Mir: "Duello con Quartararo? Io vorrei farlo con Marc"

Con il secondo posto di Barcellona, il pilota della Suzuki si candida al ruolo di primo antagonista di Quartararo. Ma lui sogna di sfidare Marc Marquez...

Mir: "Duello con Quartararo? Io vorrei farlo con Marc"

Ormai potremmo quasi iniziare a chiamarlo "Mister concretezza". E in un campionato con così tanti alti e bassi rischia di diventare una caratteristica fondamentale per aspirare al titolo mondiale della MotoGP.

E' facile intuire di chi stiamo parlando, perché quello di Barcellona è stato il quarto podio nelle ultime cinque gare per Joan Mir, che ora ha solo bisogno di fare l'ultimo step per regalarsi la prima vittoria nella classe regina.

Ancora una volta, il pilota della Suzuki si è reso protagonista di una rimonta maiuscola dall'ottava casella dello schieramento di partenza, arrivando ad artigliare il secondo posto proprio quando mancavano solo due giri al termine.

L'unico neo, volendone trovare uno, è che il vincitore è stato quel Fabio Quartararo che lo precede di 8 lunghezze nel Mondiale, ma Joan per il momento preferisce godersi il momento positivo suo e della Suzuki, che oggi ha messo due GSX-RR sul podio.

"Sono contentissimo. Sapevamo di avere un buon ritmo, ma anche che le Yamaha erano un pelino più veloci di noi. Alla fine le gomme sono calate tanto e noi siamo riusciti a recuperare, conquistando il podio. Sono molto contento anche per Rins, perché pure lui ha fatto un ottimo lavoro. Vedere due Suzuki sul podio è tanta roba" ha detto a caldo Mir ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

Leggi anche:

Probabilmente, ora lo step che serve per andare all'attacco della vittoria è riuscire a migliorare le prestazioni in qualifica, visto che ogni domenica è chiamato a completare delle rimonte.

"In qualifica ci manca ancora qualcosa. Non so dire perché, ma faccio tanta fatica ad avere il grip che hanno i migliori e quindi non riesco a trovare il feeling giusto. Ieri ho preso otto decimi, che è tantissimo".

"La cosa buona è che poi in gara ci siamo sempre, anche se per la mia salute mi piacerebbe imparare ad essere più veloce anche in qualifica. Partire sempre dietro è sempre un casino, perché può succedere di tutto".

L'etichetta di pilota della domenica però non gli piace troppo, perché secondo lui in gara viene solo fuori il grande lavoro che compie insieme alla sua squadra.

"Non è che mi sveglio la domenica e sono un pilota migliore. Con il team lavoriamo bene tutto il weekend in vista della gara e questo si vede già dal Warm-Up, perché riesco ad essere veloce con il serbatoio pieno. Non penso che sia una questione personale, ma che sia più legata al lavoro che stiamo facendo insieme come squadra".

Ora all'orizzonto sembra prospettarsi un grande duello con Fabio Quartararo, ma il maiorchino sembra già guardare oltre, perché lui sogna di battagliare con il grande assente Marc Marquez.

"Mi piacerebbe farlo con Marquez, perché adesso non c'è ed è lui quello che ha vinto negli ultimi anni. Sarebbe bello lottare con lui".

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
MotoGP: Quartararo torna "Diablo" a Barcellona, Rossi cade

Articolo precedente

MotoGP: Quartararo torna "Diablo" a Barcellona, Rossi cade

Prossimo Articolo

Dovizioso: "Un incidente così taglia le gambe, ma ci credo ancora"

Dovizioso: "Un incidente così taglia le gambe, ma ci credo ancora"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021