Mir: “Sono rimasto senza podio per la troppa ambizione”

Joan Mir ha perso il podio proprio nel rettilineo del traguardo a favore di Zarco e Bagnaiam tuttavia è felice di aver ritrovato il feeling che lo aveva portato a vincere il titolo l’anno scorso.

Mir: “Sono rimasto senza podio per la troppa ambizione”

Con i dati dei test pre-stagionali e di questo primo weekend di gara, nessuno poteva immaginare che a Losail Joan Mir sarebbe stato in grado di realizzare una rimonta che lo ha portato dalla decima casella della griglia di partenza alla quarta posizione alla bandiera a scacchi. Un risultato che sarebbe stato anche migliore se non fosse stato per la potenza incredibile del motore delle Ducati di Zarco e Bagnaia, che lo hanno lasciato fuori dal podio a meno di 300 metri dalla linea del traguardo.

Il campione del mondo in carica era entrato all’ultima curva in seconda posizione, dopo aver sorpassato Zarco, anche se sapeva che questo lo avrebbe esposto ai propri rivali per i giochi di scie. Questi ovviamente non hanno avuto pietà e hanno approfittato della scia per superare la Suzuki del maiorchino.

In condizioni normali, vedere il podio così da vicino e non poterci salire farebbe arrabbiare. Ma il pilota Suzuki ha preferito concentrarsi sugli aspetti positivi di un fine settimana che ha avuto la sua svolta nel warmup.

Proprio nell’ultima sessione prima della gara, i tecnici Suzuki, con Frankie Carchedi al comando, hanno trovato il tassello mancante per permettere al pilota di ritrovare le sensazioni positive dello scorso anno, che lo hanno reso così costante. La rimonta che ha realizzato è stata una di quelle che si sono viste nel 2020 e in qualche modo serve a renderlo uno dei candidati per difendere il titolo.

 

“Finalmente ho ritrovato le buone sensazioni. Un po’ tardi, è vero, ma sono contento. Nel warmup abbiamo cambiato qualcosa che mi ha permesso di guidare come l’anno scorso e che, in qualche modo, ha risolto i problemi che avevo in quel momento. Nei test avevamo provato delle cose che pensavo andassero bene, ma poi ci hanno condizionato molto perché ci hanno portato fuori dalla direzione giusta”, ha dichiarato Mir, autore di una delle sue gare tipiche in cui non si espone all’inizio ma progredisce giro dopo giro senza forzare troppo usurando le gomme.

Il maiorchino le ha provate tutte per tagliare il traguardo in seconda posizione, ma ha riconosciuto di aver avuto troppa ambizione che gli è costata sia la seconda sia la terza posizione, a favore di Zarco e Bagnaia rispettivamente.

Tuttavia, Mir preferisce non fare troppi pronostici in questa prima fase di campionato. Proverà ad ottenere il miglior risultato possibile anche con il rischio che succeda qualcosa di così crudele come avvenuto oggi a Losail: “L’ideale sarebbe stato non sorpassare Zarco, restare terzo e cercare la scia per proteggermi da Pecco. Ma è la prima gara e bisogna prendersi rischi. Per la troppa ambizione sono rimasto senza podio, ma ora è il momento di dare spettacolo”.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/15

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/15

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP's Suzuki
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP's Suzuki
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Zarco: “Ho passato Mir solo aprendo il gas, grazie Ducati”
Articolo precedente

Zarco: “Ho passato Mir solo aprendo il gas, grazie Ducati”

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: Vinales brilla nel GP del Qatar

Fotogallery MotoGP: Vinales brilla nel GP del Qatar
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021