MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
3 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
19 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
33 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
47 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
54 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
68 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
75 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
89 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
138 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
152 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
159 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
173 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
180 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
194 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
201 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
215 giorni

Miller: “Io favorito? Fantastico, ma resto con i piedi per terra”

Il pilota Ducati è soddisfatto dei test svolti fino ad ora e si sente pronto ad iniziare la stagione, la prima da ufficiale. Miller viene considerato tra i favoriti e questo lo lusinga, ma non sente la pressione e resta con i piedi per terra.

Miller: “Io favorito? Fantastico, ma resto con i piedi per terra”

Jack Miller ha concluso la seconda giornata di test in Qatar, la penultima prima dell’inizio della stagione, con l’11esimo crono. Ma il suo tempo record fatto registrare nel primo giorno di test di questa settimana è rimasto imbattuto. Il pilota ufficiale Ducati sembra aver iniziato con il piede giusto il 2021, che lo vede impegnato sulla Desmosedici del team factory.

Questa condizione e i risultati ottimi fino ad ora ottenuti nei test lo portano ad essere inserito tra i favoriti per la vittoria in Qatar, nelle prime due gare che la MotoGP disputerà in apertura stagionale. Le novità introdotte da Ducati sembrano soddisfare l’australiano, che approccia con relativa tranquillità a quello che sarà l’inizio della stagione e sente di aver acquisito un maggior feeling con la moto di quest’anno, con cui sicuramente ci si aspetta un passo avanti in più.

Puoi confrontare la moto del 2020 e le sensazioni del 2021 con le gomme del 2020 in Qatar?
“Non ricordo il test di Losail dell’anno scorso, io riesco nemmeno a ricordare cosa è successo la settimana scorsa. Ma non ricordo di aver avuto problemi lo scorso anno qui, ma potrei anche sbagliarmi. La gomma sembra lavorare abbastanza bene qui, è più propenso a piste dove non ha funzionato l'anno scorso per noi, come Brno o Misano o posti del genere. Quindi, penso che non lo sapremo davvero fino a quando non ci arriveremo. Abbiamo fatto fatica principalmente sulle piste in cui il livello di grip era piuttosto basso, quindi dovremo aspettare e vedere. Mi sentivo come se mi fossi adattato meglio verso la seconda metà della scorsa stagione rispetto a molti degli altri piloti che hanno fatto con il nuovo pneumatico e, soprattutto da quest'anno, mi sono sentito subito a mio agio su entrambe le gomme.

Come ti ci sei adattato?
“Con il mio stile di guida e con il modo in cui si carica la gomma, è qualcosa che ho dovuto cambiare. Diciamo che l'ho trovato a metà strada a Valencia 1. Quella è stata una chiara indicazione di ciò che dovevo fare in modo diverso, quando sono stato in grado di sorpassare moltissimi piloti. Poi a Valencia 2 e a Portimao mi sono sentito benissimo, continuando così”.

Hai avuto dei test fantastici. Pensi che il GP del Qatar ti offra l’opportunità di conquistare la tua prima vittoria sull’asciutto?
“Abbiamo avuto delle occasioni l’anno scorso, ma questa è la migliore fino ad oggi, diciamo così. Non voglio che sia una cosa improvvisata, è qualcosa che vorrei costruire. Mi sento preparato, il più preparato possibile per il gran premio qui e, come ho detto, la simulazione di gara è andata abbastanza bene ieri, e ora il mio caposquadra sta parlando di farne un'altra oggi, sono entusiasta di sentirlo dire. Poi, a parte questo, sento che abbiamo fatto tutto il lavoro. Tutto ciò di cui ho avuto bisogno di provare l'ho fatto. Inoltre, tutto quello che volevo o di cui avevo bisogno dalla moto, abbiamo trovato un modo per darmi il miglior feedback”.

Qual è l’aspetto più positivo di questi test?
“La mia fiducia sull’anteriore della moto ad essere onesti, come sono in grado di lasciare i freni, fare girare la moto e portare una velocità decente in curva. Non ho mai avuto questa fiducia in questa cosa, e soprattutto nelle curve più veloci - 13, 14, 15 - il cambio tra la 13 e la 14, semplicemente lasciando i freni e lasciando la moto agganciare la curva, è fantastico. Quindi questo è il più grande bonus per me guidando qui in Qatar, essendo davvero in grado di trarre il massimo dalla pista, utilizzando tutta la pista, i cordoli sia all'esterno che all'interno e davvero sfruttando al massimo. Quindi, molto bene. Naturalmente, avere una buona velocità è anche bello”.

Chi è il principale avversario?
“È difficile da dire. Non credo che Suzuki abbia mostrato tutte le sue carte in questi test. Non so cosa sentite voi da fuori, ma io credo che sia Alex sia Joan saranno grandi avversari. Poi entrambi i piloti ufficiali Yamaha, Fabio e Maverick, che sono stati veloci per tutti i test. Ma aspetteremo e vedremo le condizioni in gara appena inizieremo. Pol sulla Honda sembra aver fatto un lavoro solido fino ad ora. Mi ha chiaramente sorpreso più di chiunque altro. Ma i principali credo siano Yamaha e Suzuki”.

Non hai menzionato Franco Morbidelli. Pensi che la moto vecchia sia uno svantaggio a lungo termine?
“Qui forse. Ma credo che ci sarà. Ho messo Franco nel gruppo Yamaha, penso che abbia qualcosa in tasca e non stia mostrando troppo al momento.  Ma credo che sarà della parte, conosciamo Franco ed è un fantastico pilota da gara, è davvero un grande su quest’aspetto, sicuramente sarà lì anche lui”.

Hai fatto una simulazione di gara con la nuova carena. Hai notato dei benefici?
“Mi sento bene, mi sento tranquillo. Non posso dire troppo sulla carena. Come ho detto in diverse occasioni, mi piace, la moto lavora meglio e quindi la teniamo. Questa è la ragione principale. Mi sento preparato, calmo, non ho avuto l’inverno più lungo, ma non vedo l’ora di tornare in azione”.

Inizi come favorito al titolo, cosa ne pensi?
“Mi piace questa cosa, non mi era mai successo in MotoGP, quindi è una sensazione fantastica. Ma la cosa principale è continuare a tenere i piedi per terra e proseguire il lavoro verso l’obiettivo. La fine della stagione è lontana dal Qatar 1 e quando sarà finita, saranno successe molte cose. Penso che la cosa fondamentale di questa stagione sia quella di non fissarsi su qualcosa di brutto che possa accadere e concentrarsi sul migliorare ogni volta”.

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jack Miller, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team, Jack Miller, Ducati Team
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
20/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Mi sento al pari di Miller in Ducati"

Articolo precedente

Bagnaia: "Mi sento al pari di Miller in Ducati"

Prossimo Articolo

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 3: vento e sabbia, tutti ai box

Test MotoGP Qatar 2, Giorno 3: vento e sabbia, tutti ai box
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento Test di Marzo in Qatar
Sotto-evento Giovedì
Location Losail International Circuit
Piloti Jack Miller
Team Ducati Team
Autore Lorenza D'Adderio
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021