Mir felice: "Ora con l'holeshot partiamo alla pari con tutti"

Il campione del mondo in carica della MotoGP ha sfruttato al massimo l'holeshot, appena arrivato da Hamamatsu, e ha colto un secondo posto di grande valore alle spalle dell'imprendibile Jorge Martin su Ducati.

Mir felice: "Ora con l'holeshot partiamo alla pari con tutti"

Forse nemmeno nei sogni più spinti, in Suzuki, avrebbero pensato di portare a casa uno splendido secondo posto al Gran Premio della Stiria che si è tenuto questo pomeriggio sul tracciato del Red Bull Ring.

Joan Mir, dopo un inseguimento vano - ma rivelatosi interessante per gran parte della gara - ha concluso alle spalle del solo Jorge Martin e di una Ducati confermatasi super sulla pista che più ne esalta le caratteristiche, dunque accelerazione e potenza.

L'adozione del sistema holeshot da parte della Suzuki ha aiutato non poco Mir, che ha sfruttato subito bene il sistema di abbassamento della moto e ha portato a casa un risultato molto importante.

"Sapevo che in questa gara Martin potesse essere molto forte. Quando ha tutto in ordine, come in Qatar, è davvero forte. E' andato velocissimo, ha gestito benissimo la gara alla fine, perché ha anche risparmiato la gomma per gli ultimi giri", ha dichiarato a fine gara il campione del mondo in carica della MotoGP ai microfoni di Sky.

"Io all'inizio riuscivo a stare con lui, la mia moto andava molto bene, ma dopo, con il deteriorarsi delle gomme, perdevo tanto in accelerazione nei primi 2 settori. Recuperare nel terzo e nel quarto settore era molto complicato".

 

"Però sono contento, orgoglioso del team perché quest'estate in Giappone hanno lavorato molto bene. Hanno portato l'holeshot, che è un device che a noi mancava. Certo, ci mancano ancora delle cose, ma ora abbiamo anche noi l'holeshot e sono molto contento per loro".

Mir ha sottolineato l'importanza dell'arrivo dell'holeshot dopo un grande lavoro fatto dalla Suzuki, ad Hamamatsu, nel corso della pausa estiva. Con il sistema montato, Mir è stato in grado di sfruttare meglio l'accelerazione della GSX-RR e di avere potenza a sufficienza per portare a casa il secondo posto.

"Non so se senza l'holeshot avremmo fatto peggio. Però è un fatto: abbiamo fatto gran parte della stagione senza quel device e abbiamo fatto fatica. Quello è chiaro. Alla fine con quel device partiamo nelle medesime condizioni degli altri. Non è poco. Eravamo gli unici a non averlo e si sente. Ora la moto accelera di più e in questa pista in particolare è molto, molto importante".

"Penso che su questa pista l'aspetto umano conti tanto. Noi siamo forti in Austria, anche se il punto forte della nostra moto non è né l'accelerazione, né la frenata. Però, per un motivo o per un altro, siamo sempre competitivi. Alla fine credo proprio che il pilota qui possa fare la differenza".

"Non credo che la presenza di Brivio mi abbia aiutato. Vedere Davide lì è stato come tornare nel 2020. Però alla fine ha fatto la differenza avere l'holeshot!", ha scherzato Mir a fine intervista.

condivisioni
commenti
Quartararo: "E' un podio molto importante"

Articolo precedente

Quartararo: "E' un podio molto importante"

Prossimo Articolo

Espargaro attacca i commissari: "Guardavano le Olimpiadi?"

Espargaro attacca i commissari: "Guardavano le Olimpiadi?"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021