Miller senza pace: "Ho fatto un incidente di m...."

Jack Miller della Ducati ha detto di essere "davvero incazzato" con se stesso dopo essersi autoeliminato dalla battaglia per il podio del GP d'Olanda con quello che ha definito "incidente di merda".

Miller senza pace: "Ho fatto un incidente di m...."

L'australiano era settimo, in un gruppetto che lottava per le posizioni da podio, quando è caduto al tornante Strubben nel corso del 15esimo dei 26 giri in programma.

Miller ha spiegato di aver frenato più forte perché si è reso conto che davanti a lui la Suzuki di Joan Mir e la Honda di Takaaki Nakagami stavano per entrare in contatto e come risultato ha perso l'anteriore della sua Ducati.

Dopo la scivolata, è rientrato in gara ma è stato costretto a ritirarsi definitivamente nel 18esimo giro, quando gli è stata mostrata la bandiera nera con punto arancio per un problema tecnico.

"Mi sentivo bene, stavo tenendo il mio ritmo", ha detto Miller, che ora è distanziato di 56 punti dal leader del campionato.

"Io ed Oliveira stavamo rimanendo più o meno al centro del gruppo di testa, mentre Pecco (Bagnaia) e quelli davanti si stavano riavvicinando a noi. Poi Mir ha fatto uno dei suoi attacchi alla curva 5, entrando in contatto con Nakagami".

Leggi anche:

"Quindi ho frenato prima, perché se fosse caduto qualcuno sarei stato in grado di farmi strada. Ho frenato più forte, ma avevo la stessa velocità dei giri precedenti, solo che in questo modo ho messo più carico sulla gomma anteriore e sono caduto".

"E' stato un incidente da niente, un incidente davvero di merda, ma ci è costato abbastanza caro. Quindi sono davvero incazzato come me stesso per quell'errore".

"Stavo solo guardando quello che succedeva davanti a me e la mia testa era concentrata su come reagire. Non ero concentrato al 100% su quello che stavo facendo e questo è stato sufficiente per sbagliare".

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Miller ha detto che la Race Direction non aveva motivo di mostrargli la bandiera nera con punto arancio, in quanto il fumo che aveva visto provenire dalla sua moto era semplicemente un eccesso di olio che veniva bruciato dopo che la sua Ducati era rimasta sul fianco.

"Come ho detto, è stato un incidente da prima marcia, da niente, il mio manubrio non era nemmeno piegato", ha aggiunto Jack. "Ho ripreso la moto e sono ripartito, ma mi hanno che abbiamo un sistema che quando la moto rimane su un fianco pompa più olio in una certa parte del motore".

"Quindi, c'è una tracimazione e quando si riempie si scarica nello scarico per bruciarlo. La Direzione Gara ha detto di aver visto del fumo uscire dal posteriore, quindi hanno dato la segnalazione".

"Ma non avevano davvero alcun motivo, ci hanno solo chiamato dentro per coprirsi il culo. Ma non era niente, sapevo che la moto era ok perché stavo girando come se non fosse successo niente. Ho anche controllato se ci fosse dell'olio che pisciava fuori, ma non c'era niente".

condivisioni
commenti
Pagelle MotoGP: Fabio da lode, Rossi ancora flop

Articolo precedente

Pagelle MotoGP: Fabio da lode, Rossi ancora flop

Prossimo Articolo

GP d'Olanda: Marquez, che rimonta nel giorno di Quartararo

GP d'Olanda: Marquez, che rimonta nel giorno di Quartararo
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021