Marquez: “Non ho visto Rins, ma lì non si doveva spingere”

Marc Marquez spiega la dinamica dell’episodio avvenuto nelle FP3 con Alex Rins e per cui è stato messo sotto investigazione. Poi giustifica Honda sui passi indietro nella messa a punto della moto.

Marquez: “Non ho visto Rins, ma lì non si doveva spingere”

Marc Marquez non ha conquistato la pole position a Jerez de la Frontera, ma ha sicuramente fatto parlare di sé: nel corso della terza sessione di prove libere infatti è stato protagonista di un episodio di incomprensione con Alex Rins. Il pilota Suzuki arrivava forte alla curva 2 e ha trovato sul suo cammino il portacolori Honda che però procedeva lentamente.

L’accaduto è stato prontamente analizzato dalla Direzione Gara che, una volta ascoltati i piloti, ha deciso di non intraprendere alcuna azione nei confronti di Marc Marquez. Alla fine delle qualifiche, il Campione del mondo in carica ha spiegato le sue ragioni ed il motivo per cui è stato scagionato dalla penalità in griglia: “Ovviamente non ho visto Rins. Ma comunque le telecamere non hanno mostrato che stava sventolando una doppia bandiera gialla alla curva 2 perché c’erano dei commissari ed un pilota nel mezzo della ghiaia. Quindi ho rallentato e quando c’è doppia bandiera gialla, bisogna sempre rallentare e non si può continuare il proprio giro veloce. Per questo motivo non ho guardato dietro, perché non mi aspettavo che qualcuno arrivasse spingendo in quella situazione”.

Archiviato l’accaduto, Marquez si è concentrato sulle qualifiche, che ha terminato con un terzo tempo: “Sono contento perché facciamo dei passi in avanti. Quartararo e Vinales sono stati i due piloti più veloci durante l’inverno e lo sono stati anche stavolta. Sarà una gara complicata, farà molto caldo. Vediamo se potrò lottare con loro. Se vedo che ne sono in grado, posso provare a spingere dall’inizio. Ma restare con loro e giocarsi le posizioni alla fine non sembra male”.

Leggi anche:

Marquez resta però molto cauto, consapevole dei problemi accusati da Honda durante l’inverno e su cui si sta lavorando. Fino all’ultimo giorno di test a Losail infatti è stato usato il pacchetto aerodinamico del 2020, per poi tornare indietro e sfruttare quello dello scorso anno, che ha mostrato più efficienza. Il campione in carica giustifica la manovra di Honda, causata anche dallo stop causato dal Coronavirus e dal congelamento dei motori fino al 2021. “Durante l’inverno avevo una moto diversa rispetto a quella che ho adesso, ma con il cambio delle regole era il momento di provare cose nuove. Conosco questa moto molto bene già dallo scorso anno ed inoltre continuiamo a provare delle nuove cose”.

Guarda il Gran Premio Red Bull di Spagna live su DAZN. Attiva ora.

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
1/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
2/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team, Rossi
Marc Marquez, Repsol Honda Team, Rossi
3/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
4/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team Spanish MotoGP 2020
Marc Marquez, Repsol Honda Team Spanish MotoGP 2020
5/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
6/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
7/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
8/17

Foto di: MotoGP

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
9/17

Foto di: MotoGP

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
10/17

Foto di: MotoGP

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
11/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
12/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
13/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
14/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
15/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT, Marc Marquez, Repsol Honda Team
16/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo conquista la pole position, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Marc Marquez, Repsol Honda Team
Fabio Quartararo conquista la pole position, Petronas Yamaha SRT, secondo posto Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing, terzo posto Marc Marquez, Repsol Honda Team
17/17

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Dovizioso: "Non ho ancora la situazione sotto controllo"
Articolo precedente

Dovizioso: "Non ho ancora la situazione sotto controllo"

Prossimo Articolo

Rins infortunato alla spalla: è unfit, ma ci vuole provare

Rins infortunato alla spalla: è unfit, ma ci vuole provare
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta Prime

Pagelle MotoGP | Suzuki plafonata, Mir ci prova ma non basta

Suzuki è tra le delusioni di questo 2021. Il team che schierava il campione del mondo 2020, Joan Mir, non è riuscito a confermarsi sugli stessi livelli della stagione iridata. Il maiorchino ci prova in tutti i modi, ma non riesce a vincere un GP e chiude al terzo posto in classifica. Disastro senza mezzi termini per l'altro pilota Suzuki, Alex Rins

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021