Mir critico: “La sicurezza al Red Bull Ring non è sufficiente”

Il campione del mondo in carica afferma che la sicurezza del Red Bull Ring, in particolare la Curva 3, non è abbastanza in condizioni di bagnato, in vista di una probabile gara sotto la pioggia domenica.

Mir critico: “La sicurezza al Red Bull Ring non è sufficiente”

Il venerdì di libere del Gran Premio di Stiria è stato condizionato dalla pioggia durante la sessione pomeridiana, anche se molti piloti hanno notato che il grip era sorprendentemente elevato.  Per un certo numero di anni, i piloti hanno espresso dei dubbi riguardo la sicurezza del Red Bull Ring in condizioni di bagnato, in particolare alle Curve 1 e 3, dove molta gomma lasciata dalla Formula 1 tende a causare problemi di grip alla MotoGP.  

La sicurezza riguarda principalmente Curva 1 e 3 per la vicinanza delle barriere alla pista e la possibilità che le moto attraversino la pista finendo sulla traiettoria di altre moto in cima allo scollino della Curva 3. L’ultima preoccupazione è stata messa sotto i riflettori sull’asciutto durante il Gran Premio d’Austria dello scorso anno, quando un orribile incidente tra Johann Zarco e Franco Morbidelli alla Curva 2 ha portato le due moto quasi a colpire Valentino Rossi e Maverick Vinales mentre uscivano dalla Curva 3.

Proprio lì è stato installato un dissuasore per evitare che si ripeta l’episodio, ma Mir è comunque molto preoccupato dal pericolo della Curva 3 in condizioni di bagnato durante una gara, quando i piloti si trovano tutti ravvicinati: “È pericoloso, specialmente alla prima curva. Quella curva è molto scivolosa, Curva 3 in particolare è molto pericolosa. Se cadi e sei da solo non credo ci sia problema, ma se sei in gruppo diventa davvero pericoloso, in particolare sul bagnato. Non so cosa dobbiamo fare, ma la verità è che credo che la sicurezza non sia sufficiente sul bagnato”.

Anche Pol Espargaro ha confermato le preoccupazioni di Joan Mir, aggiungendo: “Sì, questa pista sicuramente non è una delle più sicure, perché le curve sono molto vicine, come la Curva 3, e se qualcuno cade ad alta velocità nella prima parte della frenata, dove generalmente ti fermi, la moto può finire in terra ad altissima velocità, specialmente sul bagnato, e può impattare un altro pilota che arriva dall’altra parte, cosa che più o meno è successo l’anno scorso con Johann e Franco”.  

“Quindi mi preoccupa un po’ e sicuramente se guardiamo alla sicurezza, non è la cosa migliore correre di domenica in cui è prevista molta pioggia. Ma vediamo cosa succede, oggi penso che il grip fosse molto elevato, quindi il bloccaggio non sarebbe enorme se succedesse”.

condivisioni
commenti
Marini svela il suo futuro: "Nel 2022 avrò una Ducati ufficiale"

Articolo precedente

Marini svela il suo futuro: "Nel 2022 avrò una Ducati ufficiale"

Prossimo Articolo

Bagnaia: "La Ducati ha il potenziale per stare davanti"

Bagnaia: "La Ducati ha il potenziale per stare davanti"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021