Mir: "Dobbiamo migliorare per battere Marquez nel 2021"

Joan Mir ritiene di dover fare un altro passo in avanti per poter affrontare Marc Marquez e la Honda nel Mondiale MotoGP 2021, come ha riconosciuto durante un evento andato in scena oggi a Madrid.

Mir: "Dobbiamo migliorare per battere Marquez nel 2021"

Prima di iniziare le vacanze, Joan Mir ha avuto un incontro con i media al suo arrivo in Spagna dopo la gara conclusiva di Portimao. Un finale che gli ha lasciato un gusto agrodolce, visto il ritiro, ma che non ha affatto offuscato una stagione da incorniciare.

Lo spagnolo ora avrà diversi mesi di tempo per riposarsi e preparasi all'inizio della stagione 2021, a fine marzo, nella quale dovrà difendere la sua corona. Mir non vede l'ora che arrivi quel momento ed ha le idee chiare su chi sarà il suo rivale numero uno.

"Il primo sarà Marc Marquez" ha risposto Mir. "Marc tornerà, quindi avremo il rivale che ha vinto negli ultimi otto anni e che è stato il più veloce, quindi sarà bello. Non vedo l'ora. Spero che l'anno prossimo non ci saranno sei o dieci rivali diretti. Il mio compagno (Alex Rins), Fabio (Quartararo), Maverick (Vinales) e le Ducati, perché i nuovi piloti Ducati saranno veloci. E le KTM. Non vorrei dimenticare nessuno come hanno fatto con me".

Il pilota della Suzuki difenderà il titolo per la prima volta, visto che dopo essere stato incoronato campione Moto3 nel 2017 aveva fatto il salto verso la Moto2. L'anno prossimo quindi scoprirà la pressione di essere l'uomo da battere.

Leggi anche:

"Vincere un campionato del mondo è molto buono, ma la cosa negativa è la pressione che ci sarà il prossimo anno. Da un lato, un po' te la togli perché hai già vinto, ma dall'altro si aggiunge quella di iniziare la stagione da favorito. Non so come farò a gestirla, perché non l'ho mai sperimentata prima e scoprirò se ci riesco".

"Credo che la pressione mi aiuterà e che mi possa fare bene. Inizierò in modo diverso. In queste circostanze mi sono visto molto forte e sono riuscito a gestirlo bene. Ma il prossimo anno ci sarà uno scenario diverso e questo mi motiva".

Mir sembra pronto per la sfida, ma manda un messaggio a Suzuki e a se stesso per migliorare.

"Mi dà più fiducia perché quest'anno ho potuto dimostrare che abbiamo vinto e siamo competitivi. Ma sappiamo che il pacchetto Honda-Marc è stato molto veloce negli ultimi anni. Per competere nel Mondiale contro una coppia del genere dobbiamo essere ancora più veloci e rendere il nostro pacchetto un po' più competitivo. Per continuare a vincere, dobbiamo fare più pole e ottenere più vittorie se dobbiamo combattere contro Marc", ha detto.

Il 23enne ha anche parlato di quanto la sua vita sia cambiata da quando è diventato campione del mondo MotoGP appena dieci giorni fa.

"Quando ho vinto nel 2017 mi ha cambiato un po' la vita, ma la Moto3 non è la stessa cosa. La MotoGP ha molta più spinta. La gente mi riconosce di più per strada, ma per il resto sono sempre lo stesso. Mi sento allo stesso modo. La stampa ti fa credere di più di essere un campione, perché se non lo fossi ora sarei a casa a riposare e non qui. Devo crederci", ha concluso.

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Davide Brivio, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Campeón Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
8/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT después de la caída

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT después de la caída
9/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
10/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
11/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
13/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing

Jack Miller, Pramac Racing, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, Pol Espargaro, Red Bull KTM Factory Racing
14/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Caída de Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
15/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Caída de Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
16/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Caída de Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
17/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
18/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
19/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Tech 3
20/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaró, Red Bull KTM Factory Racing

Pol Espargaró, Red Bull KTM Factory Racing
21/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team

Andrea Dovizioso, Ducati Team
22/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Takaaki Nakagami, Team LCR

Caída de Takaaki Nakagami, Team LCR
23/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Caída de Takaaki Nakagami, Team LCR

Caída de Takaaki Nakagami, Team LCR
24/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Stefan Bradl, Repsol Honda Team,

Danilo Petrucci, Ducati Team, Stefan Bradl, Repsol Honda Team,
25/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

Francesco Bagnaia, Pramac Racing, Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
26/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
27/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Pramac Racing

Jack Miller, Pramac Racing
28/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing

Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
29/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Pol Espargaro: "Via da KTM senza vittorie? Nessun rimpianto"

Articolo precedente

Pol Espargaro: "Via da KTM senza vittorie? Nessun rimpianto"

Prossimo Articolo

Marc Marquez si opera ancora? Intanto presenta il casco...

Marc Marquez si opera ancora? Intanto presenta il casco...
Carica commenti
MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021