Mir: “Ho fatto il massimo con quello che avevo a disposizione”

A Portimao Joan Mir è stato autore di una gara in rimonta dalla nona alla terza posizione, che gli ha garantito il primo podio della stagione. Il campione del mondo in carica lascia il Portogallo con la voglia di migliorare la sua Suzuki, al momento meno efficace rispetto alle moto dei suoi avversari.

Mir: “Ho fatto il massimo con quello che avevo a disposizione”

Ormai Joan Mir ci ha abituati alle rimonte e anche il Gran Premio del Portogallo non è stato diverso: il campione del mondo in carica scattava dalla nona casella ed è riuscito a risalire la china per conquistare anche il podio a Portimao. Il pilota Suzuki si è così rifatto dopo il ritiro dello scorso anno, riuscendo a riscattarsi riuscendo a tagliare il traguardo in terza posizione.

Mir ottiene così il suo primo podio della stagione grazie al terzo posto e nel finale ha anche provato ad insidiare la seconda posizione di uno stratosferico Pecco Bagnaia in rimonta. Il campione in carica però non è riuscito a sopravanzare il pilota Ducati, accontentandosi così della terza piazza. Il risultato finale lo rende comunque soddisfatto e ritiene di aver fatto un buon lavoro.

La Suzuki al momento non si è mostrata la miglior moto della griglia, ma il maiorchino è riuscito a limitare i danni: “Mi do un voto abbastanza alto, perché con quello che ho, ho saputo più o meno rimanere in pista. È stata una gara davvero dura, veloce, agguerrita e calda. Sono contento, ma penso che avremmo potuto migliorare. Forse ci siamo persi qualcosa, faticavo con l'anteriore, ma poi ho trovato un buon passo. Con quello che avevo a disposizione ho dato il 100%”.

Inoltre la grande difficoltà di Mir è stata dover fare a meno del suo capo tecnico Frankie Carchedi, risultato positivo al Covid-19: “È stato un weekend difficile senza Frankie. Abbiamo lavorato insieme in maniera telematica, però avevo un altro capo tecnico, Tom O’Kane, del test team. È stato bravissimo e questo podio è un risultato grandissimo, una bella ricompensa per entrambi”.

 

In alcune fasi di gara inoltre sembrava piuttosto in affanno rispetto ai piloti che lo precedevano, anche se negli ultimi giri si era mostrato più aggressivo: “Non so perché, ma dobbiamo vedere. All’inizio della gara mi sono sentito bene, poi dobbiamo vedere la pressione delle gomme come erano, per il fatto di essere dietro ai primi due. Però a metà gara non mi sentivo bene. Davanti facevo tanta fatica, ma questa cosa durante il warm-up non mi è successa, anzi. La moto andava meglio, ma anche la temperatura era più alta, la moto si muoveva di più e il passo era più forte. Per questo è stato difficile per me. bisogna vedere queste piccole cose che dopo faranno la differenza”.

Dunque il Gran Premio del Portogallo è stato una lotta: “Alla fine sono stato in grado di sopravvivere con quello che avevo, ho sopportato. Mi sarebbe piaciuto sorpassare Pecco per finire secondo, ma lui si è difeso benissimo. Negli ultimi due giri, Pecco aveva abbassato un po’ e io avevo qualcosa in più. Ma lui riusciva a chiudere bene tutte le porte e io ero nervoso perché sapevo che Morbidelli stava arrivando, ma alla fine sono riuscito a salvare il podio”.

Attualmente Mir è quinto in classifica con 38 punti, a 23 lunghezze dal nuovo leader Fabio Quartararo. Nonostante le difficoltà incontrate in questa primissima fase di stagione, il maiorchino è convinto di poter provare a difendere il titolo: “Sicuramente queste gare che abbiamo fatto non sono state le migliori, eppure siamo stati davanti e abbiamo lottato per il podio sulle due piste, perciò credo che si possa lottare per il mondiale”.

condivisioni
commenti
Rossi: "Peccato, i punti avrebbero dato morale"

Articolo precedente

Rossi: "Peccato, i punti avrebbero dato morale"

Prossimo Articolo

Quartararo: “Il 70% del risultato è dato dalla mentalità”

Quartararo: “Il 70% del risultato è dato dalla mentalità”
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP del Portogallo
Sotto-evento Gara
Location Algarve International Circuit
Piloti Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP
Autore Lorenza D'Adderio
Pagelle MotoGP: Miller perfetto, Mir cambia moto senza moto Prime

Pagelle MotoGP: Miller perfetto, Mir cambia moto senza moto

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Francia di MotoGP. Sulla pista di Le Mans, abbiamo assistito alla seconda vittoria in stagione di Jack Miller, praticamente perfetto sulla sua Ducati ufficiale. Di rimando, il campione del mondo in carica, Joan Mir, è protagonista di una situazione kafkiana...

Lap Chart MotoGP: la clamorosa rimonta di Bagnaia Le Mans Prime

Lap Chart MotoGP: la clamorosa rimonta di Bagnaia Le Mans

Il Gran Premio di Francia di MotoGP è stato uno degli eventi più carichi di colpi di scena della storia recente del motomondiale. Andiamo a ripercorrerlo nel dettaglio grazie alla nostra animazione grafica

MotoGP
17 mag 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Francia Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Francia

Andiamo a scoprire insieme la griglia di partenza del Gran premio di Francia di MotoGP, quinta prova del campionato 2021

MotoGP
16 mag 2021
MotoGP: come si affronta il GP di Francia Prime

MotoGP: come si affronta il GP di Francia

La MotoGP si appresta a vivere il suo quinto fine settimana di gare del 2021. La pista di Le Mans ospita il Gran Premio di Francia: andiamo a scoprirne segreti e curiosità in questo nostro giro di pista virtuale

MotoGP
14 mag 2021
Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti” Prime

Ceccarelli: “Arriva anche la telemetria per i piloti”

Torna l'appuntamento con la rubrica del mercoledì firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano di come la ricerca medica si sia evoluta per andare ad assistere i piloti nelle fasi di guida, recependo dati telemetrici utili al fine di migliorare le performance

MotoGP
12 mag 2021
MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte Prime

MotoGP: scatta l'allarme sicurezza per le velocità troppo alte

I paurosi incidenti visti a Jerez hanno fatto scattare l'allarme tra i piloti per le velocità elevate raggiunte dalle MotoGP, ma convincere i costruttori a fare un passo indietro sembra davvero difficile.

MotoGP
7 mag 2021
Rossi: quanto è amaro dirsi addio Prime

Rossi: quanto è amaro dirsi addio

Valentino Rossi sta attraversando il più difficile avvio di stagione della carriera. Appena quattro punti in altrettante gare. Lontano dalla top15, il Dottore rischia di vivere una lenta stagione da incubo in attesa di ufficializzare una decisione che, onestamente, sarebbe stato bene intraprendere anni fa

MotoGP
5 mag 2021
Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo" Prime

Ceccarelli: "Un allarme per la MotoGP il guaio di Quartararo"

Franco Nugnes, in compagnia del Dottor Ceccarelli, affronta il tema dell'ennesimo caso di sindrome compartimentale in MotoGP. Fabio Quartararo si è dovuto arrendere al dolore durante il GP di Spagna: classe regina in allarme?

MotoGP
5 mag 2021