Miller si è già guadagnato il rinnovo con Ducati

La seconda vittoria consecutiva di Jack miller rafforza la fiducia dell’australiano, che ha sapito dare una svolta al suo inizio di stagione complicato e ha fatto tutto ciò che poteva per prolungare il suo accordo con Ducati.

Miller si è già guadagnato il rinnovo con Ducati

Nonostante fosse stato definito il leader del nuovo progetto di Ducati dopo l’era Dovizioso, Jack Miller ha firmato con la Casa di Borgo Panigale per un solo anno, al contrario del biennale offerto a Pecco Bagnaia, suo compagno di squadra.

Dopo un avvio di stagione in cui non ha soddisfatto le aspettative che aveva generato con la promozione al team ufficiale – ha accumulato solo 14 punti nelle prime tre gare – il pilota australiano è emerso con più forza che mai, portando a casa due trionfi consecutivi, che in modo automatico rilanciano le sue opzioni di lottare per un titolo che meno di un mese fa sembrava allontanarsi dalla sua portata in maniera dolorosa.

Un problema di sindrome compartimentale infatti gli aveva impedito di mostrare la sua versione migliore, che invece si era vista nella pre-stagione. La caduta di Portimao, avvenuta subito dopo l’operazione per risolvere la situazione, aveva solamente aggiunto ancora più pressione e provocato dei dubbi, come lui stesso aveva riconosciuto.

“Il fatto è che lo stesso Jack si è caricato di grandi aspettative in vista di quest’anno, nel passaggio al team ufficiale. Sembra una persona molto dura, ma è tanto sensibile e ha un gran cuore. Per lui arrivare al team factory è stato un sogno” – spiega Paolo Ciabatti, direttore sportivo di Ducati, a Motorsport.com – ma poi sono arrivati i problemi agli avambracci. Quando tutti si aspettano tanto da te ma le cose non vanno bene, hai un impatto psicologico importante”.

Tuttavia, è arrivata Jerez e con la pista andalusa il momento di svolta. Un cambio di tendenza favorito dal blocco di Quartararo, anche lui successivamente costretto a operarsi essendo rimasto senza sensibilità alle braccia. La vittoria di Miller sulla pista spagnola lo ha liberato e le conseguenze si sono viste domenica scorsa, in una gara a Le Mans pianificata in maniera stupenda e disputata ancora meglio.

Leggi anche:

Neanche un’uscita di pista ed una doppia long lap penalty gli hanno impedito di dare spettacolo su una pista insidiosa a causa della pioggia. Il trionfo non solo lo riaggancia nella lotta per il campionato, ma con ogni probabilità certificherà il prolungamento del suo contratto, che, secondo quanto appreso da Motorsport.com, verrà concretizzato nei prossimi giorni. Miller è entusiasta del trattamento che gli è stato riservato, si sente a casa, dopo essere approdato nel box ufficiale con i suoi tecnici di fiducia, che lo avevano già accompagnato in Pramac.

Infatti, Paolo Campinoti, proprietario della struttura satellite, ha giocato un ruolo determinante perché "Thriller" non andasse in KTM quando il direttore generale Gigi Dall’Igna ha provato a riprendere Jorge Lorenzo. In quell’occasione, l’idea di ripescare il maiorchino era nata con l’intenzione di mettere pressione a Dovizioso, anche se questa operazione poteva lasciare Miller fuori dai giochi. “Non saprei dire se Jack ha perdonato quella cosa, ma sicuramente ha preferito dimenticarla”, racconta a chi scrive queste righe qualcuno della sua cerchia più ristretta.

Ducati, a sua volta, è in vena di festeggiamenti e ha buoni motivi per farlo. Nove mesi fa, quando Andrea Dovizioso ha annunciato che non avrebbe proseguito in Ducati, è piombata l’incertezza nel box rosso. In una ristrutturazione totale, la cupola, formata da Claudio Domenicali e Gigi Dall’Igna, ha optato per promuovere Miller e Bagnaia, la coppia Pramac, confidando nel fatto che potessero fare quest’ultimo passo in avanti grazie ai mezzi del costruttore. Con il sesto appuntamento della stagione alle porte, Pecco è ad un solo punto dal leader della classifica Fabio Quartararo, mentre il suo compagno di squadra ha conquistato due delle cinque gare disputate fino ad ora.

“La verità è che l’arrivo di Jack e Pecco ha rappresentato un cambiamento, sia per la loro giovane età sia per la loro ambizione. La loro predisposizione è assoluta e questa è una cosa molto positiva perché contagia il resto del team”, afferma Ciabatti.

condivisioni
commenti
MotoGP: la polemica sul "flag to flag" è un dibattito sterile

Articolo precedente

MotoGP: la polemica sul "flag to flag" è un dibattito sterile

Prossimo Articolo

Lorenzo: "Ho visto Marc troppo fiducioso e temuto la sua caduta"

Lorenzo: "Ho visto Marc troppo fiducioso e temuto la sua caduta"
Carica commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021