Márquez: “Spesso ho pensato di prendermi una pausa e recuperare”

Marc Márquez ha ammesso alla vigilia del Gran Premio d’Italia che in più di un’occasione dopo il rientro a Portimao ha pensato di prendere una pausa e concentrarsi sulla sua riabilitazione.

Márquez: “Spesso ho pensato di prendermi una pausa e recuperare”

Marc Marquez ha spiegato nel giovedì del Mugello l’evoluzione dell’infortunio che lo ha tenuto fuori dalle gare per nove mesi e i problemi che comporta un recupero di queste dimensioni. Il pilota Honda ha affermato di stare sempre meglio, ma ha ammesso che il calibro del suo infortunio ha provocato degli strascichi che stanno cercando di capire.

“È migliorata la situazione e ho maggiore forza, soprattutto sull’omero, che era l’area prioritaria di questa lesione. In un infortunio di questa portata, quando si risolvono alcune limitazioni ne appaiono altre. L'omero e il gomito sono migliorati e ora il problema è apparso nella spalla. Stiamo cercando di capire, insieme ai medici, cosa sta succedendo. Mi chiedono tempo. Alla fine arriva un punto in cui devi essere abbastanza paziente da prendere il tempo che il mio corpo chiede, ma finché posso darò il cento per cento come ho fatto finora", ha detto il pilota spagnolo.

In questo difficile processo di riabilitazione, arrivare a una pista fisica come quella italiana non aiuta. Inotre, è proprio su questa pista che Marc ha subito un enorme incidente sul rettilineo nel 2013: “Il Mugello sarà difficile per me, devo accettare dove sono e fare il mio fine settimana. Il rettilineo è un punto difficile e quest'anno sarà ancora più veloce”.

Márquez è tornato a Portimao dopo nove mesi fuori dalle gare e senza essere in forma al cento per cento, cercando di finire la sua riabilitazione sulla moto. Tuttavia, a volte ha seriamente considerato di fermarsi di nuovo e finire il suo recupero a casa, non sul circuito: “In un recupero così grave è normale che il dolore e le limitazioni appaiano e si muovano. L'osso è praticamente consolidato, poi è andato al gomito e alla spalla, che è dove sto soffrendo più dolore, irritazione e infiammazione, e che mi impedisce di fare la forza di cui ho bisogno. Questo è lungo, è la mia quarta gara, vorrei dimenticare il mio braccio, ma devo essere realistico e non posso dimenticarlo e concentrarmi solo sulla corsa. Devo essere consapevole che devo bruciare le tappe e con il tempo tutto migliorerà”.

Riferendosi al fatto che ha considerato fermarsi a Jerez, Márquez ha ammesso: “Non solo lì. È una questione che è nell'aria, per alcune ragioni. Se non mi sento bene farò come nel test di Jerez (ha fatto solo 9 giri). Se non hai niente da guadagnare e lo vedi pericoloso, pensi di fermarti, ci abbiamo pensato dopo Portimao, dopo Jerez. L'importante è che la progressione sia verso l'alto. Qui al Mugello soffriremo e il feeling non sarà buono, ma continueremo ad accumulare chilometri e fare un recupero attivo sullo strumento che dobbiamo usare, che è la moto”.

“Dovremo stare attenti agli holeshot e a tutte queste novità sulle moto. La soluzione non è spostare il muro dalla strada, ma abbassare il cambio di quota. È una discussione che abbiamo ogni anno (nella Commissione di sicurezza). Da quando mi sono schiantato, il muro è stato spostato e l'asfalto è stato posato. Prima c'era l'erba e il muro direttamente. L'ha reso un po' più sicuro, ma gli incidenti avvengono a causa del cambio di pendenza e delle buche, come Pirro qualche anno fa. Dobbiamo trovare il problema e cercare di risolverlo. A queste velocità, a 380 non importa dove sia il muro, sei al sicuro", ha detto.

Alcune voci sono state sollevate negli ultimi giorni suggerendo che dopo il suo infortunio Marc Márquez non è più quello che era e che ha perso la sua magia: “"Ascolto ciò che è necessario e ciò che è giusto, sono realista e conosco la mia situazione attuale. So dove voglio arrivare e poi vedremo se ce la farò. Ho la stessa fiducia in me stesso di sempre. A Le Mans ho visto che senza limitazioni fisiche a causa della pioggia la magia è tornata, non avere paura dopo l'incidente, tornare in pista, tornare, essere il più veloce...queste sono cose che mi piacciono, mi danno motivazione. Ma so dove sono e cosa devo migliorare. Dal primo momento in cui ho detto che non sono pronto ad andare veloce, ho dei limiti che sono ancora lì. Dopo nove mesi di ferite hai bisogno di un po' di tempo per rimettere in sesto il tuo corpo. Quando sarà, spero di essere lo stesso di prima”.

condivisioni
commenti
MotoGP: Pramac team satellite Ducati per altri 3 anni
Articolo precedente

MotoGP: Pramac team satellite Ducati per altri 3 anni

Prossimo Articolo

Quartararo: “Sono al Mugello per attaccare"

Quartararo: “Sono al Mugello per attaccare"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi” Prime

Video | Ceccarelli: “Marquez sarà in forma in un paio di mesi”

In compagnia di Franco Nugnes e del Dottor Riccardo Ceccarelli, andiamo a fare il punto della situazione sulla stagione motoristica 2022 che si appresta a cominciare. Ad essere al centro del mirino è Marc Marquez: lo spagnolo dovrebbe essere sulla via della risoluzione delle sue problematiche legate alla vista, mentre per le condizioni fisiche generali in circa due mesi di duro allenamento dovrebbe tornare al top della forma

MotoGP
19 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia Prime

Le migliori gare del 2021: il grande saluto al "Dottore" a Valencia

La gara di Valencia resterà uno spartiacque nella storia della MotoGP, perché è stata quella dell'addio di Valentino Rossi dopo 26 anni di straordinaria carriera. Un weekend dall'alto contenuto emotivo che si è concluso con una grande festa per il "Dottore".

MotoGP
6 gen 2022
Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati Prime

Le migliori gare del 2021: Quartararo vince a casa delle Ducati

Dovendo scegliere uno dei cinque successi del campione del mondo della MotoGP, il più pesante è stato probabilmente quello al Mugello, in casa dei nemici della Ducati e in un weekend segnato dalla tragica scomparsa di Jason Dupasquier.

MotoGP
4 gen 2022
Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon Prime

Le migliori gare del 2021: finalmente la prima di Bagnaia ad Aragon

Pecco Bagnaia sembrava quasi colpito da una maledizione: continuava a sfiorare la prima vittoria in MotoGP, ma non riusciva mai a concretizzarla. Il Gran Premio di Aragon ha rappresentato un evidente punto di svolta per la stagione del pilota della Ducati. Lo sarà anche per la sua carriera?

MotoGP
1 gen 2022
Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania Prime

Le migliori gare del 2021: il ritorno del "vero" Marquez in Germania

La gara del Sachsenring era vista come una sorta di prova del nove sulla possibilità di tornare a rivedere i lampi di classe del vero Marquez anche dopo l'infortunio e Marc non ha tradito le aspettative, centrando la sua 11° vittoria di fila sul saliscendi tedesco.

MotoGP
31 dic 2021
Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021 Prime

Pagelle MotoGP | Aprilia, il marchio più cresciuto nel 2021

2021 positivo per Aprilia: la casa di Noale è tra i team che sono più cresciuti nel confronto anno-su-anno. Con Aleix Espargaro si è sempre dimostrata veloce e presenza fissa nella Top 10. L'arrivo di Vinales, soprattutto in chiave 2022, potrebbe rappresentare il definitivo salto di qualità

MotoGP
30 dic 2021
Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere Prime

Pagelle MotoGP | KTM, un passo indietro da non ripetere

KTM non riesce a ripetere il bel 2020. La casa austriaca ha vissuto una stagione iniziata non nel migliore dei modi e "aggiustata" in corso d'opera. Miguel Oliveira è il punto di riferimento del team, ma era lecito aspettarsi qualcosa in più. Capitolo a parte in Tech 3, invece...

MotoGP
23 dic 2021
MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi Prime

MotoGP | E' arrivato il momento di guardare al futuro senza Rossi

Il motociclismo ha perso il più grande showman della sua storia, con Valentino Rossi che ha concluso la sua strepitosa carriera a due ruote. Tra i suoi successori, che hanno avuto quasi tutti il "Dottore" come loro ispirazione, c'è chi può ancora tenere tutti incollati ai Gran Premi.

MotoGP
22 dic 2021