Marquez in rimonta: “Non sapevo nemmeno se ad Assen avrei corso”

Marc Marquez scattava dalla ventesima posizione della griglia ad Assen, ma in gara ha attaccato da subito rimontando fino alla settima posizione finale.

Marquez in rimonta: “Non sapevo nemmeno se ad Assen avrei corso”

Marc Marquez si era reso protagonista della sua peggior qualifica da quando è in MotoGP con la caduta di sabato, che lo aveva condannato a scattare dalla ventesima posizione della griglia di partenza. Questa situazione gli dava molte poche opzioni di mettere le sue ruote nelle prime posizioni.

Eppure Marc Marquez ha fatto una dichiarazione d’intenti quando ha scommesso per la gomma morbida al posteriore, che faceva pensare al fatto che desse il tutto per tutto nei primi giri, mettendo in atto una grande rimonta: “Ho fatto la gara ideale, quella sognata. Forse la perfezione sarebbe stata finire sesto, sorpassare anche Bagnaia. Ma dopo essere partito 20esimo ho consumato molto nei primi giri. Poi, quando ero ottavo, ho commesso un errore nel sorpasso ad Aleix Espargaro, sono andato sul verde e ho perso molto. Ma a parte questo sono molto contento, non come in Germania, ma tanto”.

La felicità deriva anche dal fatto che si rende conto di sentirsi meglio ogni giorno di più: “Ho tenuto un ritmo costante per tutta la gara, non al cento per cento, ma con un ritmo molto buono. È la prima gara su una pista con curve a destra in cui sono riuscito a farcela, quindi sono molto contento ed è stato importante questo risultato. È una settima posizione, ma partivo 20esimo e questo non lo possiamo dimenticare”.

Marc si è portato dietro per tutto il fine settimana una spaventosa caduta del venerdì, in cui ha accusato solo qualche dolore al piede ma che sarebbe potuta andare molto peggio: “L’ho detto a tutto il team, soprattutto allo staff giapponese. Provo sempre ad essere realista e quando va male glielo dico. Ma oggi avevamo la moto per fare terzi. Non per vincere o per fare secondi, ma sicuramente per fare terzi. In gara li stavo prendendo e li vedevo. Mi sono sentito molto bene e ho visto che la moto aveva le carte in regola per stare sul podio. Ho corso con il telaio nuovo e questo è un altro aspetto positivo. Quando provi le cose e vedi che vanno bene, per gli ingegneri è una motivazione extra”.

 

Oltre al risultato, Marc si è sentito molto soddisfatto della capacità di reazione di Honda: “Venerdì ho chiesto con fermezza e in maniera dura che dovevano risolvere il problema del traction control. Non possono esserci queste cadute e hanno cambiato le cose da un giorno all’altro. Questo ti dà molta fiducia per continuare a spingere. Chiaramente, ieri ero ammaccato. Oggi mi sento meglio e questo si nota anche in termini di guida”.

In alcuni momenti della gara infatti abbiamo potuto vedere il Marc Marquez a cui eravamo abituati prima dell’infortunio: “Al primo giro, incredibile. Lo avevo detto al team, ‘forse finiamo la gara alla prima curva’, non so. Ma quando ho visto che stavo con Pol e Aleix, sapevo che non stavo messo male. Mi sono tranquillizzato un po’, non volevo finire come a Barcellona. L’errore al nono giro è stato un peccato, sono andato sul verde e ho perso un po’ per alcuni giri. Lì mentalmente è stata dura non gettare la spugna, ma ho continuato a spingere e negli ultimi giri sono stato dietro a Pecco per finire la gara e accumulare chilometri”.

La domanda ora è se dopo le cinque settimane di pausa e riposo potremo rivedere il Marquez di sempre, vicino all’essere al cento per cento: “Spero che la percentuale sia alta, ma è un’incognita. Mercoledì, non so perché, ho chiamato Alberto Puig e gli ho detto che non sapevo se fossi stato in grado di guidare questo fine settimana. Avevo molta irritazione e sono arrivato il venerdì qui, il fisioterapista mi ha seguito e venerdì ero molto fiacco. Durante il fine settimana, spingendo, mi sono sentito meglio. È strano, non so bene che strada prendere, ma sicuramente è chiaro che ora saremo off per una settimana e mezza e non faremo nulla. Non voglio preoccuparmi di niente, poi tornerò ad allenarmi”.

“La mia intenzione è di tornare ad allenarmi nel mio stile, facendo moto, moto e ancora moto. Moto chiama moto ed è questo che voglio provare a fare per arrivare preparato alla seconda parte di stagione. Non chiedo di vincere, ma di essere più stabile, di non avere troppi alti e bassi tra una gara e l‘altra, che è la cosa peggiore”.

condivisioni
commenti
Rossi: "Smentita Aramco? Mi fido del Principe"

Articolo precedente

Rossi: "Smentita Aramco? Mi fido del Principe"

Prossimo Articolo

Bagnaia: "Penalità giusta, ero troppo impiccato"

Bagnaia: "Penalità giusta, ero troppo impiccato"
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021