Mir: “Il sorpasso a Vale? In gara non pensi a chi hai davanti”

Joan Mir conquista il secondo podio della stagione a Misano con uno splendido terzo posto e conferma il potenziale della Suzuki. Lo spagnolo è quarto in classifica e può anche sognare in grande.

Mir: “Il sorpasso a Vale? In gara non pensi a chi hai davanti”

Il Gran Premio di San Marino ha incoronato Franco Morbidelli, che ha centrato il primo successo in carriera davanti ad uno stoico Francesco Bagnaia. Ma il podio è più che vario, perché sul terzo gradino sale Joan Mir ed al traguardo nelle prime tre posizioni troviamo tre moto diverse. Il pilota della Suzuki è autore di una gara magistrale terminata con una terza posizione conquistata proprio all’ultimo giro.

Lo spagnolo beffa Valentino Rossi nel finale dopo una grande battaglia che ha visto protagonista anche il compagno di squadra Rins. Il tentativo di Mir di sopravanzare Bagnaia è vano, ma il risultato finale è comunque di rilievo e con la terza posizione conferma le ottime prestazioni della Suzuki, che già era salita sul podio in Austria proprio con il maiorchino.

“Abbiamo dato tutto quello che avevamo – afferma Mir ai microfoni di Sky Sport – Sapevamo che all’inizio era un po’ più difficile essere competitivo. Sono quasi caduto un paio di volte, ma ho tenuto duro, sapevo dov’era il limite. Poi ho visto che mi sentivo bene e ho cominciato a fare 32 alti e mi sentivo a mio agio, riuscivo a prendere gli altri che lottavano per il podio e ho colto questa occasione”.

Leggi anche:

Mir descrive poi la costruzione del sorpasso a Rins ed a Rossi, che gli hanno consegnato la terza posizione. Il giovane spagnolo ha avuto la meglio sul nove volte campione del mondo, un risultato emozionante. Ma Mir non ci pensa: “Ho visto negli ultimi giri che ero abbastanza forte nel settore in cui ho passato Valentino, in staccata mi trovavo bene e ho potuto passare Rins al giro precedente. Poi ho capito che sarei stato in grado di passare Valentino al giro dopo, in quella curva. Pensare di passare Rossi? Io non vedevo nessuno, vedevo solo un oggetto davanti a me. Chiaramente sapevo di avere davanti Valentino, però in quel momento non pensi. Mi dispiace per lui, ma noi ce l’abbiamo fatta. È andata bene e ne sono contento”.

Il podio è arrivato nonostante qualche difficoltà nelle fasi iniziali di gara, che però Mir ha saputo gestire: “La moto era abbastanza nervosa nella parte veloce per tutta la gara, è stato difficile essere veloci in quel settore. Sembrava che gli altri andassero più forti perché evidentemente erano più stabili. Dopo le gomme non hanno calato tanto, forse mi è mancato un giro per poter passare Bagnaia, che soffriva abbastanza alla fine, ma anche il terzo posto va bene”.

Attualmente, il pilota Suzuki occupa la quarta posizione nella classifica generale e ha un distacco di soli 16 punti dalla vetta. Il sogno iridato non è matematicamente impossibile, ma Mir non vuole pensare in grande: “Manca tanto per pensare al mondiale. È importante essere così competitivi in tutte le gare che ci mancano, non dobbiamo cadere, non dobbiamo commettere errori, perché vediamo che gli altri stanno sbagliando tanto. Dobbiamo approfittare di questa situazione per vedere alla fine dove arriviamo”.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/11

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bagnaia: “Spero di essere compagno di Miller nel 2021”

Articolo precedente

Bagnaia: “Spero di essere compagno di Miller nel 2021”

Prossimo Articolo

Rossi scherza: "Ho allevato delle serpi in seno"

Rossi scherza: "Ho allevato delle serpi in seno"
Carica commenti
MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021
Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo Prime

Aprilia: il podio come punto di partenza, non come traguardo

Il terzo posto di Aleix Espargaro ha rappresentato il primo podio della Casa di Noale nell'era MotoGP. Un risultato che premia per un percorso che è stato costellato di ostacoli, ma che deve essere preso come punto di partenza per ambire a qualcosa di ancora più grande. Anche perché ora c'è pure un sogno di nome Maverick Vinales.

MotoGP
1 set 2021
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese Prime

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Valentino lascerà l'amato mondo delle 2 ruote per... raddoppiare e salire sulle 4. La voglia di essere protagonista anche nelle GT3 è tanta e si può fare un percorso serio con la Ferrari, ma dovrà essere capace di calarsi nella parte e non voler tutto subito. Vediamo come e perché.