Mir: "Non ho mai guidato in condizioni così difficili"

Il campione del mondo Joan Mir non ha nascosto il suo malcontento per lo stato dell'asfalto della pista di Austin, davvero costellato di buche.

Mir: "Non ho mai guidato in condizioni così difficili"

Il pilota della Suzuki ha chiuso la prima giornata di prove del Gran Premio delle Americhe al 13esimo posto, quindi al momento sarebbe costretto a passare dalla Q1 se, come previsto, la pioggia dovesse cadere su Austin sabato mattina.

Tuttavia, il maiorchino è stato molto deluso dalle condizioni della pista texana, trovata in condizioni davvero molto accidentate.

"È stata una giornata molto difficile, non mi aspettavo di avere così tanti problemi di stabilità, non vado bene sui dossi, la priorità è trovare una soluzione, la pista è in pessime condizioni e dobbiamo trovare una soluzione a questo problema", si è lamentato Mir alla fine della giornata.

La maggior parte dei piloti si è detta preoccupata dopo il primo giorno di prove per le condizioni della pista, soprattutto in vista della gara di domenica.

Leggi anche:

"È una situazione difficile, 20 giri con questi dossi e i primi in gruppo possono essere molto difficili. La cosa più difficile è quando si cerca il giro veloce, ma è complicato perché non sono riuscito a trovare un modo per essere più veloce sulle buche. Quando sono entrato in pista al primo giro sapevo già che non sarei stato nella top 10", ha detto con rassegnazione.

Questa sera ad Austin, i piloti parteciperanno, come al solito, alla Safety Commission, nella quale discuteranno della situazione e cercheranno delle soluzioni.

"Sarà una situazione delicata, nella Safety Commission parleremo e soprattutto vedrò cosa dicono gli altri piloti, a seconda di quello che diranno cercheremo soluzioni per quest'anno e, soprattutto, per il prossimo", ha detto.

Il pilota della Suzuki ha indicato i punti più critici per la guida a causa delle buche.

"Curva due, prima di andare in curva tre pure, e in curva cinque c'è un buco enorme. Direi che l'intero T2 e parte del primo settore è dove ci sono più dossi: non ho mai guidato in condizioni come questa nella mia vita", ha detto.

Mir non ha voluto elevare la situazione allo status di pericoloso, ma ha indicato alcune situazioni che potrebbero diventarlo.

"È imprevedibile quello che può succedere se, per esempio, devi andare fuori traiettoria, se devi sorpassare qualcuno puoi colpire una buca e portare un altro pilota con te. Questa sono solo alcune delle cose che possono succedere. Ma è uguale per tutti, è complicato e dobbiamo cercare soluzioni", ha concluso il maiorchino.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Suzuki

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP delle Americhe
Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: le Prove Libere del GP delle Americhe

Prossimo Articolo

Quartararo: "Austin ora sembra una pista da motocross"

Quartararo: "Austin ora sembra una pista da motocross"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021