Mir attacca la direzione gara: “Penalità ingiusta”

Il pilota Suzuki ha criticato la Direzione Gara per avergli dato una penalità a seguito del contatto con Johann Zarco durante il Gran Premio della Malesia, nonostante il francese sia andato a scusarsi successivamente.

Mir attacca la direzione gara: “Penalità ingiusta”

Johann Zarco e Joan Mir erano proprio alle spalle di Jack Miller, in nona e decima posizione rispettivamente, quando si sono scontrati alla Curva 13 durante il Gran Premio della Malesia. La manovra è avvenuta quando Zarco si è spostato all’interno nel tentativo di sorpasso sull’australiano della Ducati, ma Mir stava già provando a sopravanzare il francese.

Così Zarco è caduto, mentre Mir è andato avanti. Gli è stata però inflitta una penalità ed è stato costretto a fare un long lap penalty che gli ha fatto terminare la gara in decima posizione. Mir ha affermato che la penalità fosse ingiusta perché il contatto non è avvenuto per colpa sua e ha richiamato all’attenzione altri incidenti come quello di Valentino Rossi, che lo ha colpito al Mugello, o Zarco, che ha causato la caduta a Brno. Entrambi però non hanno ricevuto penalità.

“Venivo da dietro con un passo migliore degli altri e stavo recuperando la distanza – spiega Mir – provavo a superare il maggior numero di piloti possibile, perché non riuscivo a spingere tanto in frenata, respiravo pesantemente ed è stato difficile finire la gara”.

 

“Ho preso l’interno della Curva 13 per superare Zarco e Miller, perché ero piuttosto veloce in quel momento – continua il pilota Suzuki – ero all’interno, poi Zarco ha provato a sorpassare Miller ma non ha visto che arrivavo. È normale, non è colpa sua ovviamente. Ci siamo toccati, ma lui sfortunatamente è caduto. Mi dispiace per lui, ma non è stata colpa mia, è qualcosa che in gara può succedere”.

Mir incalza: “Se guardiamo al passato, i problemi che ho avuto con Valentino al Mugello o con Zarco a Brno, in cui mi ha colpito alla prima curva e la mia gara è finita, non hanno avuto conseguenze. Nessuno gli ha fatto niente. A me invece è stata data una penalità. Ingiusta direi. Ma quello che posso dire è che sono un rookie e la cosa più facile da fare è darmi un long lap perché Zarco è caduto”.

Leggi anche:

Lo spagnolo aggiunge anche che Zarco è andato da lui a scusarsi dopo la gara e non si sono accusati per l’incidente, a prova del fatto che non c’è stata colpa da parte di nessuno: “Questo dimostra che non è stata colpa mia, Zarco è anche venuto al mio box e mi ha chiesto scusa. Anche io gli ho posto le mie scuse perché avrei potuto evitare di colpirlo, la stessa cosa per lui. Abbiamo entrambi capito la situazione, ma la Direzione Gara no”.

Lo stesso Zarco ha affermato che la caduta non è stata un dramma: “Ho provato a superare Jack Miller per andare via, perché se fossi riuscito a scappare avrei salvato l’ottava posizione, ma Joan è arrivato ancora più all’interno della Curva 13, un po’ troppo veloce. Mir ha provato a sorpassare, era un po’ al limite, credo che non si aspettasse che io fossi così interno. Mi ha toccato abbastanza violentemente e non ho potuto fare niente. Non è un dramma, non mi sto giocando nulla in campionato”.

Informazioni aggiuntive di Andrew van Leeuwen

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
4/15

Foto di: Srinivasa Krishnan

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
9/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
10/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Alex Rins, Team Suzuki MotoGP, Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
12/15

Foto di: Srinivasa Krishnan

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dovizioso: "Il gap di motore tra Ducati e Yamaha è più grande che mai"

Articolo precedente

Dovizioso: "Il gap di motore tra Ducati e Yamaha è più grande che mai"

Prossimo Articolo

Lorenzo: “Ero tra i più costanti, ma anche tra i più lenti”

Lorenzo: “Ero tra i più costanti, ma anche tra i più lenti”
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021