Mir: "Dopo un contatto ho perso il traction control"

Il campione del mondo della Suzuki ha dovuto concludere la stagione con un amaro ritiro dovuto alla improvvisa perdita del controllo di trazione a seguito di un contatto avvenuto nei giri iniziali.

Mir: "Dopo un contatto ho perso il traction control"

Quella di Portimao doveva essere la gara perfetta per Joan Mir per concludere una stagione incredibile e celebrare il titolo iridato conquistato 7 giorni fa a Valencia, ma per il pilota della Suzuki il weekend si è trasformato in un incubo sin dalla giornata di ieri.

Al sabato lo spagnolo aveva ottenuto il suo peggior risultato in qualifica stagionale ottenendo un misero ventesimo tempo a causa di un problema di natura elettronica ed oggi è stato costretto al ritiro ancora una volta per noi elettriche ma di diversa natura.

Il pilota della Suzuki è stato autore di un ottimo avvio che gli aveva consentito di recuperare numerose posizioni nonostante il tracciato di Portimao non sia uno dei circuiti più semplici sui quali superare, ma l’improvvisa perdita del controllo di trazione l’ha costretto ad alzare bandiera bianca.

“E’ stata una giornata sfortunata. Nei primi due giri mi sentivo molto bene con la moto. Un contatto con un pilota, non so se Zarco o Bagnaia, ha provocato il problema che ha poi portato alla perdita del controllo della trazione. Questo è stato il motivo che mi ha costretto al ritiro. E’ un peccato aver finito la stagione così”.

Mir, successivamente, si è voluto scusare con il pilota italiano per un sorpasso giudicato decisamente esagerato proprio dallo stesso campione del mondo.

Pecco, tra l’altro, è stato anch’egli costretto al ritiro nelle battute iniziali a causa di un problema alla spalla destra causato da un probabile contatto non ripreso dalle telecamere presenti in pista.

“Mi devo scusare con Pecco per una manovra molto aggressiva. In passato sono stato io il primo a criticare questo genere di manovre ed oggi non sono stato pulito. Mi dispiace. Da questo contatto, però, è derivato il problema di elettronica”.

Il pilota spagnolo ha poi descritto cosa sia accaduto alla sua moto parlando di un controllo di trazione entrato in azione a fasi alterne e che ha rischiato in più di una occasione di farlo cadere per terra.

“Ho perso improvvisamente il controllo di trazione. In alcune parti della pista funzionava, in altre no. Era molto pericoloso perché in alcune occasioni ho rischiato molto e col passare dei giri la situazione è peggiorata a tal punto che sono stato costretto al ritiro”.

L’elettronica è stata il tallone d’Achille sulla Suzuki di Mir in questo sfortunato ultimo weekend della stagione, ma il campione del mondo ha voluto sottolineare come il problema riscontrato oggi non sia in alcun modo collegato a quanto accaduto al sabato.

“Il problema di ieri era diverso. Durante la gara non ho avuto lo stesso inconveniente che ho accusato al sabato”.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: l'ultima gara della stagione a Portimao

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: l'ultima gara della stagione a Portimao

Prossimo Articolo

Rossi: "E' stato emozionante tornare al box"

Rossi: "E' stato emozionante tornare al box"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021