Martin: "La prossima settimana ci riproverò. Ho del margine"

Il pilota del team Pramac è stato l'assoluto protagonista del GP di Stiria ed è riuscito a conquistare una vittoria netta. Jorge pregusta il bis tra una settimana e sa già dove poter migliorare anche in qualifica.

Martin: "La prossima settimana ci riproverò. Ho del margine"

Una vittoria netta che ripaga dell’amarezza per l’infortunio rimediato in Portogallo che l’ha costretto a saltare quattro round. Quella di Jorge Martin è una bella pagina di sport che ha mostrato al mondo tutto il talento del pilota spagnolo già ammirato a Doha quando “Martinator” era riuscito ad ottenere la prima pole in MotoGP.

Questo weekend il pilota della Ducati del team Pramac è stato l’autentico mattatore al Red Bull Ring. In qualifica è stato l’unico a scendere sotto il muro dell’1’23’’ ed in gara, complice anche i problemi patiti dagli altri portacolori della Casa di Borgo Panigale, ha brillato resistendo alla costante pressione di Joan Mir.

Il pilota spagnolo, emozionato per un successo ampiamente meritato, ha spiegato dove è riuscito a fare la differenza in questo weekend ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD.

“Nel T3 ero il pilota Ducati più competitivo, specie in curva 6. Oggi si è visto che Mir ha provato in alcune occasioni a passarmi ma io sono riuscito sempre a chiudere la porta. Anche con una Ducati riuscivo a fare un inserimento rapido, ma a fine gara le gomme ormai erano alla frutta perché per guidare così sono stato costretto a far scivolare molto la moto. Dobbiamo lavorare un po' su questo aspetto”.

Per Martin questo successo ha il sapore della resurrezione dopo l’infortunio patito a Portimao. Jorge ha però voluto sottolineare come proprio quella caduta sia stata fondamentale per fargli cambiare il suo approccio alla MotoGP.

“La caduta di Portimao mi è servita per placarmi un po'. L’ho notato con l’inizio del weekend di gara. Al venerdì comincio molto cauto e provo a capire il livello di grip per poi iniziare a spingere, mentre prima dell’infortunio spingevo da subito al limite. Adesso non voglio farmi male”.

Conclusa l’analisi lucida dell’impresa odierna, Martin si è lasciato andare ai sentimenti dedicando questo successo sia ai suoi genitori, che l’hanno sempre supportato sin dall’inizio, che a Fausto Gresini, che in Jorge ha visto prima di tutti un pilota di talento.

 

“Quando arrivi in MotoGP è quasi tutto fatto, ma il difficile arriva prima quando non hai un euro in banca e quando i miei genitori non lavoravano. Lì è stata dura. Con l’aiuto della mia famiglia sono riuscito a conquistare una vittoria in MotoGP”.

“Mi sarebbe piaciuto che Gresini fosse stato qui per assistere a questa vittoria. Lui si è fidato molto di me e mi ha dato una opportunità quando stavo per mollare. Spero che abbia visto tutto da lassù”.

Due pole ed una vittoria sono il bilancio sino ad ora di Jorge Martin al debutto in MotoGP con la Ducati. Il pilota spagnolo ha voluto sottolineare come la Desmosedici sia una moto che si adatta perfettamente al suo stile di guida e si è detto certo che con l’aumentare dell’esperienza i risultati di rilievo potranno solamente aumentare.

“Mi trovo nel posto giusto, la Ducati è una moto fantastica e si adatta al mio stile. Non ho dovuto cambiare nulla e per questo motivo riesco ad andare forte sin da subito. Sono uno dei pochi piloti che ha vinto nell’anno d’esordio e questa è una cosa impressionante”.

“Così come quando c’era Lorenzo in Ducati era una combinazione competitiva, penso che lo stesso possa accadere con me tra uno o due anni”.

Che il Red Bull Ring sia una pista favorevole alla Ducati era una cosa nota da tempo, ma in questo weekend Martin ha impressionato per velocità e costanza. Lo spagnolo adesso mira a ripetersi la prossima settimana ed ha già fissato i primi obiettivi.

“La settimana prossima ci riproverò, ho ancora del margine. Penso di poter abbassare il tempo ottenuto in qualifica perché ho commesso qualche errore ed anche in gara posso togliere qualche decimo. Ho capito di poter fare uno step in alcune curve”.

condivisioni
commenti
MotoGP: la Ducati vince con Martin in Stiria, ma Quartararo scappa

Articolo precedente

MotoGP: la Ducati vince con Martin in Stiria, ma Quartararo scappa

Prossimo Articolo

Quartararo: "E' un podio molto importante"

Quartararo: "E' un podio molto importante"
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato Prime

Pagelle MotoGP | Pecco, grazie per averci provato

Tanti promossi nella Misano che incorona Fabio Quartararo campione del Mondo di MotoGP. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio in questo nuovo video di Motorsport.com.

MotoGP
25 ott 2021
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021