Morbidelli: “C’è un po’ di tempesta per l’arrivo della VR46”

Franco Morbidelli riconosce che l’ingresso della VR46 in MotoGP ha scombussolato tutto l’ecosistema dei team della classe regina, nella speranza che abbia meno ripercussioni possibili.

Morbidelli: “C’è un po’ di tempesta per l’arrivo della VR46”

Il ruolo di Franco Morbidelli è paradossale già da sé, dato che il suo mentore e agente è Valentino Rossi e lui non ha avuto altre soluzioni oltre ad essere svantaggiato dall’arrivo di Rossi al Sepang Racing Team per esigenze di Yamaha, il costruttore che fornisce i motori al team malese.

Nonostante avesse chiuso la scorsa stagione da vice campione del mondo, Morbidelli è l’unico dei quattro piloti Yamaha che dispone di un modello vecchio di M1. Tutte le evoluzioni chieste fino ad oggi dal pilota romano hanno avuto come risposta un ‘no’ da parte della Casa di Iwata, che si è concentrata completamente sul team ufficiale, soprattutto su Fabio Quartararo, principale scommessa del costruttore giapponese per tornare a vincere il mondiale dopo l’ultimo del 2015 conquistato da Jorge Lorenzo.

Dopo le prime sette gare del calendario, Morbidelli occupa la decima posizione nella classifica generale con 40 punti, 24 in meno di quelli che aveva lo scorso anno nello stesso momento della stagione 2020. Non è un mondiale facile per il pilota del team Petronas, ma nonostante tutto opta per non parlare troppo di questa cosa, né nel bene né nel male. Questa strategia è la stessa che segue da quando gli viene chiesto se verrà condizionato dall’ingresso della VR46, che ha quasi ‘soffiato’ le moto a Petronas per il 2022. Questo alla fine non avverrà, perché la VR46 ha raggiunto un accordo con Ducati.

“C’è un po’ di tempesta in questo momento per l’arrivo del team di Valentino e io spero che mi condizioni il meno possibile”, ha risposto Morbidelli a Motorsport.com quando gli è stato chiesto quanto sarebbe stato condizionato l’arrivo in MotoGP come rivale dell’azienda che lo rappresenta.

“Io provo a fare il mio lavoro. Questi temi sono talmente tanto complessi che provare a capirli o fare previsioni mi toglierebbe troppa energia e non voglio che questo succeda. Provo a concentrarmi sul mio lavoro, provo a dire ciò che voglio, ma poi gli altri che stanno intorno a me faranno il loro lavoro come credono che debbano farlo”, conclude Morbidelli che, con quasi ogni probabilità, nel 2022 disporrà della miglior versione della M1.

condivisioni
commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Articolo precedente

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Prossimo Articolo

MotoGP 2021: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di Germania

MotoGP 2021: orari TV di Sky, DAZN e TV8 del GP di Germania
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021