Mir: "Caduto a causa della gomma dura. Non avverto pressione"

Mir, leader del Mondiale, può vincere il titolo già questo weekend a Valencia ma afferma di non aver pressione sulle sue spalle. A fine giornata ha anche spiegato i motivi della sua caduta nelle Libere 2 alla Curva 4.

Mir: "Caduto a causa della gomma dura. Non avverto pressione"

"Non siamo i più rapidi, però oggi è solo venerdì e penso che abbiamo potenziale da estrarre dalla moto" Comincia così il debrief di Joan Mir, leader del Mondiale di MotoGP che già in questo fine settimana potrebbe laurearsi campione del mondo della classe regina del motomondiale alla sua seconda stagione.

Mir non ha ottenuto un grande risultato nelle Libere 2 di oggi. E' addirittura fuori dalla Top 10 e, di conseguenza, dalla Q2 delle prove ufficiali, ma non lasciatevi ingannare. Il suo passo gara è di alto livello - anche se, come ha ammesso lui stesso, non il migliore - e domani potrà fare molto meglio rispetto a oggi.

A frenare il suo programma odierno è stata una caduta avvenuta alla Curva 4, mentre era intento a provare la prima moto dotata di una gomma dura all'anteriore. Si tratta di una mescola che in pochi hanno usato in maniera continuativa, avendo compreso come le Medium siano quelle più adatte alle condizioni avute oggi al Ricardo Tormo.

"Sono caduto provando la gomma dura all'anteriore e il problema è che con la seconda moto non avevo le stesse sensazioni. Ho margine per migliorare e sappiamo dove migliorare", ha detto Mir con fiducia.

Joan ha appena 23 anni ed è alla seconda stagione in MotoGP. Sta per vincere il titolo iridato in una stagione resa strana prima dalla pandemia da COVID-19, poi dall'infortunio che ha tenuto fuori dai giochi Marc Marquez per tutta la stagione. Avvertire la pressione sarebbe più che comprensibile, ma lui sembra riuscire a farsi scivolare addosso qualunque cosa.

"Non sono stato nervoso in nessun momento del fine settimana e non mi sento sotto pressione. Non mi concentro su un solo rivale, anche se sono certamente 2 quelli più vicini a me (Rins e Quartararo a 37 punti di distanza). Sono loro i più pericolosi. Il titolo sarebbe molto importante perché Suzuki non lo vince ormai da tanti anni".

condivisioni
commenti
Rossi: "M1 2020? Devo ancora capire se è meglio della 2019"
Articolo precedente

Rossi: "M1 2020? Devo ancora capire se è meglio della 2019"

Prossimo Articolo

Rins: “Piacerebbe a me portare il primo titolo MotoGP in Suzuki”

Rins: “Piacerebbe a me portare il primo titolo MotoGP in Suzuki”
Carica commenti
Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez Prime

Ecco perché Quartararo può essere l'alternativa a Marquez

Fabio Quartararo può a ben ragione essere considerato l'alternativa del presente a Marc Marquez. Il francese, neo iridato MotoGP, ha conquistato il titolo a Misano dopo una stagione in cui ha dato spettacolo in lungo e in largo. Ed in vista del 2022...

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre” Prime

Doctor F1: “Vale ha chiuso con Misano, non dovrebbe correre”

Valentino Rossi è stato la star indiscussa del fine settimana di MotoGP dove comunque è stato incoronato il nuovo campione del mondo, Fabio Quartararo. Il pilota di Tavullia ha ricevuto un'ovazione clamorosa dal suo pubblico - e non solo - e, come ha ammesso scherzando

MotoGP
27 ott 2021
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021