Mir: "Quello che ha perso di più a Le Mans è Quartararo"

condivisioni
commenti
Mir: "Quello che ha perso di più a Le Mans è Quartararo"
Di:

Joan Mir, secondo nel Mondiale MotoGP, ha dichiarato che a Le Mans sia stato Fabio Quartararo quello che ha perso di più in ottica campionato, nonostante abbia chiuso davanti al pilota della Suzuki.

Joan Mir ha concluso la gara di domenica scorsa, in Francia, all'11esimo posto, il suo peggior risultato nelle ultime sei gare, ma il pilota della Suzuki ritiene che ad averci rimesso di più in Francia sia stato il leader iridato Fabio Quartararo, nonostante abbia concluso nono davanti a lui.

Il tutto però dopo aver conquistato la pole ed aver mostrato probabilmente il passo gara migliore nel corso del weekend, prima che la pioggia arrivasse a bagnare la gara.

"Credo che il pilota da battere questo fine settimana sia Quartararo, è lui che è in testa al campionato. Probabilmente è quello che ha perso di più a Le Mans. Aveva un gran ritmo, ma poi sul bagnato non è riuscito a ripetersi ed ha guadagnato pochi punti sui suoi rivali" ha detto il maiorchino.

Riguardo alla gara di domenica c'è una curiosità: chiunque salirà sul gradino più alto del podio a Motorland Aragon, lo farà per la prima volta. Della griglia attuale della MotoGP, infatti, solamente l'infortunato Marc Marquez si è imposto su questo tracciato.

"Dobbiamo approfittarne. Cercherò di essere me stesso. La verità è che mi piacerebbe molto cogliere la mia prima vittoria ad Aragon. Sarebbe molto speciale. Ma fino a domani non potrò sapere quale sarà il mio potenziale, anche se l'idea di essere il primo a vincere qui tra tutti i piloti in pista domenica sicuramente mi entusiasma".

Il calo di prestazioni di Mir, che aveva concluso tra i primi cinque in tutte le gare in cui era giunto al traguardo quest'anno, compresi quattro podi, è coinciso con le basse temperature di Le Mans. Condizioni che si potrebbero ripetere nelle prossime quattro gare.

"Penso che sia stato più il circuito che il freddo. Quello che non ha senso è che eravamo veloci in tutti i settori tranne che nel primo. Non è stato a causa delle basse temperature, ma per il pacchetto che avevamo a Le Mans. Penso che qui possiamo essere competitivi, anche se in questa stagione, con queste gomme, è difficile fare delle previsioni sul proprio valore fino a quando non si scende in pista venerdì".

Mir è l'unico tra i piloti in corsa per il titolo a non aver ancora vinto una gara in questa stagione, ma al momento preferisce rimanere concentrato sul Mondiale piuttosto che sulla ricerca del primo trionfo.

"Sono consapevole del fatto che dobbiamo finire le gare e prendere più punti possibile ogni domenica, ma per ora non ci sto pensando. Ora penso soprattutto a ritrovare il feeling più che alla mia prima vittoria. A Le Mans non avevamo il pacchetto giusto. Un passaggio a vuoto può capitare, ma bisogna andare avanti ed attaccare senza esagerare a prendere dei rischi".

Scorrimento
Lista

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
23/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
24/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
25/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
26/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
27/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
28/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
29/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
30/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
31/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
32/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
33/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
34/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
35/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
36/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
37/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
38/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
39/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
40/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
41/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
42/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
43/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
44/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
45/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
46/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
47/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
48/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Avintia Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Jorge Martin, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP

Johann Zarco, Avintia Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Jorge Martin, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
49/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
50/50

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Bagnaia: "Sarebbe bello salutare Pramac con una vittoria"

Articolo precedente

Bagnaia: "Sarebbe bello salutare Pramac con una vittoria"

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Se voglio il titolo devo attaccare. Ma non sempre"

Dovizioso: "Se voglio il titolo devo attaccare. Ma non sempre"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Aragon
Location Motorland Aragon
Piloti Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Germán Garcia Casanova