Mir "non aveva bisogno" della convalida di Marquez per il titolo

Il campione del mondo MotoGP, Joan Mir, dice di non aver "avuto bisogno" della convalida di Marc Marquez per il suo titolo 2020, nonostante la gente metta ancora in dubbio la legittimità della vittoria del pilota della Suzuki.

Mir "non aveva bisogno" della convalida di Marquez per il titolo

Mir ha messo fine ad un'attesa lunga 20 anni per la Suzuki il mese scorso, quando ha vinto il Campionato del Mondo di MotoGP al Gran Premio della Comunità Valenciana.

Ma Mir ha dovuto immediatamente fronteggiare i commenti di chi sostiene che l'assenza del sei volte campione del mondo Marquez, che si è infortunato in occasione del Gran Premio di Spagna, abbia in qualche modo svalutato il titolo 2020, nonostante i due diretti interessati abbiano ripetutamente confutato la cosa.

Prima di una terza operazione al braccio infortunato, Marquez ha detto in un'intervista concessa all'edizione spagnola di DAZN che riteneva che Mir fosse un campione "meritevole".

Tuttavia, Mir - che è stato premiato come pilota dell'anno agli Autosport Awards 2020 - dice di non avere sentito il bisogno dell'opinione di Marquez per convalidare la vittoria del titolo, ed ha sottolineato che molti Campionati del Mondo sono stati vinti da piloti che hanno battuto anche dei rivali infortunati.

Leggi anche:

"Non avevo bisogno dell'opinione di Marquez, perché dentro di noi sappiamo che questo sport c'è molto rischio", ha detto Mir ad Autosport durante la consegna del premio.

"E dobbiamo anche giocare con questo rischio, dobbiamo giocare con il limite. E' importante non superare il limite, perché ci si può infortunato. E su questo aspetto, Marc negli ultimi anni era intoccabile".

"Ha fatto un errore nella prima gara e ci sono molti campionati in cui il pilota di punta è caduto o si è infortunato, quindi un altro pilota ha colto l'occasione per vincere. Questo non significa che il campionato abbia meno valore".

"Se si deve togliere il campionato a tutti quelli che hanno vinto in questo modo, probabilmente sul trofeo che mi hanno consegnato non ci sarebbe più quasi nessun nome!".

Durante un'edizione speciale del podcast Tank Slappers, Mir ha detto: "Non vedo l'ora di iniziare a combattere con Marc", ma ha ammesso che sia lui che la Suzuki hanno bisogno di migliorare per spuntarla in un testa a testa con il pilota della Honda.

Marquez è stato dimesso dall'Hospital Ruber Internacional di Madrid domenica scorsa per continuare la sua convalescenza dopo la terza operazione, e probabilmente dovrà affrontare un periodo di riabilitazione di sei mesi, anche se la Honda non ha ancora dato una tempistica definitiva per il suo recupero.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Petronas: "Rossi sarà molto veloce con il nostro appoggio"

Articolo precedente

Petronas: "Rossi sarà molto veloce con il nostro appoggio"

Prossimo Articolo

Barcellona ridisegna la curva 10 "old style" per il 2021

Barcellona ridisegna la curva 10 "old style" per il 2021
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Marc Márquez Alenta , Joan Mir
Autore Lewis Duncan
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021