Marquez: "Quest'anno cercherò di essere davanti all'ultima chicane!"

Marc Marquez arriva ad Assen da leader del Mondiale ed è pronto a dare battaglia per rimanere in vetta alla graduatoria affermando: "Quest'anno tenterò di rimanere davanti a tutti all'ultima chicane nell'ultimo giro...".

Marc Marquez arriva ad Assen da leader del Mondiale di MotoGP, dopo aver ripreso la vetta al termine della gara del Montmelo di tre settimane or sono. Nella conferenza stampa piloti il rider di punta del team Honda HRC si è dichiarato molto soddisfatto della sua posizione a questo punto del campionato.

"Se mi avssero detto a inizio anno che sarei arrivato ad Assen con 10 punti di vantaggio sul secondo sarei stato contento, e lo sono. Sono felice di essere in vetta al campionato dopo 7 tappe, ma la lotta è molto serrata tra noi. Ci sono solo 22 punti tra noi dopo sette gare, quindi questo significa che questo campionato sarà molto combattuto e ora siamo tutti molto vicini. Ora siamo davanti".

"La mia più grossa preoccupazione a inizio anno erano le gare che abbiamo appena affrontato, ovvero il Mugello e il Montmelo, e averle chiuse al secondo posto mi ha soddisfatto. ora vedremo qui ad Assen, che è una pista migliore per la nostra moto e per me rispetto ai precedenti. Qui però Valentino è sempre andato fortissimo, Lorenzo va molto bene su queste piste molto scorrevoli. Ma dobbiamo partire bene, vedere le previsioni meteo perché ci saranno prove anche sotto la pioggia e dovremo cercare di adattarci il più possibile".

Honda sta compiendo grandi sforzi per cercare di migliorare le prestazioni delle due RC213V ufficiali, ma le nuove parti provate da Marquez nei test di Barcellona sembra che non abbiano avuto l'impatto sperato nelle prestazioni delle moto nipponiche. A rivelarlo è stato proprio lo stesso Marquez, che però non sembra volersi abbattere.

"Nei test di Barcellona abbiamo portato nuovi pezzi ma sinceramente mi aspettavo di più. Abbiamo lavorato sodo, ci sono punti positivi da cui ripartire ma qui scenderò in pista con la stessa moto che avevo al Montmelo. Honda sta lavorando duro, stiamo cercando di migliorare l'accelerazione, che in questo momento è il nostro punto debole, e vedrem in futuro. Credo che qualcosa arriverà, ma se funzionerà lo sapremo solo più avanti".

Ad Assen sono spesso fondamentali le condizioni meteo. Anche quest'anno, così come in passato, i piloti dovranno essere bravi a gestire le varie fasi del fine settimana, che potranno essere a volte asciutte e in altre occasioni funestate dalla pioggia. Ma non è tutto. Se lo scorso anno "El Cabronsito" venne beffato da una manovra di Rossi, in questa occasione cercherà di arrivare lui davanti a tutti all'ultima chicane all'ultima tornata del Gran Premio.

"Una gara asciutta sarebbe l'ideale per tutti. Per il pubblico ma anche per noi piloti. Al Mugello è stata una gran gara per i fans e lo è stata anche a Barcellona. Sappiamo che la lotta sarà molto serrata e sarà dura essere lì. La chicane finale è sempre una curva molto complicata ed è sempre una posizione molto difficile da gestire negli ultimi giri. Se sei davanti o dietro. In ogni caso vedremo. Si impara sempre qualcosa e quest'anno cercheremo di spingere di più nei giri precedenti all'ultimo per arrivare davanti a quella curva".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP d'Olanda
Circuito Assen
Piloti Marc Márquez Alenta
Team Repsol Honda Team
Articolo di tipo Conferenza stampa