Marquez: “Non vedo nessun pilota Honda in lotta per la vittoria”

Marc Marquez ha ammesso nel venerdì di Le Mans che al momento non vede nessun pilota Honda in lotta per la vittoria e che prima di questa bisogna ritrovare il primo podio della stagione e mettere più piloti davanti.

Marquez: “Non vedo nessun pilota Honda in lotta per la vittoria”

Honda non vince una gara in MotoGP dal trionfo di Marc Marquez nel Gran Premio di Valencia del 2019, ovvero 544 giorni, quasi un anno e mezzo. Proprio l’ultimo vincitore della Casa alata ha ammesso oggi che al momento non vede nessun pilota del costruttore vicino ad interrompere questo lungo digiuno.

“Spero che questa striscia negativa possa romperla io – ha affermato Marquez – l’anno scorso mio fratello Alex è stato vicino alla vittoria ad Aragon e anche qui a Le Mans. Per Pol Espargaro Le Mans è un circuito favorevole, andrà veloce, anche Nakagami è stato rapido a Jerez. Ma onestamente non vedo nessun pilota Honda in lotta per la vittoria. Il primo obiettivo deve essere il podio e soprattutto mettere più piloti fra le prime 5 o le prime 8 posizioni. Ma sono fiducioso del fatto e sono sicuro che da qui a fine anno ci sarà qualche vittoria di Honda”.

L’otto volte campione del mondo prosegue il suo processo di recupero e il freddo intenso di Le Mans non aiuta assolutamente il suo aspetto fisico, questo lo obbliga a restare prudente: “Ora mi viene naturale essere prudente, perché non ho nemmeno la sensazione di uscire e andare subito veloce. Normalmente ero in grado di farlo senza avere la situazione sotto controllo, ma ora devo essere docile e far sì che la moto non faccia movimenti strani per non stancarmi. L’istinto di rischiare ce l’ho, ma nel team mi conoscono bene e mi ricordano la situazione in cui siamo. Non è il nostro campionato, siamo in una condizione particolare. Non si esclude nulla, ma sappiamo da dove veniamo, dove andiamo e dove vogliamo arrivare”.

 

Nella situazione attuale, una gara sul bagnato e con un po’ di confusione potrebbe avvantaggiare Marc, che si è sempre mosso bene in situazioni strane: “Da una parte penso al recupero e mi interessa un weekend normale in cui accumulo chilometri. Ma l’altra parte di me mi fa pensare di ottenere il miglior risultato e questo in un fine settimana piovoso e con confusione può essere positivo, o negativo se a cadere sei tu. Al momento non mi dispiace la pioggia e questo significa che non sono in forma. Quando piove e un pilota dice che non è un problema, significa che non sta bene, perché quando invece è in forma vuole sempre una gara sull’asciutto”.

Marquez non si mette paletti e mantiene la sua tabella di marcia nel recupero da un infortunio che lo ha tenuto nove mesi fuori dalle gare: “Rispetto a Portimao, a Jerez ho notato un cambio di sensazioni maggiore, qui il cambiamento è stato più relativo al tracciato. Ci sono frenate molto forti, come a Jerez, ma lì i cambi di direzione sono più dolci. Qui tutta la parte finale del rettilineo e l’ultimo settore hanno cambi di direzione molto bruschi e mi sono sentito un po’ limitato. Abbiamo girato poco sull’asciutto, sul bagnato mi sono sentito meglio perché si forza meno. Come già avevo detto a Jerez, sappiamo che non sono al massimo qui e non lo sarò nemmeno al Mugello né a Barcellona. Dipende da come vanno i fastidi, che stiamo provando a gestire al meglio”.

Leggi anche:

Una delle notizie del giorno è stata la cancellazione del Gran Premio di Finlandia, che avrebbe avuto luogo l’11 luglio. Al suo posto è stata introdotta una seconda gara in Austria, che verrà disputata l’8 agosto, un periodo che Marc sfrutta per recuperare: “In ottica recupero viviamo giorno per giorno, non sappiamo quando starò bene. Miglioriamo, qui per l’umidità e per il freddo ho più fatica al braccio in generale, il corpo deve adattarsi e il medico mi ha detto che è normalissimo”.

“Per quanto riguarda le due gare in Austria, sono un pilota a cui non piace correre due volte sulla stessa pista, non è una cosa buona per il mondiale. Ma le circostanze sono queste e se si possono salvare i gran premi va bene. In ottica recupero, se la gara su fa più tardi è meglio per me, avrò più tempo per fare ginnastica e recuperare”.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "Impossibile far lavorare le gomme con 8 gradi"
Articolo precedente

Bagnaia: "Impossibile far lavorare le gomme con 8 gradi"

Prossimo Articolo

Morbidelli: “Un po’ preoccupato per la prestazione sul bagnato”

Morbidelli: “Un po’ preoccupato per la prestazione sul bagnato”
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021