Mercato piloti MotoGP: "chapeau" per Marquez, Lorenzo e la Honda

condivisioni
commenti
Mercato piloti MotoGP:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont , MotoGP Editor
Co-autore: Oriol Puigdemont
12 giu 2018, 09:27

In un'epoca in cui la MotoGP è molto condizionata dalla politica, l'ingaggio di Jorge Lorenzo da parte della Honda è il chiaro riflesso di una mossa intelligente da parte di coloro che l'hanno reso possibile.

Jorge Lorenzo, Ducati Team
Podio: il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team
Il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team

Alcuni potrebbero vederla come una manovra rischiosa dal punto di visto sportivo, ma in effetti è una mossa intelligente da parte dei tre soggetti coinvolti: Marc Marquez, Jorge Lorenzo e la Honda.

Negli ultimi mesi, ogni volta in cui a Marc è stato chiesto chi avrebbe voluto come compagno nel caso in cui Dani Pedrosa avesse dovuto lasciare la Honda, ha sempre dato la stessa risposta: "Voglio solo un compagno di squadra veloce".

Probabilmente ad Alberto Puig (nuovo direttore della HRC) questo è bastato come ragione per ingaggiare Lorenzo. Aspettando di vedere se le performance gli daranno ragione, se c'è qualcosa che non possiamo negare è che l'esperienza di Puig in Honda sarà sempre ricordata per questo colpo da maestro.

In ogni caso, non si può dimenticare che Lorenzo non era la prima opzione per il futuro compagno di Marquez. Tuttavia, Puig è stato in grado di invertire una situazione molto delicata: non aveva molte opzioni ed ha visto una brillante opportunità per cogliere l'obiettivo della Honda. Vincere.

Prima di ufficializzare l'arrivo di Jorge era essenziale avere la benedizione di Marquez. La Honda è un marchio coraggioso, ma non voleva commettere l'errore di turbare troppo il suo uomo di punta.

Ma proprio a questo punto Marquez dimostra la sua grandezza: dopo aver conquistato quattro titoli in cinque anni nella classe regina, affronterà lo sbarco di Lorenzo nell'altro lato del box come una grande motivazione. Altri invece avrebbero sicuramente fatto di tutto per evitare un problema di questo tipo.

Allo stesso tempo, questa operazione è il rifletto del coraggio e della forza mentale di Lorenzo. Stiamo parlando di un pilota che non ha avuto paura di andare a sfidare sulla stessa moto Valentino Rossi quando era all'apice della sua carriera. Di un qualcuno che usa la sua ostinazione come se fosse un motore. Quell'ostinazione che lo ha portato anche ad ottenere la sua prima vittoria in Ducati al Mugello nonostante tutte le difficoltà.

Il maiorchino arriverà a Barcellona pieno di energia e i suoi tifosi aspettavano solo questo "clic" nella sua mente. Se si confermerà sullo stesso livello del Mugello, il #99 potrebbe tornare ad essere, per usare le parole di Marquez, "quasi imbattibile".

Dal canto suo, Lorenzo ha anche ammesso di non essere una persona troppo flessibile. Possiede alcune caratteristiche che lo rendono unico, ma sicuramente non quella. Anche se nessuno mette in discussione la sofferenza che ha vissuto fino a quando non è riuscito a raggiungere la vittoria con la Ducati.

Questa esperienza difficile sarà sicuramente di grande aiuto nella sua prossima avventura con la Honda, che spera possa essere più eccitante e stimolante.

Dopo aver lasciato la Ducati, Lorenzo entrerà in un'era nuova ed elettrizzante. La Casa italiana invece proverà ad eguagliare il binomio composto da lui e Marquez alla Honda , ma anche quello Rossi-Vinales alla Yamaha con Dovizioso e Petrucci.

Prossimo articolo MotoGP

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Jorge Lorenzo, Marc Márquez Alenta
Team Ducati Team, Repsol Honda Team
Autore Oriol Puigdemont
Tipo di articolo Analisi