Marquez: “Vittoria più importante per il Marc uomo che pilota”

Marc Marquez torna a vincere dopo più di un anno dall'ultimo successo e lo fa sulla pista dove trionfa da ormai ben undici anni consecutivi. Il Sachsenring è terreno di conquista del pilota Honda, che non nasconde l'emozione e ricorda quanto sia più importante per lui come uomo che per il Marc pilota.

Marquez: “Vittoria più importante per il Marc uomo che pilota”

Ben 21 gare dopo l’ultima vittoria, Marc Marquez è tornato a respirare: al Sachsenring, suo fortino da ben dieci anni, il pilota Honda ha messo l’undicesimo sigillo, salendo sul gradino più alto del podio dopo circa 11 mesi. Un trionfo inaspettato quello del Gran Premio di Germania, ma che sicuramente è il più emotivo di questa stagione.

Il pilota Honda è rientrato a stagione in corso, ha perso le prime due gare per tornare in pista a Portimao lo scorso aprile, inanellando poi una serie di cadute, tre consecutive, che lo facevano arrivare in Germania con la voglia di riscatto sulla ‘sua’ pista. Il layout del tracciato gli consentiva di avere meno limitazioni fisiche, come confermato da lui alla vigilia del weekend. La lotta per il podio era fattibile secondo l’otto volte campione del mondo, eppure il successo è arrivato in maniera quasi inaspettata.

Quasi, perché il ‘kaiser’ del Sachsenring non si è risparmiato e ha mostrato ancora una volta di essere anche più forte del dolore. Ha approfittato di due gocce di pioggia che hanno stravolto la gara per due giri per spingere e prendere il comando della gara senza mai più abbandonarlo. È il giorno di Marc Marquez, il ritorno del pluricampione, che sulla pista dove si esprime al meglio è tornato ad alzare l’asticella: “Ancora non so cosa dire. È stato un momento duro che da soli non si affronta. Ci sono state tante persone dietro, tutta Honda, che mi ha rispettato tanto, il team, la famiglia. Mi hanno aiutato tanto. “È chiaro che si possono dire tante cose, ma alla fine è la persona che soffre in prima persona quella che poi deve agire. Ma comunque quando hai gente con te che soffre come o anche di più di te, aiuta tantissimo. Quando sei in una situazione negativa, cerchi qualcosa”.

 

Ma la gara è stata tutt’altro che semplice, soprattutto perché le aspettative erano alte e veniva da tre weekend decisamente complicati: “Oggi guidare era difficile. Sì, arrivavo su una pista che era favorevole, ma la situazione era molto difficile. Venivo da tre cadute e ho semplicemente guidato senza provare a pensare a cosa facevo né da dove arrivavo. È quello che ho fatto, ho preso il rischio quando è caduta un po’ d’acqua e mi sono detto ‘oggi è il mio giorno’, tutto si sta mettendo a posto e ho provato a spingere. si vede che avevo difficoltà nel cambio direzione. Qui era solo un punto, invece al Mugello e Barcellona erano tanti punti. Qui dalla 10 alla 11 ancora dovevo capire come mettere bene il braccio, non mi sento sicuro e non mi sento fiducioso nella reazione giusta se la moto fa qualcosa. Ma preferisco adesso e provare nel futuro ad andare forte lo stesso”.

La gara del Sachsenring è stata una enorme prova di forza di Marc Marquez, che ha trovato ispirazione da Mick Doohan, come rivela: “Una delle cose che mi ha aiutato tanto dopo il Mugello è stata parlare con Mick Doohan. L’ho trovato lì, abbiamo parlato un po’ e gli ho detto che volevo chiamarlo per sapere la sua situazione nel 1992 e nel 1993. Da quella telefonata ho capito tante cose. Quando lui parlava ho chiuso gli occhi, siamo stati mezz’ora al telefono, ma parlava solo lui, io ascoltavo e basta. Sembrava che stesse dicendo tutto quello che mi sta succedendo adesso. Diceva che non capiva cosa succedesse sulla moto, poi andava meglio, poi commetteva qualche errore che non era solito fare, cadeva senza capire perché. Lui faceva una cosa, la moto un’altra. È proprio quello che mi sta succedendo”.

“Ma martedì Alberto Puig mi ha chiamato e mi ha detto ‘devi vincere, lo sai?’ – prosegue – Gli ho risposto che arrivavo da tre cadute, ma a lui non interessava. Ma questo sempre con l’aiuto e questo mi ha fatto sentire convinto. Per questo nelle FP1 sono uscito già cattivo. Lo avevo detto anche giovedì, questo era il primo weekend in cui non sentivo limitazioni fisiche”.

Nel giorno del ritorno alla gloria, c’è anche spazio per il Marc Marquez ‘romantico’, che mostra il lato umano nonostante dimostri di essere ancora l’uomo da battere, se non a livello di classifica, in termini di testa e forza: “Nello sport in generale si vive nel presente, al passato ci puoi pensare quando ti ritiri. Ma adesso dobbiamo provare a continuare a lavorare perché oggi abbiamo vinto, ma in Olanda torniamo alla nostra realtà. Onestamente quello che mi veniva in mente erano le ultime tre cadute di Le Mans, Mugello e Montmelo, non avevo in mente nient’altro. Sul braccio sto lavorando tanto mentalmente per provare a dimenticarlo. È vero che non lavora normalmente e fa male, ma dimenticarlo è la soluzione. Questa vittoria è importante per l’uomo Marc. Il pilota è là ma non è ancora il pilota che era. Vediamo futuro se si potrà ritornare a guidare come voglio io. Ma oggi è stato un giorno molto importante per me ma anche per Honda”.

condivisioni
commenti
MotoGP: l'incubo è finito, Marquez è ancora il "Sachsenking"

Articolo precedente

MotoGP: l'incubo è finito, Marquez è ancora il "Sachsenking"

Prossimo Articolo

Oliveira: "Ho perso troppo da Marc quando pioveva"

Oliveira: "Ho perso troppo da Marc quando pioveva"
Carica commenti
Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP Prime

Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP

Formando una scala che va dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, KTM ha creato un flusso costante di grandi talenti nelle gare di gran premio che ha portato il marchio austriaco al successo che ci si aspetta dal marchio. Ecco come è andata.

MotoGP
1 ago 2021
Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021