Mir: "Non possiamo dormire, abbiamo bisogno di miglioramenti"

Joan Mir è stato il primo a congratularsi con Suzuki per l'implementazione del nuovo holeshot posteriore, ma il Campione del Mondo in carica vuole più miglioramenti per essere in grado di difendere la corona.

Mir: "Non possiamo dormire, abbiamo bisogno di miglioramenti"

Il pilota della Suzuki ha chiuso in seconda posizione il Gran Premio della Stiria di domenica scorsa, tenutosi sempre al Red Bull Ring, a un secondo e mezzo dal vincitore Jorge Martin, dopo essere stato alle calcagna del pilota della Ducati Pramac per tutta la gara. 

Partito dalla quinta casella della griglia di partenza dopo una buona qualifica il sabato in Q2, oggi non è riuscito a migliorarsi, conquistando solo il settimo tempo. Una gara che, per lui, si preannuncia difficile.   

"È stato un giorno difficile. Ho avuto una giornata peggiore del previsto, probabilmente perché la temperatura della pista non mi ha aiutato molto. È un peccato perché speravo di essere più avanti. Il mio ritmo è buono", ha dichiarato il maiorchino.  

Lo scorso fine settimana, la Casa nipponica ha fatto debuttare in pista l’holeshot, il dispositivo posteriore che regola l’altezza della moto. Una novità apprezzata molto da Mir, che ha voluto evidenziare l’ottimo lavoro svolto dalla fabbrica. Tuttavia, il campione 2020, chiede di più.  

Leggi anche:

"Gli altri hanno più margine di miglioramento di noi. Abbiamo bisogno di altri miglioramenti per rendere la moto molto competitiva.  Non possiamo dormire. Questo è quello che stiamo facendo". 

In merito al dispositivo posteriore, Mir ha voluto ricordare che "è la prima versione", rendendo chiaro che bisogna cercare di creare un'evoluzione migliorata. 

Al termine della seconda sessione di qualifica, Fabio Quartararo, attuale leader della classifica mondiale, si è lamentato del fatto che lui dà sempre la scia ai suoi rivali, a differenza loro. E Mir è uno di quelli che non guarda mai per vedere se è seguito o no.  

"Gli stessi piloti sono sempre alla ricerca della ruota. In qualifica è molto frustrante essere seguito", ha detto.  

Gli è stato anche chiesta un’opinione in merito al "caso Viñales", dopo la sospensione della Yamaha e le scuse del pilota.  

"Tutti possiamo fare degli errori. Ci sono molte situazioni in cui possiamo perdere i nervi, ma bisogna sapere come controllarsi. C'è molto dietro di te, ed è questo che lo rende pesante. Hai una fabbrica dietro di te, ed è per questo che devi cercare di controllare che tipo di cose", ha commentato il pilota di Maiorca. 

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Non posso aver avuto due volte lo stesso problema"

Articolo precedente

Bagnaia: "Non posso aver avuto due volte lo stesso problema"

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: le qualifiche del Gran Premio d'Austria

Fotogallery MotoGP: le qualifiche del Gran Premio d'Austria
Carica commenti
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021