Mir: "Non potevamo chiedere più del podio"

Il pilota della Suzuki è soddisfatto per il suo terzo podio stagionale, perché ritiene che le Yamaha oggi fossero imprendibili ad Assen. Ora l'obiettivo per la pausa estiva è lavorare per cercare di migliorare in qualifica, che rimane il tallone d'Achille suo e della GSX-RR.

Mir: "Non potevamo chiedere più del podio"

Alla vigilia, molti indicavano Assen come una pista potenzialmente favorevole alla Suzuki ed effettivamente lo è stata, con Joan Mir che è riuscito a tornare sul podio. Le Yamaha erano davvero troppo forti sul tracciato olandese, ma dopo l'ennesima qualifica da quarta fila, il campione del mondo ha sfoderato una bella rimonta fino al terzo posto. Il massimo che si poteva ottenere secondo lui oggi.

"Sono molto soddisfatto per questo podio, perché non avremmo potuto chiedere molto di più. Abbiamo visto per tutto il weekend quanto fossero forti le Yamaha. In gara siamo stati vicini, ma non abbastanza da poter lottare con loro", ha detto Mir ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

"Sono contento però, perché ho fatto una bella gara. Voglio ringraziare ancora una volta il team, perché abbiamo dato tutto quello che avevamo. Adesso dobbiamo lavorare durante le vacanze per cercare di fare una buona seconda parte di stagione", ha aggiunto.

Leggi anche:

Con il GP d'Olanda è andata in archivio la prima parte della stagione e al maiorchino è stato chiesto quindi di dare un voto a se stesso ed alla Suzuki, ma Joan ha preferito non da giudizi.

"Non credo che sia giusto dare dei voti, perché a volte sono io che sbaglio ed altre invece è la moto a non essere al 100%. Ma sono anche tante le volte in cui la moto mi ha aiutato. Il team sta lavorando bene e alla fine questa è la cosa più importante".

L'obiettivo per la seconda parte della stagione è cercare di migliorare la GSX-RR in qualifica, perché questo sta diventando un problema cronico, che poi impone sempre delle rimonte importanti alla domenica.

 

"Non siamo ancora migliorati sul giro secco, dobbiamo fare di più. Dobbiamo cercare quello che serve a me per essere più forte in qualifica, perché credo che ci sia più potenziale ma che io non riesco a dare di più. Dobbiamo lavorare su quest'area, perché continuo a fare fatica, ma poi alla domenica sono sempre lì, quindi vuol dire che c'è potenziale".

Oggi ha parlato di Yamaha imprendibili, quindi ha provato a spiegare perché secondo lui in questo momento le M1 sono il punto di riferimento, almeno con Fabio Quartararo, che al giro di boa del campionato lo precede di 55 lunghezze nel Mondiale.

"Vedendole da dietro, mi sembra che le Yamaha girano molto bene e sfruttano bene il grip. La Suzuki invece è un po' più aggressiva, un po' più fisica perché si muove un po' di più, quindi dobbiamo lavorare per migliorare", ha concluso.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing MotoGP
1/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing, Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/21

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP: Quartararo domina ad Assen nella doppietta Yamaha

Articolo precedente

MotoGP: Quartararo domina ad Assen nella doppietta Yamaha

Prossimo Articolo

Vinales: “Io in Aprilia? Falso, ma non so se resto in Yamaha”

Vinales: “Io in Aprilia? Falso, ma non so se resto in Yamaha”
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021