Marquez in rimonta: “Non sapevo nemmeno se ad Assen avrei corso”

Marc Marquez scattava dalla ventesima posizione della griglia ad Assen, ma in gara ha attaccato da subito rimontando fino alla settima posizione finale.

Marquez in rimonta: “Non sapevo nemmeno se ad Assen avrei corso”

Marc Marquez si era reso protagonista della sua peggior qualifica da quando è in MotoGP con la caduta di sabato, che lo aveva condannato a scattare dalla ventesima posizione della griglia di partenza. Questa situazione gli dava molte poche opzioni di mettere le sue ruote nelle prime posizioni.

Eppure Marc Marquez ha fatto una dichiarazione d’intenti quando ha scommesso per la gomma morbida al posteriore, che faceva pensare al fatto che desse il tutto per tutto nei primi giri, mettendo in atto una grande rimonta: “Ho fatto la gara ideale, quella sognata. Forse la perfezione sarebbe stata finire sesto, sorpassare anche Bagnaia. Ma dopo essere partito 20esimo ho consumato molto nei primi giri. Poi, quando ero ottavo, ho commesso un errore nel sorpasso ad Aleix Espargaro, sono andato sul verde e ho perso molto. Ma a parte questo sono molto contento, non come in Germania, ma tanto”.

La felicità deriva anche dal fatto che si rende conto di sentirsi meglio ogni giorno di più: “Ho tenuto un ritmo costante per tutta la gara, non al cento per cento, ma con un ritmo molto buono. È la prima gara su una pista con curve a destra in cui sono riuscito a farcela, quindi sono molto contento ed è stato importante questo risultato. È una settima posizione, ma partivo 20esimo e questo non lo possiamo dimenticare”.

Marc si è portato dietro per tutto il fine settimana una spaventosa caduta del venerdì, in cui ha accusato solo qualche dolore al piede ma che sarebbe potuta andare molto peggio: “L’ho detto a tutto il team, soprattutto allo staff giapponese. Provo sempre ad essere realista e quando va male glielo dico. Ma oggi avevamo la moto per fare terzi. Non per vincere o per fare secondi, ma sicuramente per fare terzi. In gara li stavo prendendo e li vedevo. Mi sono sentito molto bene e ho visto che la moto aveva le carte in regola per stare sul podio. Ho corso con il telaio nuovo e questo è un altro aspetto positivo. Quando provi le cose e vedi che vanno bene, per gli ingegneri è una motivazione extra”.

 

Oltre al risultato, Marc si è sentito molto soddisfatto della capacità di reazione di Honda: “Venerdì ho chiesto con fermezza e in maniera dura che dovevano risolvere il problema del traction control. Non possono esserci queste cadute e hanno cambiato le cose da un giorno all’altro. Questo ti dà molta fiducia per continuare a spingere. Chiaramente, ieri ero ammaccato. Oggi mi sento meglio e questo si nota anche in termini di guida”.

In alcuni momenti della gara infatti abbiamo potuto vedere il Marc Marquez a cui eravamo abituati prima dell’infortunio: “Al primo giro, incredibile. Lo avevo detto al team, ‘forse finiamo la gara alla prima curva’, non so. Ma quando ho visto che stavo con Pol e Aleix, sapevo che non stavo messo male. Mi sono tranquillizzato un po’, non volevo finire come a Barcellona. L’errore al nono giro è stato un peccato, sono andato sul verde e ho perso un po’ per alcuni giri. Lì mentalmente è stata dura non gettare la spugna, ma ho continuato a spingere e negli ultimi giri sono stato dietro a Pecco per finire la gara e accumulare chilometri”.

La domanda ora è se dopo le cinque settimane di pausa e riposo potremo rivedere il Marquez di sempre, vicino all’essere al cento per cento: “Spero che la percentuale sia alta, ma è un’incognita. Mercoledì, non so perché, ho chiamato Alberto Puig e gli ho detto che non sapevo se fossi stato in grado di guidare questo fine settimana. Avevo molta irritazione e sono arrivato il venerdì qui, il fisioterapista mi ha seguito e venerdì ero molto fiacco. Durante il fine settimana, spingendo, mi sono sentito meglio. È strano, non so bene che strada prendere, ma sicuramente è chiaro che ora saremo off per una settimana e mezza e non faremo nulla. Non voglio preoccuparmi di niente, poi tornerò ad allenarmi”.

“La mia intenzione è di tornare ad allenarmi nel mio stile, facendo moto, moto e ancora moto. Moto chiama moto ed è questo che voglio provare a fare per arrivare preparato alla seconda parte di stagione. Non chiedo di vincere, ma di essere più stabile, di non avere troppi alti e bassi tra una gara e l‘altra, che è la cosa peggiore”.

condivisioni
commenti
Rossi: "Smentita Aramco? Mi fido del Principe"
Articolo precedente

Rossi: "Smentita Aramco? Mi fido del Principe"

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Penalità giusta, ero troppo impiccato"

Bagnaia: "Penalità giusta, ero troppo impiccato"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021