MotoGP: Michelin cambia l'anteriore dura per il GP d'Austria

Dopo il problema accusato nel Gran Premio di Stiria da Miguel Oliveira, l'azienda francese non ha la certezza che la cosa non si possa ripresentare anche su un altro pneumatico, quindi insieme a Dorna ha deciso di modificare l'allocazione per il Gran Premio d'Austria, reintroducendo una mescola dura che era già stata utilizzata nel 2019 al Red Bull Ring.

MotoGP: Michelin cambia l'anteriore dura per il GP d'Austria

La Michelin aveva pianificato di utilizzare la stessa allocazione di pneumatici per le due gare di MotoGP al Red Bull Ring ma, dopo quanto accaduto domenica nel Gran Premio di Stiria alla gomma anteriore dura di Miguel Oliveira, l'azienda francese ha deciso di sostituire questa mescola per il Gran Premio d'Austria che si disputerà questo fine settimana.

La dura anteriore era l'unica novità introdotta in questa stagione tra le scelte per il tracciato austriaco rispetto al 2020. Si trattava di una gomma asimmetrica, più rigida sul lato destro (la pista ha 7 curve su quel lato e solo 3 sul sinistro), pensata per garantire una performance più costante sulla distanza di gara.

Diversi piloti che l'hanno utilizzata in gara hanno dato feedback positivi, ma c'è stato anche l'inconveniente capitato al portoghese della KTM, che ha accusato un distaccamento del battistrada dalla carcassa in due punti. Un problema che la Michelin sta analizzando in maniera approfondita, ma che ha anche portato ad imboccare la strada della prudenza e, in accordo anche con Dorna, a modificare l'allocazione introducendo una nuova specifica di gomma anteriore dura, che però è già stata utilizzata in passato in Austria, quindi è nota alle squadre.

Leggi anche:

"Abbiamo preso la decisione di cambiare l'allocazione per il prossimo weekend in Austria. L'anteriore dura non sarà più quella che c'era nella prima gara, ma sarà una nuova specifica un pelino più rigida, che però le squadre conoscono già bene, perché era stata proposta nel 2017 proprio al Red Bull Ring", ha spiegato il responsabile della Michelin, Piero Taramasso, a Motorsport.com.

"Questa nuova mescola rimpiazzerà la gomma dura con cui ha avuto il problema Miguel Oliveira, che ha avuto uno scollamento del battistrada in due punti. Le analisi dei dati e della gomma proseguono, ma con i dati che abbiamo al momento non possiamo escludere che ce ne sia una seconda che possa avere lo stesso problema. Non possiamo essere certi al 100% che tutte le altre gomme siano a posto, quindi preferiamo cambiare", ha aggiunto.

Per quanto riguarda il posteriore, sono confermate invece le tre soluzioni asimmetriche utilizzate lo scorso fine settimana. Stesso discorso che vale anche per la soft e la media anteriore, che sono entrambe gomme simmetriche.

condivisioni
commenti
Rossi: "Mi piacerebbe lottare per la top 10 in Austria"

Articolo precedente

Rossi: "Mi piacerebbe lottare per la top 10 in Austria"

Prossimo Articolo

Ecco perché Petronas non ha ancora firmato nessun pilota per il 2022

Ecco perché Petronas non ha ancora firmato nessun pilota per il 2022
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021