Marquez vince col brivido: "Si era accesa la spia della benzina"

Il pilota della Honda ha rivelato che ad un giro e mezzo si era accesa la spia della benzina, ma che il vantaggio su Quartararo gli ha permesso di gestire il consumo per centrare la decima vittoria stagionale.

Marquez vince col brivido: "Si era accesa la spia della benzina"

Decima vittoria stagionale, Mick Doohan eguagliato e Honda campione costruttori. Probabilmente Marc Marquez non avrebbe potuto chiedere di più al Gran Premio del Giappone. Anzi, da fuori la sua gara è sembrata anche fin troppo semplice, perché è scappato quasi subito ed ha dato vita ad una gara solitaria.

Solo nel finale c'è stato un piccolo brivido, quando si è acceso l'allarme della benzina che stava per finire sulla sua RC213V, che lo ha invitato alla prudenza negli ultimi due giri, permettendo anche a Fabio Quartararo di avvicinarsi un pochino, ma senza mai essere realmente pericoloso.

Però senza dubbio il suo arrivo oggi è stato davvero al limite, perché la moto si è spenta subito dopo la sesta curva nel giro di rientro. Dopo l'ennesimo trionfo, infatti, il campione del mondo ha raccontato ai microfoni di Sky Sport MotoGP che è stato proprio il consumo l'aspetto più complicato da gestire oggi.

 

"Mancava un giro e mezzo quando si è accesa la spia della benzina. A quel punto sono riuscito a fare un giro pulito, senza sbagliare, e ce l'ho fatta ad arrivare alla fine. Ma ero veramente al limite, dopo il traguardo la moto si è spenta dopo sei o sette curve" ha detto Marc.

"Quando hai benzina per fare circa due giri, si accende questo allarme, che ti avverte che è meglio fare un giro più piano se vuoi finire la gara. Fortunatamente, mancava meno di due giri quando si è accesa, quindi sono riuscito a gestire la situazione fino alla fine" ha aggiunto.

In ogni caso, Quartararo non avrebbe potuto essere una minaccia concreta, perché Marc ha spiegato che se il francese fosse stato più vicino, avrebbe impostato la sua gara in maniera differente.

"Se Quartararo fosse stato più vicino, la mia strategia sarebbe cambiata negli ultimi dieci giri. A quel punto mi sarei messo dietro e con la scia il consumo di benzina è molto più basso, quindi non ci sarebbero stati problemi. Ma con 2" di vantaggio sapevo che avrei potuto gestire il vantaggio fino alla fine".

Leggi anche:

Con dieci vittorie e cinque secondi posti, ha vinto praticamente da solo il Costruttori della Honda, ma ha spiegato che oggi c'era la pressione extra del presidente che lo voleva a tutti i costi nella gara di casa.

"Da solo no dai, anche le altre Honda lavorano. Questa mattina è arrivato il presidente della Honda e mi ha detto che voleva il titolo qui in Giappone, quindi oggi ho corso con zero pressione! Ora vediamo se magari mi faranno un bel regalo (ride). Scherzi a parte, vincere il Mondiale a casa della Honda è molto bello".

Poi ha dedicato un pensiero al grande lavoro della sua squadra, che secondo lui si è visto anche nella gara di oggi: "Quest'anno il team sta lavorando molto bene, soprattutto nelle prove libere, perché riusciamo sempre a costruire un passo molto costante. Oggi sapevo che il ritmo doveva essere sull'1'46"2-1'46"3, altrimenti il consumo della benzina sarebbe stato troppo alto. All'inizio eravamo sull'1'45", ma poi ho potuto rallentare, altrimenti non sarei arrivato alla fine".

Infine, la riprova che nel box Repsol nulla viene lasciato al caso, l'abbiamo avuta oggi, perché il #93 aveva anche rodato una gomma da bagnato nel giro di formazione nel caso in cui dovesse arrivare la pioggia: "C'era un po' nuvolo, quindi abbiamo deciso di farci trovare pronti nel caso in cui ci fosse stato un 'flag to flag', perché così saremmo usciti con una gomma già rodata".

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team
1/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team

Podio: il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team
2/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team, al comando alla partenza

Marc Marquez, Repsol Honda Team, al comando alla partenza
3/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo classificato Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, il terzo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo classificato Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, il terzo classificato Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
5/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
6/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il poleman Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo qualificato Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, il terzo quaificato Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Il poleman Marc Marquez, Repsol Honda Team, il secondo qualificato Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT, il terzo quaificato Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
7/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
8/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
9/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
10/14

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
11/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
12/14

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team
13/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team

Il vincitore della gara Marc Marquez, Repsol Honda Team
14/14

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mondiale MotoGP 2019: Vinales raggiunge Rins al terzo posto

Articolo precedente

Mondiale MotoGP 2019: Vinales raggiunge Rins al terzo posto

Prossimo Articolo

Quartararo rookie dell'anno: "Grande obiettivo raggiunto"

Quartararo rookie dell'anno: "Grande obiettivo raggiunto"
Carica commenti
Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1 Prime

Vinales e Ferrari: bocciature pesanti in MotoGP e F1

Il fine settimana tra MotoGP e Formula 1 non è certo stato clemente con Maverick Vinales e la Ferrari. Lo spagnolo è stato, senza mezzi termini, autore del suo fine settimana peggiore da quando veste i colori Yamaha: ultimo al via, ultimo all'arrivo. Non è andata meglio alla Ferrari che, dopo le prime libere al Paul Ricard, si è vista sfilare praticamente da tutto lo schieramento, chiudendo lontana dalla zona punti e trovandosi con un distacco pesante dalla McLaren nel campionato costruttori

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco Prime

Pagelle MotoGP: Vinales sempre più a picco

Tanti promossi e tanti bocciati nel Gran Premio di Germania di MotoGP. Le pagelle commentate e stilate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes, responsabile MotoGP per Motorsport.com.

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania Prime

MotoGP: La griglia di partenza del Gran Premio di Germania

Andiamo a scoprire la griglia di partenza della classe regina del Motomondiale 2021 sul tracciato del Sachsenring.

MotoGP
20 giu 2021
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez? Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

MotoGP
16 giu 2021
Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP? Prime

Spagna e Italia: 1 vittoria in 7 GP, cambia la geografia della MotoGP?

Nonostante occupino oltre il 70% dello schieramento di partenza della classe regina, italiani e spagnoli insieme hanno firmato appena una vittoria nei primi 7 GP del 2021. Tre li ha vinti la Francia, due l'Australia ed uno il Portogallo: la nuova ventata è anche geografica?

MotoGP
12 giu 2021
Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria" Prime

Melandri: "Un gran parlare di sicurezza, pochi fatti in Austria"

Intervista esclusiva a Marco Melandri, con il quale andiamo ad analizzare quanto successo dopo il Gran Premio d'Italia al Mugello ed a Barcellona nel Motomondiale. A proposito del tema sicurezza, il ravennate si dice preoccupato in vista della doppia gara al Red Bull Ring, circuito teatro lo scorso anno di un incidente terrificante e per il quale non vi sono stati lavori di adeguamento

MotoGP
11 giu 2021
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia" Prime

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Le aspettative sulle possibilità che la KTM potesse replicare i successi del 2020 in questa stagione di MotoGP ha reso il suo inizio difficile ancora più deludente. Ma un aggiornamento chiave ha invertito le sorti della Casa austriaca, riportandola sul gradino più alto del podio a Barcellona.

MotoGP
9 giu 2021
Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?" Prime

Ceccarelli: “La caduta degli Dei in MotoGP: Marquez come Valentino?"

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina di Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano il fine settimana dei motori che, tra MotoGP e Formula 1, ha animato il week end. I riflettori si accendono su Marc Marquez, autore di un'altra caduta che ha compromesso il suo GP di Catalunya, segnale che lo spagnolo non è ancora al 100%.Un po' come Valentino Rossi quando fu reduce dall'incidente del Mugello 2010...

MotoGP
9 giu 2021