Martin: "Fare la pole è stato più facile che tornare in moto"

Il pilota del team Pramac ha stupito tutti conquistando la seconda pole in MotoGP. Martin ha sottolineato il duro lavoro svolto per poter tornare in pista dopo l'infortunio che lo ha tenuto fuori a lungo.

Martin: "Fare la pole è stato più facile che tornare in moto"

Il grande protagonista di giornata al Red Bull Ring è senza dubbio Jorge Martin. Il pilota del team Pramac è riuscito per la seconda volta in stagione a portare la sua Ducati in cima alla lista dei tempi in qualifica centrando una pole sensazionale.

Su un tracciato che da sempre è amico delle creature di Borgo Panigale, Jorge è riuscito ad esprimersi a livelli pre infortunio riuscendo a fermare il cronometro sul tempo di 1’22’’994.

Martin è stato l’unico in pista ad abbattere il muro dell’1’23’’ ed una volta giunto davanti ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD non ha nascosto la propria emozione per una pole che lo ripaga di un periodo difficile.

“Sono molto emozionato perché in pochi sanno il lavoro che ho dovuto fare per tornare qui oggi. Credo che sia stato più difficile tornare in moto che fare la pole”.

Jorge è stato costretto a saltare le gare di Portogallo, Spagna, Francia e Italia a causa della frattura del primo metacarpo della mano destra e del malleolo mediale destro rimediate nelle prove libere del GP del Portogallo, ma oggi è sembrato aver messo definitivamente alle spalle quel periodo buio.

“La pausa estiva è arrivata al momento ideale perché mi ha consentito di riposare, recuperare e lavorare duramente. Sono contentissimo di essere qua e voglio ringraziare il team per come ha lavorato”.

Martin si è visto cancellare il primo tentativo per essere andato oltre i limiti della pista in curva 9, ma questo non gli ha impedito di spingere ancora più forte nel secondo tentativo e portare a casa la seconda pole in MotoGP.

“Il giro è stato incredibile. Ho frenato fortissimo in Curva 1 e nel primo settore stavo andando davvero forte, mentre arrivato nel T2 ho bloccato l’anteriore, penso per una ventina di metri, ma sono riuscito a frenare la moto. Ho visto che stavo andando forte e sono contento di essere riuscito ad ottenere la pole”.

La domanda che tutti nel paddock si pongono al momento è relativa alle condizioni meteo di domani perché nessuno sa ancora se la corsa si disputerà su asciutto o su bagnato.

Martin non si è detto preoccupato in nessuna delle due ipotesi, ma vorrebbe evitare una gara flag to flag.

“L’unico turno che ho disputato sull’acqua è stato ieri e col bagnato stavo con i primi 7-8. Credo di non avere problemi se dovesse piovere, e la Ducati è una moto che si comporta molto bene in quelle condizioni”.

“Il problema si potrebbe presentare se dovesse esserci una gara flag to flag perché non l’ho mai fatta. Sono un rookie e mi manca ancora esperienza”.

condivisioni
commenti
MotoGP, Stiria: Martin in pole nell'1-2 Ducati, ma Quartararo è 3°

Articolo precedente

MotoGP, Stiria: Martin in pole nell'1-2 Ducati, ma Quartararo è 3°

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Sul bagnato possiamo fare meglio di Fabio"

Bagnaia: "Sul bagnato possiamo fare meglio di Fabio"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021