Mir: “Passo per il cattivo del film solo per essere sincero”

Il campione del mondo in carica non comprende le critiche ricevute per i suoi commenti sull’episodio della tuta aperta di Fabio Quartararo a Barcellona.

Mir: “Passo per il cattivo del film solo per essere sincero”

Joan Mir ha ricevuto più di qualche critica da parte di alcuni media francesi e anche dallo stesso Quartararo per aver chiesto che il pilota di Nizza fosse penalizzato per aver gettato via il paracostole in gara al Montmelo mettendo a rischio gli altri piloti.

Il pilota Suzuki si è mostrato pungente due settimane fa ed è tornato a difendere la sua posizione nel giovedì del Sachsenring, quando si è tornati sull’argomento. Mir è stato uno dei più critici su quanto successo a Barcellona, non tanto per l’apertura della tuta quanto per il fatto che il pilota Yamaha avesse lanciato il paracostole in piena velocità.

“È vero che sicuramente passo per il cattivo del film, ma la realtà è che provo semplicemente ad essere sincero, dire ciò che penso ed essere sempre obiettivo. Penso che non sto dicendo nulla che non pensino tutti. Non voglio che sanzionino Fabio e credo che nemmeno gli altri lo vogliano. L’unica cosa che ho detto è che se davvero si è tolto il paracostole, quella manovra è stata pericolosa. Ma se poi, vedendo bene le immagini, è uscito fuori che è caduta, allora è un’altra cosa”, ha spiegato Mir al termine delle libere del venerdì del Gran Premio di Germania.

 

Il campione del mondo in carica non ha avuto un venerdì tranquillo al Sachsenring, ha infatti chiuso in 16esima posizione nella classifica combinata e nelle FP3 di domani proverà ad agguantare l’accesso diretto al Q2: “Non sono troppo preoccupato, ma non mi piace stare dove sono. Ho mancato un’opportunità di stare davanti. Se domani non miglioro, sarò molto più arrabbiato. Penso di avere un’occasione di fare un buon tempo nelle FP3, perché qui è importante partire il più avanti possibile”.

“Ci sono circuiti in cui arrivi, scendi in pista e la moto funziona bene. Oggi non mi sono sentito per niente bene, soprattutto nelle FP2. Con la temperatura più alta ho provato la gomma media e la dura, ho fatto il time attack con le medie, ma è stato un disastro. Lo sappiamo già per domani, con il caldo è meglio la dura. È qualcosa che si può risolvere. Ho bisogno di migliorare il turning, non lo sto facendo bene, faccio fatica a girare, non ho molto grip e bisogna migliorare questo aspetto perché l’ultimo settore della pista è molto importante, ma io perdo molto tempo. Si possono migliorare entrambe le cose, c’è del margine. Ma abbiamo iniziato un po’ a rilento e questo non è mai buono. Il team dovrà guardare i dati e sicuramente troveremo una soluzione per domani”.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/12

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rossi risponde a Marc: "Neanche a me piace fare 16esimo"

Articolo precedente

Rossi risponde a Marc: "Neanche a me piace fare 16esimo"

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: le prove libere del GP di Germania

Fotogallery MotoGP: le prove libere del GP di Germania
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021