Marquez: "La gente ricorda chi vince il titolo, non chi fa più vittorie"

Alla vigilia del Gran premio d'Aragona, Marc Marquez rivede le proprie priorità e pensa di non dover vincere per forza altre gare per vincere il titolo mondiale. In Spagna tenterà di lottare per la vittoria.

Marc Marquez arriva al Motorland di Aragon come uno dei principali favoriti per la vittoria. Il pilota Honda correrà in casa e la pista in Aragona è una delle sue preferite. Dovrà però riscattare l'inatteso quarto posto centrato due settimane fa a Misano Adriatico - casa di Valentino Rossi - in cui ha perso 7 punti proprio dal centauro di Tavullia.

Marc, però, può contare su 43 punti di vantaggio nei confronti del "Dottore" e sembra avere l'intenzione di gestire questo ampio margine il più possibile, evitando di fare errori grossolani che potrebbero compromettere la rincorsa al suo terzo titolo mondiale.

"Nelle ultime gare per alcuni motivi abbiamo faticato e la domenica non siamo riusciti a essere i più veloci. Fortunatamente a Misano non abbiamo perso troppi puntti anche grazie alla vittoria di Dani. Arriviamo qui ad Aragon davanti di 43 punti. Cercheremo di fare tutto nel migliore dei modi perché questa è una delle mie piste preferite".

"I due piloti della Yamaha saranno molto competitivi come sempre, ma noi tenteremo di fare del nostro meglio per continuare a raccogliere punti importanti per il campionato. A volte devi però renderti conto che non sei il pilota più veloce in pista. A Misano, ad esempio, ero il più rapido nei primi giri, ma poi Valentino e Dani erano più veloci di me, iofaticavo troppo con la gomma anteriore e mi sono accontentato del quarto posto. Valentino ha recuperato solo 7 punti. Qui speriamo di salire almeno sul podio".

"Aragon è uno dei miei circuiti preferiti. Normalmente ho una buona velocità qui ma per qualche motivo, condizioni meteo, errori, ecc... I risultato non sono sempre i migliori ma speriamo questa volta di concludere bene questo fine settimana".

Dopo il Gran Premio di Misano, Honda ha fatto debuttare il nuovo motore in vista della prossima stagione. "El Cabronsito" non si è voluto sbilanciare troppo, ma, a quanto pare, la base del propulsore nipponico sembra già soddisfarlo: "Dopo il GP di Misano ho provato il nuovo motore per la prossima stagione. E' stato un test interessante, abbiamo ottenuto alcune informazioni che rimarranno segrete ma ono contento, perché siamo riusciti a mettere in pista il nuovo motore addirittura prima di Valencia".

"Lo scorso anno siamo arrivati con il nuovo motore proprio a Valencia e non abbiamo avuto tempo di fare modifiche dopo aver capito cosa non ci piaceva. Quest'anno c'è più tempo. Dovremo ancora migliorare in alcuni settori ma siamo partiti con il piede giusto. Il motore nuovo è già allo stesso livello di quello del 2016, ma è diverso. Il feeling è diverso, ma per essere la prima volta che l'ho provato sono stato molto soddisfatto".

A metà stagione Marquez ha dichiarato di dover centrare altre due vittorie per sperare di vincere il terzo titolo nella MotoGP. A poche gare dalla fine, invece, Marc rivede completamente il suo percorso verso l'iride: "Verso metà stagione pensavo di dover vincere altre due gare per vincere il titolo ma ora dico che se dovessi vincere il campionato senza conquistare altre vittorie andrà assolutamente bene comunque".

"Vogliamo gestire il vantaggio che abbiamo. Questo è un buon circuito per noi, così come Phillip Island e Valencia, ma in questa stagione non si può mai sapere perché arrivi in un circuito, ti aspetti di faticare, invece è l'esatto contrario. Dipenderà molto dalle gomme anteriori a disposizione, anche da quelle posteriori e dal feeling che si ha con la moto, dall'elettronica. Quest'anno è una stagione apertissima, dobbiamo continuare così ed essere costanti. Arrivare sempre tra i primi tre".

"Non importa se ci saranno piloti che riusciranno a vincere più di me in questa stagione. Ho imparato che la gente ricorderà il pilota che vince il titolo, non chi centrerà più vittorie o più podi nella stagione. Quello che conta è vincere il titolo. Lavoro per questo. Se devo arrivare quarto, arrivo quarto. Se invece posso vincere cercherò di farlo. Dipende dalle sensazioni che hai in moto. Ho un vantaggio: se faccio un errore sono ancora in lotta per il campionato, mentre se gli altri piloti faranno un errore perderanno molti punti e potrebbero perdere le loro possibilità".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Evento GP di Aragona
Circuito Motorland Aragon
Piloti Marc Márquez Alenta
Team Repsol Honda Team
Articolo di tipo Conferenza stampa