Taramasso: "A Misano c'è un'anteriore asimmetrica"

Misano si presenta con un nuovo asfalto per il doppio appuntamento della MotoGP: il responsabile della Michelin ci spiega quali sono state le contromosse.

Taramasso: "A Misano c'è un'anteriore asimmetrica"

Dopo due settimane di pausa, la MotoGP è pronta a ripartire per un tour de force che vedrà team e piloti impegnati in pista in ben nove dei prossimi undici weekend. La prima tappa è quella di Misano, dove ci sarà un doppio appuntamento che forse finalmente potrà dare un indirizzo ad un campionato che fin qui è stato ricco di colpi di scena, con ben quattro piloti e tre moto differenti sul gradino più alto del podio nelle prime cinque gare.

In Romagna però partiranno quasi tutti con qualche certezza in più, perché sul circuito intitolato a Marco Simoncelli sono già andati in scena due test, che hanno visto impegnati tutti i marchi ad eccezione della Yamaha (la Honda ha partecipato solo a quello di fine agosto). Cosa che si è rivelata molto importante anche per la Michelin, che ha potuto raccogliere dati preziosi sul nuovo manto d'asfalto che è stato steso per l'intera lunghezza della pista, come ha spiegato a Motorsport.com il responsabile Piero Taramasso.

"Ripartiamo con due gare di fila sullo stesso circuito. Misano è stata riasfaltata completamente, ma abbiamo avuto la fortuna di poter fare due test privati con i collaudatori e con i piloti titolari di Aprilia e KTM, uno a giugno ed uno a fine agosto. Le condizioni erano buone, perché erano simili a quelle che troveremo nei prossimi due weekend" ha detto Taramasso.

Il nuovo asfalto vi ha portato a fare delle scelte differenti rispetto al 2019?
"Al posteriore, potendo contare su un asfalto nuovo, abbiamo ridotto il gap tra le mescole. La soft è un pochino più dura rispetto a quella dello scorso anno, perché il manto essendo nuovo è un po' più abrasivo. Per la media abbiamo confermato la stessa, perché era stata quella che era stata utilizzata in gara dall'80-90% dei piloti e si era comportata bene. La hard invece forse era un pelino troppo dura lo scorso anno, quindi abbiamo deciso di realizzarla più morbida. Con questa finestra leggermente più stretta pensiamo che le tre gomme possano essere tutte una scelta competitiva in ottica gara".

La novità più rilevante però la introdurrete all'anteriore...
"Porteremo quattro soluzioni, perché c'è questa possibilità quando è stato realizzato un asfalto nuovo e non c'è stato modo di fare un test ufficiale. Al posteriore non credevamo che ce ne fosse bisogno, mentre all'anteriore abbiamo confermato le tre mescole del 2019, aggiungendo un'altra hard asimmetrica, che è più dura sul lato destro. Questa gomma è pensata per dare un maggior sostegno, perché durante i test avevamo già visto che alcuni piloti erano un po' al limite con la hard. Misano è una pista che sollecita molto la gomma anteriore, perché non offre molti momenti di 'riposo'. Probabilmente la soft non è adatta in ottica gara in caso di alte temperature, ma sappiamo che può rivelarsi molto utile nel caso in cui dovesse esserci la pista umida, perché dà molta confidenza ai piloti. Ma anche in qualifica, quando bisogna fare solo tre-quattro giri per cercare il tempo, può essere d'aiuto".

E' cambiato qualcosa anche per quanto riguarda le gomme da bagnato?
"Abbiamo fatto delle scelte differenti rispetto all'anno scorso, quando al posteriore avevamo portato una soft ed una extra soft, perché con il vecchio asfalto sapevamo che il grip era un po' al limite sul bagnato. Quest'anno invece siamo tornati alla configurazione standard, con la soft e la media sia all'anteriore che al posteriore. Le previsioni comunque per ora dicono che andiamo incontro a due weekend con sole e buone temperature".

I piloti vi hanno dato delle indicazioni positive sul nuovo asfalto?
"Al primo test di giugno, in generale, i commenti erano molto buoni, perché dicevano tutti che il grip era parecchio e c'erano poche buche. In quello di agosto, dopo che c'era stata un po' più di attività, hanno detto che le buche si sentivano un po' di più, ma che nel complesso il fondo è sempre buono".

Questo fine settimana torna in pista anche la MotoE e per voi si prospetta un grande impegno...
"Avremo tre gare in due weekend con la MotoE. Le specifiche saranno le stesse che avevamo portato a Jerez, dove avevano funzionato molto bene anche con temperature proibitive, di oltre 50 gradi sull'asfalto, quindi non ci sono particolari novità. Più che altro saranno 15 giorni impegnativi a livello di organizzazione e di logistica, perché ci sono molte più gomme da portare in pista e moto da seguire. A Jerez abbiamo assistito ad un grande spettacolo: anche se le gare sono corte, ci sono sempre diversi piloti in lotta per la vittoria. Ci aspettiamo quindi qualcosa di analogo anche a Misano".

Facendo un passo indietro all'Austria, nelle ultime settimane è stato argomento di discussione la possibilità di cambiare le gomme in caso di ripartenza dopo la bandiera rossa, perché è un qualcosa che ha fatto la differenza nelle due gare del Red Bull Ring, visto che alcuni piloti non avevano più pneumatici nuovi. Qualcuno ha chiesto di impedire il cambio gomme, Michelin cosa ne pensa?
"Ci sono state delle richieste in questo senso, ma forse è meglio fare un passo indietro per spiegare meglio la questione. Quando siamo entrati in MotoGP, nel 2016, la Dorna ci ha chiesto se eravamo disposti a dare una gomma in più sia all'anteriore che al posteriore come backup, da utilizzare in caso di bandiera rossa. Noi eravamo d'accordo con questa scelta, ma dopo tre o quattro gare le squadre hanno preso l'abitudine di adoperare durante il weekend anche queste gomme extra, senza pensare ad eventuali ripartenze. E' vero che succede pochissime volte che la gara venga interrotta, ma in Austria è accaduto in entrambe le gare. Alla prima si sono fatti sorprendere in tanti, poi nella seconda erano tutti più pronti, ma Mir si è ritrovato senza una gomma anteriore nuova. Per questo ci sono state delle richieste da parte di alcuni team di mettere una regola che imponga a tutti di ripartire con le stesse gomme in caso di bandiera rossa. Le gomme tecnicamente possono farla, anche perché la distanza della gara rimane la medesima, quindi noi non ci siamo opposti e in futuro si discuterà sicuramente di questo, provando a trovare una soluzione. Ci sono diverse opzioni che possiamo studiare".

Leggi anche:

L'altro tema caldo del Gran Premio di Stiria era stato la gomma posteriore di Andrea Dovizioso nella prima manche. Ci avevi parlato di un problema ad una termocoperta, c'è qualche informazione in più?
"Vorrei solo fare un piccolo chiarimento, perché mi ero espresso male dicendo che c'era una termocoperta che non aveva funzionato. Quello che è successo è che abbiamo perso il segnale tra i box e la griglia di partenza per un periodo di circa 10-12 minuti, nel quale la termocoperta non aveva scaldato e poi era tornata a funzionare. Chiaramente, la temperatura della gomma era scesa, così come le pressioni. Stiamo cercando di capire come mai sia saltato il segnale".

Motorhome Michelin

Motorhome Michelin
1/15

Michelin tyre

Michelin tyre
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Piero Taramasso, Manager Two-Wheel Michelin Motorsport

Piero Taramasso, Manager Two-Wheel Michelin Motorsport
3/15

Foto di: Michelin Sport

Un dipendente Michelin al lavoro

Un dipendente Michelin al lavoro
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin

Pneumatici Michelin
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin

Pneumatici Michelin
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Michelin logo

Michelin logo
7/15

Foto di: Michelin Sport

Piero Taramasso, Michelin

Piero Taramasso, Michelin
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin

Pneumatici Michelin
9/15

Foto di: Léna Buffa

Michelin Technical Team

Michelin Technical Team
10/15

Foto di: Michelin Sport

Pneumatici Michelin usati

Pneumatici Michelin usati
11/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pneumatici Michelin nel paddock

Pneumatici Michelin nel paddock
12/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Un dipendente Michelin al lavoro

Un dipendente Michelin al lavoro
13/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Omino Michelin

Omino Michelin
14/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Piero Taramasso, Michelin

Piero Taramasso, Michelin
15/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Rossi: "A Misano per continuare a crescere"

Articolo precedente

Rossi: "A Misano per continuare a crescere"

Prossimo Articolo

Ducati con una livrea Motor Valley a Misano

Ducati con una livrea Motor Valley a Misano
Carica commenti
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021
Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2 Prime

Pagelle MotoGP: Direzione Gara da 2

Andiamo a dare i voti al Gran Premio di Catalunya di MotoGP, dove - oltre alle ottime performance messe i. pista dalla KTM del vincitore, Miguel Oliveira - bisogna andare a giudicare ampiamente insufficiente il comportamento della direzione gara

MotoGP
8 giu 2021
GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica Prime

GP di Catalogna: Quartararo da urlo in qualifica

Fabio Quartararo firma la quinta pole position del 2021 in sella alla sua Yamaha ufficiale. Il francese apre la prima fila dello schieramento precedendo le ducati di Jack Miller e Johan Zarco

MotoGP
6 giu 2021
Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio Prime

Sgarbi, Giani e la decenza del silenzio

La scomparsa di Jason Dupasquier a seguito dell'incidente di cui è stato vittima al Mugello ha alimentato una serie di polemiche e speculazioni - paradossalmente - tra i non addetti ai lavori. Come insegna Bambi, "quando non sai che cosa dire, è meglio che non dici nulla". E sarebbe il caso di apprendere questa regola aurea, soprattutto davanti ad un lutto.

MotoGP
1 giu 2021
Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez" Prime

Quartararo ora è davvero il "nuovo Marquez"

La maturazione del pilota della Yamaha è evidente e con un pizzico di fortuna in più forse staremmo già parlando di un dominio incontrastato. Proprio come Marquez, Fabio sta dimostrando di saper andare anche oltre il valore del mezzo. E ora è davvero un peccato che lui e Marc non si possano battere alle pari...

MotoGP
1 giu 2021