Mir: "Non siamo meglio di Ducati e Yamaha, ma neanche peggio"

Il campione del mondo Joan Mir ha detto ieri in Qatar di sentirsi pronto per l'inizio della stagione e, anche se Ducati e Yamaha sono molto forti, la Suzuki non è da meno secondo lui.

Mir: "Non siamo meglio di Ducati e Yamaha, ma neanche peggio"

Per il pilota maiorchino, la difesa del titolo inizierà con il Gran Premio del Qatar, fissato per il 28 marzo, tra due settimane. Dopo aver completato i test pre-stagionali, il pilota della Suzuki si sento pronto per affrontare questa sfida e, anche se vede i suoi rivali come molto forti, non si considera migliore o peggiore di loro.

Secondo Mir, il riferimento in questo momento sono la Ducati e la Yamaha, ma lui crede che la Suzuki possa essere al loro livello, anche se ha aggiunto che quello perso venerdì a causa del maltempo poteva essere un giorno importante di lavoro per la Casa di Hamamatsu.

"E' vero che avrei avuto bisogno di lavorare venerdì, anche se di solito non mi piace girare troppo. Su questo circuito, vedendo la loro velocità massima, è difficile pensare che la Ducati non sarà competitiva. I loro piloti stanno lavorando bene, e lo stesso vale per la Yamaha. Noi siamo lì, non siamo meglio e non siamo peggio", ha spiegato.

"Abbiamo fatto un buon lavoro, ma ho del margine di miglioramento e nell'ultimo giorno avrei voluto lavorare su questo. Mi sento bene e penso che possiamo iniziare bene il campionato", ha aggiunto il maiorchino.

Leggi anche:

Nonostante l'intenso lavoro svolto in questi test, Mir ha detto di non essere stanco.

"Non sono stanco, abbiamo provato tante cose in questi giorni, quindi è stato un peccato non riuscire a lavorare in ottica gara, facendo 10 giri di fila con un buon set-up. Il giorno per farlo era oggi (venerdì). A me piace lavorare su una buona base, ma con un team ufficiale devi provare tutto e sono grato che portino così tanti pezzi", ha spiegato.

Nel 2020 il Gran Premio del Qatar non si è disputato a causa della pandemia del Coronavirus. Nel 2019, invece, avevamo assistito ad una gara in stile Moto3, con tutti in trenino. Il dubbio è che questa situazione possa ripetersi anche quest'anno.

"Dipende da cosa decide la Ducati. Quella volta Dovizioso ha avuto problemi di consumo degli pneumatici e ha tenuto un ritmo abbastanza 'normale' per tutta la gara, attaccando solo gli ultimi due giri. Questa è una cosa che puoi fare se hai un buon motore. Sta a loro decidere, ma noi saremo lì. Loro hanno la carta del motore, ma anche noi abbiamo le nostre".

Nella giornata di ieri, il paddock della MotoGP ha iniziato le vaccinazioni contro il COVID-19. Un tema delicato per il pilota della Suzuki.

"Per la questione della vaccinazione dobbiamo essere molto grati al Qatar ed alla MotoGP per averci dato questa possibilità. Sono consapevole che molte persone non lo vedranno bene. Non l'ho chiesto io, questa è la prima cosa, ma devo dire anche che ci hanno offerto il vaccino e non posso dire di no e darlo a qualcun altro. Non avevo questa opzione".

"Non l'ho ancora fatto, ma lo farò sicuramente nei prossimi giorni. Penso che sia un atto di responsabilità. Viaggiamo in tutto il mondo, quindi sarebbe irresponsabile non farlo, perché potremmo infettare tante persone ovunque. Così sono più rilassato e non credo che se lo faccio io ci sarà qualcuno che resta senza", ha detto Mir, che come il suo compagno di squadra Alex Rins rimarrà in Qatar insieme a tutto il team Suzuki fino alla fine del secondo Gran Premio (4 aprile).

"E' una questione di sicurezza e di responsabilità. Abbiamo tutti una famiglia e vorremmo tornare a casa, ma penso che la cosa giusta da fare sia rimanere qui e non metterci in pericolo", ha concluso il campione del mondo.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Suzuki y Pedri González, Futbolista del FC Barcelona

Joan Mir, Suzuki y Pedri González, Futbolista del FC Barcelona
8/44

Foto di: Suzuki

Frankie Carchedi, Sylvain Guintoli, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Frankie Carchedi, Sylvain Guintoli, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
23/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
24/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
25/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
26/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
27/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
28/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
29/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
30/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
31/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
32/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
33/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
34/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
35/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
36/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
37/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
38/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
39/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
40/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
41/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
42/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
43/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
44/44

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Pol Espargaro: "Avrei firmato per finire i test così"

Articolo precedente

Pol Espargaro: "Avrei firmato per finire i test così"

Prossimo Articolo

Marc Marquez va in Qatar per ricevere il vaccino anti-COVID

Marc Marquez va in Qatar per ricevere il vaccino anti-COVID
Carica commenti
MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021