Miller: "Il sistema delle bandiere gialle è stupido"

Jack Miller ha messo in discussione le regole e il sistema di esposizione delle bandiere gialle in MotoGP, dopo quello che gli è successo durante le qualifiche del GP di Teruel dello scorso fine settimana.

Miller: "Il sistema delle bandiere gialle è stupido"

Dopo che diversi piloti hanno migliorato i loro tempi nelle qualifiche del Gran Premio di Spagna in regime di bandiera gialla, al Gran Premio di Andalusia è stata introdotta una regola per evitare che questo potesse continuare ad accadere, annullando il tempo di ogni pilota che passava in un settore con la bandiera gialla.

Alla fine della Q2 del Gran Premio di Teruel, lo scorso fine settimana, a sei piloti sono stati cancellati i propri giri veloci perché ottenuti con la bandiera gialla, ma poi sono stati reintegrati.

Questo è stato attribuito ad una mancanza di comunicazione tra i commissari e la Direzione Gara, in quanto la bandiera gialla relativa alla caduta di Johann Zarco alla curva 16 è stata più lunga del necessario.

Miller ha criticato la Direzione Gara per il ritardo nella rimozione di quella bandiera gialla, ma ha anche aggiunto che questo è un esempio di quanto sia difettoso questo sistema.

"Questo dimostra che il sistema è difettoso, come ho detto alla Direzione Gara" ha detto Miller riguardo alla regola della bandiera gialla. "Il sistema non funziona, è chiaro e semplice. Penso che sia una regola stupida quando è stata inventata ed applicata e penso che lo sia anche adesso".

Leggi anche:

"Corriamo in moto, è uno sport pericoloso. Sono sicuro che quando vediamo una bandiera gialla rallentiamo. Me se pensi che sia una situazione relativamente sicura, per esempio nella FP3, nella quale non si corre alcun rischio, allora naturalmente continui a spingere".

"Penso che ci dovrebbe essere una regola secondo la quale, se si cade nella stessa curva in cui è già caduta un'altra moto, come Marc Marquez a Silverstone nel 2013, allora ci dovrebbe essere una penalità perché ovviamente ha esagerato".

"In molti giri, la caduta non avviene davvero in una posizione pericolosa, ma rallentiamo comunque. Quando ti capita nel tuo giro più veloce e ti viene cancellato, però, è abbastanza stupido".

Cal Crutchlow, che è tra quelli che nella seconda gara di Aragon si sono visti cancellare e poi restituire il tempo della Q2, ha fatto eco ai commenti di Miller, sottolineando che questa regola sia in contrasto con l'obiettivo della MotoGP che di fatto rende la FP3 una sorta di mini qualifica per decidere chi entrerà in Q2 direttamente e chi no.

"La regola è stupida, non importa cosa dicono gli altri" ha aggiunto Crutchlow. "Andiamo in moto e quindi possiamo cadere. In una certa misura, sono d'accordo con la regola, ma d'altra parte il pubblico ed i media vogliono un intrattenimento".

"Vogliono che la FP3 sua una sorta di sessione di qualifica, quindi se ci sarà una caduta ad ogni giro, non vedranno nulla a causa delle bandiere gialle".

Cal Crutchlow, Team LCR Honda

Cal Crutchlow, Team LCR Honda

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
KTM senza concessioni nel 2021: come cambia il lavoro invernale
Articolo precedente

KTM senza concessioni nel 2021: come cambia il lavoro invernale

Prossimo Articolo

Lorenzo: "Collaudatore con Aprilia? E' una possibilità"

Lorenzo: "Collaudatore con Aprilia? E' una possibilità"
Carica commenti
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021
Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi Prime

Come Quartararo è diventato il re della MotoGP sciogliendo i dubbi

Dopo la disastrosa fine di stagione 2020 con il team Petronas, sono caduti dei dubbi sul francese della Yamaha, ma Fabio Quartararo ha risposto in modo convincente nel 2021, conquistando un titolo MotoGP che ha messo in risalto sia la sua velocità devastante sia la forza mentale.

MotoGP
19 dic 2021