misano ho vinto in casa, ero molto veloce e mi aspettavo di vincere. Aragon è successo che ero molto in forma quella domenica. Non me l'aspettavo ma è venuta fuori una vittoria strepitosa. Quella di oggi è arrivata dal fatto che avevo già vinto 2 gare quest'anno. Forse non avevo il potenziale delle altre gare che ho vinto, ma grazie a quelle avevo una voglia particolare di vincere e di lottare così all'ultimo giro".

Grazie alla vittoria ottenuta oggi al Ricardo Tormo di Valencia, Franco Morbidelli è salito in seconda posizione nel Mondiale Piloti di MotoGP. Ormai le 29 lunghezze da Mir non contano più, con il titolo già finito nelle mani del maiorchino della Suzuki. Quello che conta di più, però, è aver messo alle proprie spalle tutti gli altri piloti Yamaha che possiedono moto più aggiornate della sua.

"Essere il migliore Yamaha mi fa un bell'effetto. A inizio anno ero un po' arrabbiato per la scelta fatta da Yamaha, avendo la moto dell'anno prima. Ma grazie a chi lavora con me ho incanalato la rabbia nel lavoro. Sia a casa che ai test. Così abbiamo reso questa moto che non è affatto male, l'abbiamo fatta rendere al massimo su tante piste. Ringrazio la conoscenza immensa di Ramon Forcada che ha inciso così tanto. Sono felicissimo di essere il miglior pilota Yamaha. Molto".

Per finire, un ragazzo così educato come Morbidelli non poteva esimersi dal fare complimenti sinceri a Joan Mir, che oggi si è laureato per la prima volta campione del mondo di MotoGP.

"Mir, complimenti. Un titolo meritato. E' andato fortissimo, ha fatto solo un paio di errori nel corso della stagione ma è andato davvero fortissimo. Faccio i complimenti anche a Davide (Brivio, ndr) per aver messo assieme un team così forte e una moto che si è dimostrata la migliore nel corso della stagione. Mir è stato fortissimo e ha meritato il titolo. Gli faccio i miei complimenti".

condivisioni
commenti
Mir: "Vincere il Mondiale con Suzuki ha un merito in più"

Articolo precedente

Mir: "Vincere il Mondiale con Suzuki ha un merito in più"

Prossimo Articolo

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”

Miller: “Duello bellissimo, ma Morbidelli era fortissimo”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Valencia
Sotto-evento Gara
Location Valencia
Piloti Franco Morbidelli
Team Petronas Yamaha SRT
Autore Giacomo Rauli
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni Prime

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Nonostante i suoi 42 anni, Valentino Rossi non ne vuole sapere di appendere il casco al chiodo: per continuare a correre in MotoGP ha accettato di passare al Team Petronas, ma con supporto ufficiale Yamaha. Crede ancora in sé stesso ed ha voglia di dimostrare a tutti di poter continuare a lottare con i migliori. Ce la farà a rinascere ancora una volta?

MotoGP
2 mar 2021
Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata Prime

Pramac e la vittoria con Ducati solo sfiorata

Il Pramac Racing entra nella sua 20esima stagione in MotoGP, la 17esima con Ducati ed insegue ancora la sua prima vittoria con la Casa di Borgo Panigale, pur avendola sfiorata in diverse occasioni. Ripercorriamo insieme tutte le volte che è mancato veramente un soffio.

MotoGP
28 feb 2021
Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati Prime

Miller: la scommessa per far tornare grande la Ducati

Il ritorno di un pilota australiano in sella ad una Ducati ufficiale fa tornare alla memoria un periodo glorioso per la Casa di Borgo Panigale. Miller, però, è un personaggio che potrà aiutare il team a tornare ai vertici.

MotoGP
25 feb 2021
Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test? Prime

Honda: quanto peserà l'assenza di Marc Marquez nei test?

Dopo un 2020 senza vittorie in MotoGP, la Honda è chiamata assolutamente al riscatto nel 2021, anche se la sua stagione inizierà in salita: Marc Marquez non è ancora pronto, quindi dovrà saltare i test e non si sa ancora quando potrà tornare a correre. Che impatto avrà questo sullo sviluppo della RC213V?

MotoGP
24 feb 2021
Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici Prime

Perché ad Alex Marquez non interessa zittire i critici

La crescita di Alex Marquez è stata una delle sorprese della MotoGP 2020 e, uscendo finalmente dall'ombra del fratello Marc, ha dimostrato che alcune persone si sbagliavano. Non che gli importi di questo, come ha spiegato a Lewis Duncan.

MotoGP
21 feb 2021
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales Prime

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Dopo l'elettrizzante inizio della sua carriera in Yamaha nel 2017, Maverick Vinales ha faticato a trovare la costanza. Molti temono che l'arrivo di Fabio Quartararo possa significare un disastro per lui, ma la partenza di Valentino Rossi potrebbe essere proprio l'impulso di cui ha bisogno.

MotoGP
19 feb 2021
Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte" Prime

Marini: "Se lotterò con Vale, vuol dire che sto andando forte"

Intervista esclusiva a Luca Marini, esordiente nel campionato 2021 di MotoGP. Il marchigiano si racconta ai nostri microfoni in vista del primo anno da rookie in sella ad una Ducati del team Esponsorama.

MotoGP
19 feb 2021
KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber" Prime

KTM: attacco a quattro punte, ma forse manca il "bomber"

La Casa austriaca prova a cambiare filosofia, schierando quelli che ritiene essere due team ufficiali a tutti gli effetti. Dopo le tre vittorie del 2020, le ambizioni sono elevate, ma i quattro piloti ne saranno all'altezza?

MotoGP
15 feb 2021