Mir: “Miller non mi ha chiamato, pensa di non aver fatto niente”

Il campione del mondo in carica arriva alla terza gara della stagione in sesta posizione nella classifica generale, a 18 punti dal leader e reduce da uno scontro duro con Jack Miller nella seconda gara in Qatar.

Mir: “Miller non mi ha chiamato, pensa di non aver fatto niente”

Il Gran Premio di Doha, secondo appuntamento della stagione disputato in Qatar, si sarebbe potuto concludere in maniera negativa per Joan Mir, che è stato colpito sul rettilineo da Jack Miller in una manovra pericolosa da parte dell’australiano.

La Direzione Gara ha deciso di non sanzionare l’incidente e anche se c’è stato un reclamo verbale da parte di Suzuki, la questione si è conclusa senza trovare responsabilità. Questa cosa non ha fatto piacere al campione del mondo in carica, che continua a considerare la manovra di Miller molto pericolosa e ritiene che dovesse essere penalizzato.

Da allora, Mir ha riconosciuto di non essere tornato a parlare con l’australiano: “Non ho parlato con Miller, se lui pensa che non ci sia bisogno di parlare, sicuramente è perché crede di non aver fatto nulla di male. Io non gli ho scritto perché non gli ho fatto niente e sicuramente lui pensa la stessa cosa. Tutti abbiamo visto quello che è successo, lui mi ha guardato, è venuto verso di me e mi ha colpito. Però voltiamo pagina”.

Tuttavia, nonostante l’evidenza dell’incidente, Suzuki non ha presentato un reclamo né ha fatto una protesta più grande e questo ha lasciato indifeso il maiorchino: “Beh, non so cosa rispondere, sono andati a protestare, ma non è stato nemmeno affrontato pienamente il tema. Non so, non voglio nemmeno entrare troppo nel merito, basta. Ciò che deve essere giudicato è l’azione, per me è fuori dalle regole, la Direzione Gara pensa di no e non ne ricaveremo niente da tutto questo, quindi basta”.

In vista del fine settimana in Portogallo, Mir è motivato: “Mi sento abbastanza bene, ho le batterie ricaricate, penso che possa essere un weekend positivo per me. arrivo motivato, vediamo dove possiamo arrivare, ho un sassolino dalla scarpa da togliermi dopo lo scorso anno”.

Lo scorso anno, la gara di Portimao è stata l’ultima della stagione e per Mir è stata un vero disastro, costretto al ritiro. Fortunatamente per lui, la lotta per il titolo si era già conclusa e ha potuto vivere questo ritiro con un atteggiamento diverso.

“L’anno scorso non mi sono rilassato, ho avuto un problema con un motore tutto il sabato, sono dovuto partire molto indietro in griglia e poi in gara, nei sorpassi, mi sono toccato con Pecco Bagnaia. Questo ha fatto sì che si rompesse una cosa dell’elettronica e mi sono dovuto ritirare. Non ero rilassato per essere diventato campione, non mi sono rilassato mai in tutta la stagione, fino alla fine”, ha affermato Mir.

Per la prima volta, il pilota Suzuki potrà difendere la corona di fronte al vecchio campione del mondo, Marc Marquez, che torna dopo una lunga assenza causata dall’infortunio. Gli è stato chiesto se questo fosse un fine settimana speciale.  

“Per me non è un weekend speciale, lo è per chi torna. Il mio obiettivo è lo stesso, dare il cento per cento con quello che ho. Per lui sicuramente sarà più speciale, non è venuto in Qatar e qui la Honda va bene, Portimao è una buona pista per la sua moto. Sicuramente è tornato quando ha visto che la forma fisica era idonea per farlo. Io mi sarei comportato allo stesso modo, sicuramente sarà veloce, non so in quale momento, ma sono sicuro che avverrà presto”.

condivisioni
commenti
Morbidelli: "Contento delle contromisure della Yamaha"
Articolo precedente

Morbidelli: "Contento delle contromisure della Yamaha"

Prossimo Articolo

Rossi: "Non so perché i factory siano andati bene e noi no"

Rossi: "Non so perché i factory siano andati bene e noi no"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021