Melandri ricorda la Ducati: “Avevo paura della moto”

La stagione 2008 della MotoGP è stata cruciale per la carriera di Marco Melandri. Il ravennate, allora pilota Ducati, ha lasciato Borgo Panigale dopo un anno di sofferenza e non conserva ottimi ricordi.

Melandri ricorda la Ducati: “Avevo paura della moto”

Il matrimonio da sogno tra Valentino Rossi e Ducati non è stato il primo rapporto fallito tra un grande pilota italiano e la Desmosedici. Già qualche anno prima si era creato un binomio tutto tricolore per cui si nutrivano grandi speranze: Marco Melandri nel 2008 è approdato a Borgo Panigale, ma la stagione è stata decisamente al di sotto delle aspettative. Il ravennate addirittura vorrebbe rimuovere i ricordi della Desmosedici GP8, estremamente complicata per lui e che l’ha portato ad avere dubbi ed incertezze.

Dopo cinque vittorie in MotoGP e un secondo posto con la Honda, Melandri è passato alla Ducati e ha iniziato come compagno di squadra di Casey Stoner, un ruolo piuttosto scomodo, l’australiano infatti arrivava al 2008 da Campione del mondo in carica. Mentre Stoner ha combattuto per Valentino Rossi per il titolo, Melandri ha concluso la stagione in 17esima posizione nella classifica generale, con un bottino di soli 51 punti.

La Ducati Desmosedici ha privato di fiducia Marco Melandri

Dopo una stagione ha deciso di lasciare Borgo Panigale e, parlando con Motorsport.com, ricorda: “Quando ero in Ducati, ho gettato la spugna dopo una stagione. Avevo un contratto di due anni, ma ho rinunciato ai soldi che avrei ricevuto nel secondo anno e ho cambiato. Non mi è piaciuto guidare. A volte avevo persino paura della moto”.

Marco Melandri

Marco Melandri: "Zeitweise hatte ich sogar Angst vor dem Motorrad"

Foto: LAT

"Se il pilota ha paura, non può andare veloce. Non è stato facile prendere questa decisione, ma avevo già in mente un piano: Kawasaki. Ma poi questa si è ritirata", prosegue Melandri, che durante l’arco della sua carriera è stato spesso anche sfortunato.

Marco Melandri e l’ombra di Casey Stoner

“Se non hai fiducia nella moto, è molto difficile essere veloci – afferma riferendosi alle difficoltà con la Desmosedici –  Cadi spesso e perdi ancora più fiducia. Puoi essere il miglior pilota del mondo e sederti sulla migliore moto del mondo, ma se la moto non si adatta al tuo stile di guida e non trovi il giusto feeling, non hai alcuna possibilità di essere veloce”.

Casey Stoner

Ducati 2008: Casey Stoner sammelte 280 Punkte, Marco Melandri kam auf 51 Zähler

Foto: Ducati

Nel 2008, Casey Stoner ha dimostrato in modo impressionante il potenziale della Ducati, pur non riuscendo a confermarsi campione ma chiudendo in seconda posizione. Tutto ciò ha complicato ancora di più le cose per Melandri, che era messo in ombra dal compagno di squadra, che in quel momento era nell’apice della propria carriera: “All'inizio è molto difficile. Ma dopo un po' ti rendi conto che devi seguire i tuoi sentimenti”.

“Allora non ti preoccupi più del tuo compagno di squadra e degli altri piloti. A quel punto sai perché non sei veloce e perché cadi così spesso. Se entri in questo vortice che ti porta verso il basso, allora solo un cambio di marca aiuta. Non c'è alternativa”.

condivisioni
commenti
Crutchlow: “Sono veloce, ma mi fermo, non sono come Valentino”

Articolo precedente

Crutchlow: “Sono veloce, ma mi fermo, non sono come Valentino”

Prossimo Articolo

Agostini: "Rossi? Fossi in Yamaha punterei su Vinales e Quartararo"

Agostini: "Rossi? Fossi in Yamaha punterei su Vinales e Quartararo"
Carica commenti
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021