Marquez: "Tutto il potenziale sparito alla seconda partenza"

Il pilota della Honda, complice un cambio gomme all'anteriore, è letteralmente svanito alla ripartenza ed ha chiuso in ottava posizione. Per Marc un GP amaro dove le aspettative della vigilia erano elevate.

Marquez: "Tutto il potenziale sparito alla seconda partenza"

Il Gran Premio di Stiria era iniziato molto bene per Marc Marquez. Il pilota della Honda è stato autore di una partenza aggressiva, con tanto di contatto con Aleix Espargaro, ed era riuscito a portarsi nelle prime posizioni tenendo un ritmo simile a quello dei piloti di testa.

La bandiera rossa, dovuta all’incidente tra Savadori e Pedrosa, ha però rovinato i piani di Marco. Lo spagnolo alla ripartenza è stato autore di un avvio pessimo ed è retrocesso in sedicesima posizione per poi essere costretto a rimontare e chiudere in ottava piazza a quasi diciotto secondi di distacco da Martin.

“Questo gap è importante e non me lo aspettavo. Ieri avevo il passo e sentivo di avere il potenziale per poter fare una buona gara”.

“Nella prima partenza mi sono trovato molto a mio agio, mentre nella seconda ho capito di avere difficoltà già nel giro di riscaldamento. Ho cambiato la gomma anteriore, da media a dura, ed è stata una buona scelta, ma non so se l’ho riscaldata male o se si è surriscaldata”.

“Alla fine ho solo badato a concludere la gara e ad impostare un ritmo che mi consentisse di arrivare sino alla fine. Giravo un secondo più lento rispetto ai tempi delle libere, una cosa che non mi era mai successa prima. Non riuscivo ad andare più veloce e dobbiamo capire perché”.

 

“Per fortuna correremo su questa pista anche la prossima settimana e potrò sbarazzarmi di questa spina nel fianco. Per tutto il weekend mi sono sentito competitivo, ma in gara non sono riuscito ad esprimermi come volevo. Le sensazioni che avevo mi hanno limitato”.

Nonostante le cinque settimane di pausa, Marquez ha ammesso di essere arrivato in Austria ancora non al meglio della condizione fisica.

“Ancora provo del dolore e della stanchezza, ma sono riuscito a guidare abbastanza bene fino alla fine della corsa. Negli ultimi giri ho accusato qualche disagio, ma ormai ci sono abituato e ci convivo”.

Ciò che ha lasciato l’amaro in bocca allo spagnolo è stato il risultato finale, decisamente al di sotto delle aspettative: “E’ stato frustrante perché alla prima partenza sentivo di avere un gran potenziale, mentre alla ripartenza, con il cambio di mescola, è sparito”.

Sia nella prima che nella seconda partenza Marquez è stato protagonista di due contatti con Aleix Espargaro in Curva 1 che hanno fatto infuriare il pilota dell’Aprilia.

“Al primo via sono entrato in contatto con Aleix ed è stata più colpa mia, ma se esiti in quel punto finisci fuori pista. Devo però aggiungere che in quel momento Mir mi ha sfiorato e io mi sono allargato, ma è stata una classica situazione di gara”.

“Il secondo contatto è stato un incidente di gara. Mi ha visto ed ha voluto insistere in quella posizione. Fabio si trovava all’interno, non avevo spazio, e quando due piloti non mollano possono accadere delle cose simili”.

condivisioni
commenti
Espargaro attacca i commissari: "Guardavano le Olimpiadi?"

Articolo precedente

Espargaro attacca i commissari: "Guardavano le Olimpiadi?"

Prossimo Articolo

Rossi: "Felice per i punti. Marquez? E' aggressivo con tutti..."

Rossi: "Felice per i punti. Marquez? E' aggressivo con tutti..."
Carica commenti
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino Prime

MotoGP, Lap Chart del GP di San Marino

A Misano, Bagnaia si ripete. Un successo arrivato dopo una gara impeccabile. Ripercorriamo, grazie alla nostra animazione grafica, tutte le emozioni del Gran Premio di San Marino.

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati Prime

MotoGP: il sabato di Misano parla Ducati

Bagnaia precede Miller nella doppietta Ducati in quel di Misano. Alle spalle delle rosse di Borgo Panigale, abbiamo la Yamaha di Fabio Quartararo.

MotoGP
19 set 2021
Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro Prime

Ducati: la vittoria di Aragon richiama il passato e guarda al futuro

Duellando contro Marc Marquez nel Gran Premio di Aragon, Francesco Bagnaia ha avuto la meglio e si è assicurato una prima vittoria in MotoGP che inseguiva da tempo. Marquez lo ha paragonato ad una vecchia conoscenza della Ducati e ora Pecco potrebbe finalmente iniziare a lottare costantemente per il successo.

MotoGP
15 set 2021
Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda Prime

Pagelle MotoGP: Bagnaia perfetto, Zarco sprofonda

Il fine settimana spagnolo di Aragon ha regalato molto promossi e bocciati alla classe regina del Motomondiale. Bagnaia impeccabile, a differenza di altri che hanno deluso le aspettative. Ecco le pagelle stilate e commentate da Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes.

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez Prime

MotoGP: Bagnaia, che duello ad Aragon con Marquez

Andiamo a rivivere l'emozionante prima vittoria in MotoGP di Pecco Bagnaia ed il duello con Marquez degli ultimi giri in questa nostra animazione

MotoGP
14 set 2021
MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon! Prime

MotoGP: Pecco, che pole ad Aragon!

Il Motorland di Aragon vede la Ducati di pecco Bagnaia primeggiare davanti a tutti: ecco la griglia di partenza completa

MotoGP
12 set 2021
Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha? Prime

Dovizioso avrà scelto la sliding door giusta con Yamaha?

Il forlivese ha flirtato a lungo con l'Aprilia nel 2021, facendo anche un programma di test in sella alla RS-GP, ma quando si è presentata l'opportunità di entrare in orbita Yamaha non ha esitato un secondo, anche se il suo ritorno prevede cinque gare in sella ad una vecchia M1 "Spec B" del 2019 prima di approdare su quella factory gestita dal team satellite nel 2022. Sarà stata la scelta più giusta?

MotoGP
8 set 2021