MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
4 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
20 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
34 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
48 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
55 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
69 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
76 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
90 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
125 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
139 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
153 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
160 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
174 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
181 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
195 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
202 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
216 giorni

Mir attacca Miller: “Manovra pericolosa e credo intenzionale”

Joan Mir e Jack Miller sono stati protagonisti di un duello durissimo, in cui il pilota Suzuki ha sopravanzato in maniera decisa l’australiano, che ha restituito il sorpasso all’ultima curva con una manovra oltre il limite, secondo lo spagnolo. Il campione in carica ritiene che il gesto di Miller fosse intenzionale.

Mir attacca Miller: “Manovra pericolosa e credo intenzionale”

Se Joan Mir si era mostrato un po’ deluso per le qualifiche poco soddisfacenti nel Gran Premio di Doha, al termine della gara è apparso decisamente arrabbiato. Il campione del mondo in carica, che come al solito la domenica mostra il meglio di sé, si è reso autore di una rimonta dalla nona casella e nelle ultime fasi di gara era in lotta nel gruppo davanti per poter puntare ad una delle posizioni del podio.

Ma mentre cercava di ricucire il gap con i piloti davanti, ha trovato sulla sua strada Jack Miller, con cui ha ingaggiato una lotta molto dura. I due sono arrivati al contatto alla Curva 10, con il campione in carica che ha messo le sue ruote davanti a quelle del pilota Ducati con decisione. Però l’australiano non sembra esserci stato e all’ultima curva ha restituito il sorpasso con una sportellata aggressiva.

Il gesto, che inizialmente sembrava intenzionale, è stato subito messo sotto investigazione dalla Direzione Gara, che però ha deciso di non prendere provvedimenti. Dopo la bandiera a scacchi però i due hanno avuto un nuovo confronto in pista durante il giro di rientro e hanno discusso. Joan Mir ai microfoni della stampa ha poi affermato con rabbia che secondo lui la manovra di Miller fosse stata intenzionale.

 

“La Curva 10 era l’unica dove potevo sorpassarlo e ho preso la giusta traiettoria – spiega il pilota Suzuki raccontando il suo sorpasso – Lui ha deciso di restare all’esterno e conservare la linea esterna. C’è stato un piccolo contatto, poi io ho sollevato la moto. Sapevo che fosse una manovra rischiosa, ma non era oltre il limite. Poi ho mosso la gamba per porgere le mie scuse, perché era inevitabile”.

Poi denuncia la manovra di Miller, a suo dire oltre il limite: “Allo stesso giro sono andato largo all’ultima curva e quando stavo rientrando ho visto Jack muovere la testa come se mi avesse visto. Sono andato sul cordolo, lui mi è arrivato addosso e ci siamo toccati. Siamo quasi caduti sul rettilineo, quindi penso che fosse stato molto rischioso, è stata una manovra molto pericolosa e credo che fosse intenzionale”.

Un episodio simile in gara è avvenuto tra Mir e Aleix Espargaro, ma il campione in carica non ha avuto da ridire, anzi. Lo usa come esempio per sottolineare la differenza di reazione: “Se avete tempo, confrontate le immagini mie e di Aleix Espargaro e quelle mie e di Miller. Aleix è andato largo all’ultima curva, mi ha visto ed è rimasto all’esterno della pista, così non l’ho colpito. Io rispetto i miei rivali. Penso che Jack non abbia mostrato rispetto in questo caso. È stata la stessa cosa ma con piloti diversi, quindi potete giudicare tutti”.

Leggi anche:

La Direzione Gara ha deciso di archiviare il caso e di non prendere provvedimenti per nessuno dei due piloti. Secondo Mir non sta a lui decidere se fare appello, ma pensa che debba farlo la squadra, soprattutto se ritiene che la manovra fosse intenzionale: “Beh, penso che la squadra valuterà se fare appello. Sicuramente doveva essere investigata perché queste manovre in MotoGP sono oltre il limite. Se fosse intenzionale, come penso, se l’avesse fatto di proposito, meriterebbe una penalità. Altrimenti no, ma penso che abbia mosso la testa e mi abbia visto benissimo”.

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
16/24

Foto di: Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
17/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
18/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
19/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
20/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
21/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
22/24

Foto di: MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
23/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
24/24

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rossi: "Abbiamo fatto uno step, ma non è bastato"

Articolo precedente

Rossi: "Abbiamo fatto uno step, ma non è bastato"

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: il bis Yamaha con Quartararo nel GP di Doha

Fotogallery MotoGP: il bis Yamaha con Quartararo nel GP di Doha
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Doha
Sotto-evento Gara
Location Losail International Circuit
Piloti Jack Miller , Joan Mir
Team Team Suzuki MotoGP , Ducati Team
Autore Lorenza D'Adderio
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021