Mir: "La vittoria è arrivata al momento giusto"

Il pilota della Suzuki si gode la domenica trionfale della sua prima vittoria in MotoGP nel GP d'Europa, che vale anche una bella fetta di Mondiale.

Mir: "La vittoria è arrivata al momento giusto"

Joan Mir si è liberato di un peso e probabilmente non avrebbe potuto farlo in un momento migliore, perché la sua prima vittoria in MotoGP ha messo probabilmente un sigillo anche su quello che tra 7 giorni potrebbe essere il suo primo titolo iridato nella classe regina.

Il pilota della Suzuki si è imposto nel Gran Premio d'Europa, spuntandola proprio sul compagno di box, ed era i due portacolori della Casa di Hamamatsu sono primo e secondo anche nel Mondiale. Mir però ha dalla sua parte un bottino di 37 punti. Un gap importante quando in palio ce ne sono solo 50.

Subito dopo la gara, parlando ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD, il maiorchino non ha nascosto che questa vittoria è stata una bella liberazione, visto che ormai le domande riguardo alla possibilità che fosse campione senza successi si ripetevano quasi come un disco rotto.

"Lo sapevo che era solo questione di aspettare un po', perché eravamo stati competitivi in tutte le gare, quindi questa vittoria doveva arrivare. Sono contento per come è arrivata, perché è il momento giusto" ha detto Mir.

"Forse poteva arrivare anche prima senza la sfortuna dell'Austria, però oggi non abbiamo vinto perché gli altri hanno sbagliato, lo abbiamo fatto perché eravamo i più veloci" ha aggiunto.

Leggi anche:

Il momento chiave della corsa è arrivato a 11 giri dal termine, quando il suo compagno Rins è andato lungo in staccata per un problema in scalata e questo gli ha permesso di infilarlo. Poi ha sfruttato la differenza di ritmo che c'era a suo favore.

"Quando ero dietro ad Alex, lui aveva un buon ritmo, quindi ho deciso di seguirlo, anche perché passarlo poteva essere un po' rischioso e c'è tanto rispetto tra di noi per quanto riguarda i sorpassi.

"Quando ho visto che è andato un po' lungo, ho sfruttato l'opportunità ed ho cominciato a spingere. A quel punto avevo un paio di decimi di margine e questo mi ha permesso di vincere".

Passando poi ai microfoni di DAZN, Mir ha raccontato la maturazione che lo ha portato a lottare per il titolo al suo secondo anno nella classe regina.

"Non so da dove mi arriva questa capacità di gestire il campionato. Sono sicuro che essere arrivato qui così velocemente mi ha fatto maturare e magari ho qualcosa in più rispetto a piloti che sono stati in MotoGP cinque anni. Dobbiamo approfittare del momento e del modo in cui stanno andando le cose".

Riguardo ai 37 punti di margine, pur riconoscendo che si tratta di un vantaggio importante, ha spiegato di non avere intenzione di cambiare il suo atteggiamento per la seconda gara al Ricardo Tormo di Valencia.

"E' una buona differenza: se nella prossima gara riuscirò a stare nei primi cinque, il titolo sarà nostro. Ma attenzione (ride), correremo proprio come abbiamo fatto oggi e alla fine della gara vedremo come saremo messi".

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP, secondo posto Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, terzo posto Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Il vincitore Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Pol Espargaro: "Ho dato tutto, ma ora le Suzuki sono imbattibili"

Articolo precedente

Pol Espargaro: "Ho dato tutto, ma ora le Suzuki sono imbattibili"

Prossimo Articolo

Rins: “Se avessi avuto il passo, avrei attaccato Mir”

Rins: “Se avessi avuto il passo, avrei attaccato Mir”
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021