Márquez: “Non è sicuro che riesca a finire la gara domani”

Marc Márquez sottolinea il miglioramento nella fiducia che ha avuto da quando è tornato in moto venerdì, ma avverte che in gara sarà difficile resistere per 25 giri.

Márquez: “Non è sicuro che riesca a finire la gara domani”

Al suo ritorno dopo nove mesi di assenza, Marc Marquez è stato in grado di collocarsi in sesta posizione sulla griglia di partenza del Gran Premio del Portogallo, per quanto la stanchezza al braccio destro si sta facendo sentire con il passare dei giorni.

L’aumento della fiducia è direttamente proporzionale a quello dei fastidi che si accumulano nella parte destra del corpo, molto più evidenti a Portimao, una pista che gira in senso orario. Tuttavia, il pilota Honda, che al rientro ha girato con il setup di base del collaudatore Stefan Bradl, ha iniziato già oggi a fare alcune modifiche per adattare la moto al suo stile di guida.

Marquez ha affermato che c’è ancora qualcosa della moto che non riesce ad avere chiaro e per questo ha deciso con il team di recuperare aspetti del prototipo che aveva lasciato in sospeso prima di infortunarsi. Lo stato fisico dello spagnolo però non è al meglio e non è particolarmente convinto di poter completare i 25 giri di gara che lo attendono domani.

 

“Fisicamente mi sento peggio di ieri e sicuramente domani mi sveglierò ancora peggio. Ma sia i fisioterapisti sia i medici mi avevano detto che sarebbe successa questa cosa. L’aspetto positivo è che il braccio è stabile e non sento dolore nella zona della frattura”, afferma Marquez.

L’otto volte campione del mondo ha però molti dubbi, nonostante pian piano si sia abituando di nuovo alla RC213V, che però ancora non guida come ha sempre fatto: “Il dubbio principale riguarda la gara, so che non mi divertirò e non sono nemmeno sicuro al 100% di poterla finire. Per questo abbiamo pianificato un warm up di pochi giri. La grande differenza è la mia posizione sulla moto, soprattutto nelle curve a destra. Perdo molto tempo nell’ultimo settore perché ancora non posso spingere. Mi mancano muscolo e forza”.

Nel Q1, Marc Marquez ha cercato il riferimento di Joan Mir per passare alla seconda fase di qualifica, una strategia che ha infastidito il campione del mondo in carica. Ma il pilota Honda si è difeso: “Oggi avevo bisogno di un aiuto e l’ho cercato. Sono andato a cercare il migliore, il campione del mondo. Capisco che possa far arrabbiare il pilota che è davanti, come molte volte è successo a me. Ma questa è la MotoGP”.

condivisioni
commenti
Bagnaia: "La bandiera gialla era impossibile da vedere"

Articolo precedente

Bagnaia: "La bandiera gialla era impossibile da vedere"

Prossimo Articolo

Rossi ancora 17esimo: "Le stiamo provando tutte"

Rossi ancora 17esimo: "Le stiamo provando tutte"
Carica commenti
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia" Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini è davvero una "Bestia"

Il Gran Premio di San Marino di MotoGP ha regalato tanti promossi e tanti bocciati. Da un perfetto Bagniaia, un sorprendente Bastianini, fino ad arrivare alla delusione Dovizioso, ecco le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Matteo Nugnes.

MotoGP
20 set 2021