Mir: "Sono il più forte in gara, ma non in tutto il weekend"

Il pilota della Suzuki ha colto un secondo posto in rimonta di grande pregio. Ora Joan si trova in quarta posizione nel Mondiale, a soli 4 punti dalla vetta.

Mir: "Sono il più forte in gara, ma non in tutto il weekend"

Joan Mir continua a crescere di gara in gara, al pari di una Suzuki in grande spolvero nelle sue mani. Il pilota spagnolo ha colto un bel secondo posto in rimonta al Gran Premio dell'Emilia Romagna e Riviera di Rimini svolto questo pomeriggio sul tracciato di Misano Adriatico.

Mir, partito in 11esima piazza dopo una qualifica a dir poco deludente, ha sfoggiato un passo gara che lo ha portato a superare quasi tutti gli avversari, sino a fermarsi alle spalle di Maverick Vinales. Non prima, però, di aver fulminato Quartararo e Pol Espargaro con due splendide manovre negli ultimi giri di gara.

"Sono molto contento della mia gara. Sapevo di avere un buon passo e ho giocato le mie carte. All'inizio ho provato a superare tante moto, anche se Ducati e KTM sono difficili da passare. Poi, quando ho avuto pista libera, ho iniziato a fare il mio passo, ma chi avevo davanti era molto lontano. Pensavo non riuscire a recuperare, ma negli ultimi 10 giri sono rientrato e poi ho fatto un bel sorpasso su Quartararo".

"Sono rimasto un giro dietro a Fabio e ho visto come frenava. Lo faceva forte e l'accelerazione era buona. Tra Curva 1 e 2 si è aperto un po' di più del solito e sono entrato. Dopo ho visto che Espargaro stava faticando nelle curve a sinistra a causa delle sue gomme. Erano distrutte. A quel punto ho cercato di passarlo il prima possibile e sono riuscito a portare a casa un bel secondo posto".

Mir ha poi spiegato perché le Suzuki facciano così fatica in piste in cui l'asfalto ha molto grip. Le Suzuki non riescono a sfruttare questo vantaggio, cosa che invece riescono a fare quasi tutte le altre moto. Ecco perché poi, la domenica, i piloti della Casa di Hamamatsu sono costretti a rimonte furiose, spesso culminate con risultati di alto livello.

"Il problema è quando sulle piste troviamo tanto grip. Le altre moto riescono a sfruttarlo meglio di noi in qualifica. Questo è il problema. Penso che a Barcellona potremmo trovare la stessa situazione avuta in Austria. Potremo migliorare in questo aspetto".

In gara, come detto, Mir dimostra sempre di essere uno dei piloti più forti, se non il più forte data l'assenza di Marquez. Lui, però, è consapevole di dover fare passi avanti decisi sia nelle prove libere che in qualifica, ossia dove più fa fatica per cercare di ambire a piazzamenti ancora più nobili di quelli che ha ottenuto sino a ora.

"Forse sì, alla domenica mi sento il pilota più forte di tutti. Ma non lo sono per l'intero fine settimana. Ci manca qualcosa. Ci sono piloti come Quartararo, Vinales, Bagnaia le KTM, che sono molto forti in prove libere e qualifiche. Noi dobbiamo migliorare in questo aspetto per essere più forti sempre".

condivisioni
commenti
Vinales: "Pecco era veloce, io gestivo le gomme"

Articolo precedente

Vinales: "Pecco era veloce, io gestivo le gomme"

Prossimo Articolo

Pol Espargaro: "Un podio che vale come una vittoria"

Pol Espargaro: "Un podio che vale come una vittoria"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP dell'Emilia Romagna
Sotto-evento Gara
Piloti Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Giacomo Rauli
Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio? Prime

Cosa deve fare Marc Marquez per tornare al suo meglio?

Dopo il suo clamoroso ritorno in MotoGP con un settimo posto in Portogallo, Marc Marquez ora deve lavorare per ritrovare la sua forma migliore prima di rivolgere la sua attenzione ad obiettivi basati sui risultati.

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5 Prime

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5

Tanti promossi e tanti bocciati in questo Gran Premio del Portogallo, terza tappa di MotoGP. Ecco le pagelle stilate da Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com, e commentate in compagnia di Marco Congiu.

MotoGP
20 apr 2021
Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP
19 apr 2021
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021