Mir: "Nessuno si aspetta grandi cose da un rookie, devo dimostrargli che hanno torto!"

Joan Mir è pronto ad affrontare la sua prima stagione in MotoGP con l'intenzione di dimostrare che quelli che pensano che i debuttanti non possono lottare al top per mancanza d'esperienza si sbagliano.

Mir: "Nessuno si aspetta grandi cose da un rookie, devo dimostrargli che hanno torto!"
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Dopo i suoi primi due test come pilota Suzuki in MotoGP, a cui ha preso parte lo scorso novembre, il pilota maiorchino tornerà sulla GSX-RR mercoledì, nel primo giorno dei test collettivi del 2019, a Sepang.

Mir, che con i suoi 21 anni sarà il secondo pilota più giovane sulla griglia dopo Fabio Quartararo, debutterà nella classe regina con l'intenzione di convalidare la tesi che ha sempre difeso, secondo cui un pilota non deve per forza essere campione del mondo della Moto2 prima di fare il salto il MotoGP.

"L'obiettivo è imparare e migliorare di gara in gara. Voglio arrivare ad un buon livello in Qatar (prima gara), adattarmi alla categoria ed alla moto, e da lì in avanti cercare di crescere, riducendo sempre di più il distacco dai piloti di vertice" ha detto Mir in un video in cui è stata presentata la nuova GSX-RR.

Per l'ex campione del mondo della Moto3, che nel 2018 ha ottenuto quattro podi all'esordio in Moto2, la pressione di iniziare la sua carriera in MotoGP in un team ufficiale non è un peso, quanto un qualcosa che dovrebbe permetter di offrire il meglio di sé.

Leggi anche:

"La teoria secondo cui i rookie non hanno alcuna pressione non è necessariamente vera. C'è sempre la pressione, c'è sempre qualcosa che ti rende nervoso, ma è anche vero che non tutte le pressioni sono cattive: c'è una parte che ti aiuta a migliorare giorno dopo giorno. C'è qualcosa nello stomaco che ti spinge a migliorare te stesso" ha spiegato lo spagnolo.

Poi ha aggiunto: "Ma sì, diciamo che il fatto di essere un debuttante ti tiene un po' a riparo, perché nessuno si aspetta grandi cose da un pilota senza esperienza. E' lì che devo dimostrargli che hanno torto".

Il #36 ha passato l'inverno a prepararsi fisicamente per questa nuova sfida e lo ha fatto soprattutto sulla neve.

"Ho messo su un chilo di muscoli, ma ho ancora bisogno di trovarne un altro, anche se lo sto facendo un passo alla volta. Ho passato la maggior parte dell'inverno a sciare" ha detto Mir, consapevole dell'importanza della componente fisica nella nuova categoria.

"Essere un debuttante non mi spaventa, ma ovviamente penso molto a come mi adatterò alla moto. In ogni categoria, ciò che fa la differenza è la velocità con cui ti adatti, sia alla moto che alle gomme. Devo analizzare come guidano gli altri per cercare di avvicinarmi a loro" ha concluso il pilota maiorchino.

condivisioni
commenti
Rins ci crede: "Io e la Suzuki ora siamo pronti per la vittoria"

Articolo precedente

Rins ci crede: "Io e la Suzuki ora siamo pronti per la vittoria"

Prossimo Articolo

Yamaha presenta la M1 2019: la nuova arma di Rossi e Vinales è neroazzurra!

Yamaha presenta la M1 2019: la nuova arma di Rossi e Vinales è neroazzurra!
Carica commenti
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021