MotoGP
G
GP d'Austria
14 ago
G
GP di Stiria
21 ago
Prossimo evento tra
9 giorni
G
GP di San Marino
10 set
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
Prossimo evento tra
37 giorni
25 set
Prossimo evento tra
44 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
Canceled
09 ott
Prossimo evento tra
58 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
Prossimo evento tra
65 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
Prossimo evento tra
72 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
Prossimo evento tra
86 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
Prossimo evento tra
93 giorni
20 nov
Canceled

Mir: "Se vinci con Suzuki diventi un'icona come Schwantz"

condivisioni
commenti
Mir: "Se vinci con Suzuki diventi un'icona come Schwantz"
Di:
17 mag 2020, 12:57

Joan Mir continuerà a guidare una Suzuki in MotoGP fino alla fine del 2022, dopo che è stato recentemente annunciato il suo rinnovo per due stagioni.

Joan Mir ha vissuto una carriera fulminea nel Motomondiale. Nella sua seconda stagione è stato campione del mondo della Moto3, con ben dieci vittorie. L'anno successivo si è confrontato con i piloti più veloci della Moto2, facendo poi il salto in MotoGP a soli 20 anni con la Suzuki.

La prima stagione del giovane spagnolo nella classe regina è stata segnata da un infortunio che ha interrotto i suoi progressi che ha interrotto i suoi progressi a metà campionato, ma ha anche lasciato intravedere il suo enorme talento e la sua classe.

Anche se ha avuto offerte da grandi squadre, Mir ha sempre scommesso sulla Suzuki, con la quale vuole diventare un pilota di punta, vincere le gare e un giorno vincere un campionato del mondo proprio per la Casa di Hamamatsu.

Dopo l'annuncio del suo rinnovo, Motorsport.com ha potuto intervistare il giovane spagnolo per via telematica.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Quando ti sei reso conto che volevi continuare a correre con Suzuki per altre due stagioni?
"Ad essere onesti, ho sempre saputo che avrei continuato. È una fase che non è finita. Suzuki mi ha dato l'opportunità e mi ha aiutato a passare in MotoGP dopo solo un anno di esperienza in Moto2. Il 2019 è stata una stagione di apprendimento e ora, in questo secondo anno, è il momento in cui mi sento abbastanza forte per iniziare a fare cose buone, ottenere risultati e stare dove vogliamo essere. Sempre con la consapevolezza che devo continuare a fare esperienza, in quanto non sono al livello dei piloti che mi precedono. Sapendo questo, devo stare almeno altri due anni a Suzuki per continuare a crescere. Mi è piaciuto questo progetto fin dall'inizio perché se vinci con Suzuki diventi un'icona, come Kevin Schwantz, che è il mio idolo da sempre. Un po' per tutto questo la mia illusione è di continuare in questa squadra".

Per raggiungere questi obiettivi, è necessaria una buona moto. Pensi che Suzuki abbia raggiunto il livello tecnico per essere sempre in lotta per la vittoria?
"Ne sono convinto. Molte volte parlo di me stesso, ma mi riferisco a tutta la squadra, a noi. Penso che la Suzuki sia un po' come me, ha bisogno di fare esperienza e di crescere, penso che abbia bisogno di avere un pilota per diversi anni in modo che possa ottenere risultati, conoscere la moto e diventare un pilota del marchio. Ogni anno la moto va meglio ed è più forte, quindi questo ti fa credere che, se un pilota va meglio ogni anno è anche la moto che migliora. Abbiamo lo stesso obiettivo, crescere insieme, e sarebbe bello fare buoni risultati e vincere un campionato con Suzuki. Sarebbe essere un pilota Suzuki, essere andato in MotoGP e vincere con loro. Questa è la vera ragione per andare avanti".

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

L'infortunio dell'anno scorso a Brno ha rallentato i tuoi progressi. Senza quella battuta d'arresto forse avresti potuto lottare per un podio, o addirittura vincere a fine stagione. Qual è il tuo obiettivo minimo per quest'anno in questo senso?
"L'anno scorso sono stato piuttosto sfortunato. Nei Gran Premi in cui Alex (Rins) è salito sul podio, non ho potuto essere presente. Quella di Austin è stata la mia seconda gara in MotoGP, e quella di Jerez è stata la quarta e ho avuto un incidente, ma la moto funzionava molto bene. E a Silverstone non ho potuto correre perché ero infortunato. Quando sono tornato, nella gara successiva, Misano, ero nelle prime posizioni a lottare con Alex. La parte finale del campionato ero con lui, che non ha ottenuto nulla. Penso che mentre gli altri si sono evoluti noi siamo rimasti un po' lì. L'infortunio mi ha frenato la progressione, ma sono molto soddisfatto del livello a cui ero quando sono tornato, sempre tra i primi 8 e anche tra i primi sei. Nel 2019 siamo stati molto sfortunati, ma è stato un anno molto buono in termini di apprendimento".

Dopo il tuo primo anno di esperienza in MotoGP, su quali aspetti pensi di dover lavorare per alzare il tuo livello come pilota?
"Posso migliorare sotto molti aspetti. Ho avuto molti incontri con i tecnici su questo argomento, soprattutto con il mio ingegnere Frankie (Carchedi). Mi chiedo sempre: cosa posso migliorare? E lui mi dice sempre meno. All'inizio mi ha fatto un foglio con tutti gli aspetti su cui potevo lavorare, e a poco a poco il foglio era più vuoto, anche se è chiaro che ho ancora molte cose da imparare. La scorsa stagione non sono andato molto bene, ma in termini di apprendimento è stata una bomba, la migliore. Penso di poter migliorare, essendo più fine, più preciso, lavorando su quell'aggressività che ho avuto per tutta la vita, sapendo come compensare l'aggressività necessaria sui freni con la scorrevolezza necessaria per le curve".

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

In pista invece da quali piloti hai imparato di più?
"Quello da cui si impara di più è sempre il compagno di squadra, perché è con lui che si confrontano i dati. Ma ho imparato molto dai migliori piloti, quelli che sono lì per vincere le gare. La posizione e il modo in cui vanno in moto, lineare, perfetto. Sembrano molto aggressivi, ma in realtà sono molto belli nel modo in cui guidano. Essere 'leggeri' è il modo in cui si va più veloci, ed è quello che ho trovato più difficile da capire".

Dopo aver vinto 10 gare nel 2017, quando sei stato campione della Moto3, ora sono due anni e mezzo che non vinci. Ti manca molto?
"Molto, molto. Ma è stata anche una mia decisione, perché se fossi rimasto in Moto2 per un altro anno sarebbe stato più facile per me vincere. Ma mi piacciono le sfide complicate. Anche il fatto di firmare con Suzuki a breve termine, con altre squadre da cui ho avuto offerte, sarebbe stato più facile. Ma mi piace questo progetto e sacrificare i risultati delle prime stagioni renderà tutto molto più bello in seguito, quando arriveranno le vittorie".

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Con quello che sta succedendo ora, con la stagione che non parte ed un mercato un po' bloccato, la decisione di rimanere in Moto2 solo un anno può essere vista come un grande successo, perché quest'anno sembra difficile che qualcuno possa fare il salto verso la MotoGP...
"Sì, è vero. Si valutano sempre i pro e i contro delle proprie decisioni, è chiaro che mi piacerebbe avere un titolo Moto2, e penso che sarebbe stato possibile ottenerlo grazie ai rapidi progressi che ho fatto nel 2018: nella terza o quarta gara ero già con i piloti più veloci. Ma onestamente penso che questa sia stata la decisione che ho dovuto prendere in quel momento. Avrei voluto che la situazione mi avesse permesso di rimanere in Moto2 per un altro anno, è vero. Ma non rimpiango affatto la decisione che abbiamo preso, era un treno che non potevo lasciar passare".

Tornando al 2017, nonostante fosse la tua seconda stagione nel Mondiale, hai conquistato ben dieci vittorie: quel Joan Mir "killer" della Moto3 è ancora vivo dentro al Joan Mir della MotoGP?
"Di più, di più! Ho ancora più fame. Questo non l'ho perso. Quella è stata l'unica volta in cui ho potuto essere nella stessa categoria per due anni di fila, che ne pensate? Ho fatto un primo anno (2016) con molte cadute, un piccolo disastro e qualche infortunio. E il secondo anno ho vinto dieci gare. Poi un anno in Moto2 e un anno in MotoGP, non ho avuto tempo per farlo. Nella mia carriera sportiva sono salito rapidamente e ora devo consolidarmi. Personalmente, penso di essere consolidato, ma devo lavorare per diventare un pilota di punta della MotoGP".

Leggi anche:

Ti sei dato una scadenza entro la quale dovrai diventare un pilota in grado di lottare per il titolo?
"Quest'anno. Quest'anno, se ci è permesso di correre, non sto parlando di lottare per il titolo, ma di rompere le palle a più di uno. E' questa l'espressione! Essere presente ad ogni gara, anche se non si lotta per il campionato. Esserci, perché no? Penso che si sia potuto vedere nei test che siamo già lì e abbiamo solo bisogno delle gare per dimostrarlo. Sono molto orgoglioso di me e della squadra, perché penso che stiamo facendo bene, stiamo arrivando dove vogliamo arrivare".

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Marquez: "Quest'anno sarà molto difficile recuperare"

Articolo precedente

Marquez: "Quest'anno sarà molto difficile recuperare"

Prossimo Articolo

Quando Stoner negò alla Honda il vero "dream team"

Quando Stoner negò alla Honda il vero "dream team"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Germán Garcia Casanova