Mir: “Che Marquez ci sia o meno in Qatar, non mi cambia niente”

Il campione del mondo in carica ha assicurato che la possibilità che Marquez ci sia o meno nella prima gara in Qatar non lo condiziona nel momento di preparare l’inizio della stagione.

Mir: “Che Marquez ci sia o meno in Qatar, non mi cambia niente”

Joan Mir ha chiuso in settima posizione la prima giornata del secondo test MotoGP in Qatar, a quasi nove decimi dal riferimento di Jack Miller, sulla Ducati ufficiale. Tuttavia, il campione del mondo in carica ha spiegato che al momento non ha fatto nessun time attack e continua a lavorare sui dettagli per migliorare la GSX-RR del 2021.

Durante il primo giorno di test, il pilota Suzuki ha avuto anche l’occasione di provare il motore del 2022, su cui la squadra sta lavorando in vista del prossimo anno: “Ho visto che il nuovo motore è un po’ più potente sul rettilineo, ancora non ho superato nessuna Ducati (ride), però va meglio. Il carattere continua ad essere lo stesso, andiamo nella giusta direzione, vediamo se dopo questi test lo modificano ancora e può essere un po’ più veloce. Sembra che funzioni bene e che la base sia buona”.

Chiaramente non si può, ma hanno chiesto a Mir se lo fosse disposto a montarlo alla prima gara della stagione: “Sicuramente ha più potenziale di quello di quest’anno, ma non so se ci sarebbe il tempo di sistemarlo così velocemente e in Giappone non vogliono prendere decisioni affrettate. Portandolo in pista si vede che è più potente, anche se non credo che sarà il motore definitivo del 2022, ma sarà diverso”.

Il maiorchino ha spiegato quali pezzi ha montato e il lavoro svolto durante la giornata: “Ciò che stiamo provando a migliorare è la velocità. È chiaro, migliorie i generale, se la moto è più veloce tutto è migliore. La direzione è questa, non sul migliorare nel giro secco, ma migliorare in generale. I prossimi due giorni lavoreremo sui piccoli dettagli per fare la differenza ed essere più vicini agli altri anche sul giro secco. Sul ritmo non siamo messi male, non siamo i migliori, ma non possiamo lamentarci. Abbiamo provato cose di elettronica e un forcellone che dobbiamo confermare. Tutto va bene al momento”.

Mir ha anche rivelato che stanno scartando molte cose e che circa il 10% di quelle provate va bene: “Come è normale, la maggior parte delle cose che si portano non funzionano, sono da provare per vedere se si può migliorare e Suzuki ha una media molto alta di cose giuste. Normalmente abbiamo una media alta, più degli altri. Abbiamo anche meno piloti in pista e i passi che facciamo sono piccoli ma sempre in avanti”.

Negli ultimi giorni, Honda sta mandando messaggi che fanno capire che Marc Marquez potrebbe essere in griglia alla prima gara dell’anno, qualcosa di impensabile una settimana fa. Queste manovre potrebbero essere un gioco psicologico: “Io credo che Marc e i medici vedano la possibilità di poter stare bene, non lo sa con sicurezza perché non ha provato nessuna moto, che noi sappiamo. In base a come si sentirà quando salirà in sella, deciderà se venire o meno, che sia alla prima gara o nella pista successiva”.

A riguardo, gli è stato chiesto se la sua preparazione cambia qualora Marquez fosse presente alla prima gara: “A me non cambia nulla”.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/19

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Petrucci: "Inizio a guidare la KTM come voglio"

Articolo precedente

Petrucci: "Inizio a guidare la KTM come voglio"

Prossimo Articolo

Savadori: “La spalla dolorante sta limitando molto il lavoro”

Savadori: “La spalla dolorante sta limitando molto il lavoro”
Carica commenti
Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5 Prime

Pagelle MotoGP: Marquez, un ritorno da 8,5

Tanti promossi e tanti bocciati in questo Gran Premio del Portogallo, terza tappa di MotoGP. Ecco le pagelle stilate da Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com, e commentate in compagnia di Marco Congiu.

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi Prime

Quartararo e Bagnaia: il mondo ribaltato in 5 mesi

Le prime tre gare della MotoGP 2021 hanno iniziato a dare un'indicazione di quelli che potrebbero essere i valori in campo e quelli che si sono proposti con più regolarità al vertice sono Fabio Quartararo e Pecco Bagnaia. E lo hanno fatto in particolare a Portimao, su una pista su cui lo scorso novembre avevano sofferto tantissimo, dando una forte segnale di maturazione.

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo Prime

MotoGP, la griglia di partenza del GP del Portogallo

Andiamo a scoprire insieme la Griglia di Partenza del Gran Premio del Portogallo, terza prova del campionato del mondo 2021 di MotoGP

MotoGP
18 apr 2021
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

MotoGP
16 apr 2021
Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

MotoGP
15 apr 2021
KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021