Marquez: “Ho avuto problemi di memoria dopo la caduta”

Marc Marquez scatterà dalla quinta fila nel Gran Premio di Spagna. A Jerez però è stato protagonista di una caduta da cui è uscito illeso, ma molto spaventato. Una perdita di memoria, seppure temporanea e breve, lo ha preoccupato e si è recato all’ospedale per i controlli durante la mattinata andalusa.

Marquez: “Ho avuto problemi di memoria dopo la caduta”

Le qualifiche del Gran Premio di Spagna hanno premiato Fabio Quartararo, mentre Marc Marquez arranca ancora e scatterà dalla 14esima casella della griglia di partenza, dopo un sabato difficile soprattutto emotivamente. Il pilota Honda è tornato sulla pista dove lo scorso anno ha avuto il terribile incidente che lo ha tenuto fuori dal campionato per tutta la stagione e proprio a Jerez de la Frontera ha assaggiato nuovamente l’asfalto nelle FP3.

Fortunatamente non ha riportato alcuna conseguenza, ma la paura è stata molta, soprattutto per una mancanza di memoria, seppure brevissima, dopo l’impatto con gli air-fence: “Sappiamo che prima o dopo la prima caduta della stagione sarebbe arrivata. Probabilmente ho scelto uno dei punti peggiori e non me l’aspettavo. Ma alla fine, quando spingi per un giro non pensi al rischio, lo fai e basta. Ieri ero stato conservativo, ma oggi ho provato ad attaccare. Sfortunatamente quando ci ho provato sono caduto e la scivolata è stata molto forte, specialmente l’impatto sugli air-fence è stato ad alta velocità. Ma grazie a loro sono qui”.

“Ho avuto un po’ paura perché ricordavo esattamente cosa fosse successo, ero un po’ confuso. Poi ho fatto una visita e, a parte questa cosa, nel pomeriggio ho guidato bene nelle FP4. Ma la verità è che su questa pista ho faticato in qualifica. Ho scelto la morbida anteriore per via della caduta, non perché mi sentissi a mio agio. Mi sentivo più sicuro sulle curve a sinistra, ma abbiamo commesso un errore pensando più al rischio e meno alla prestazione. In qualifica ho trovato subito il limite dell’anteriore, ma quando mi sono fermato non c’era tempo per cambiare. È un peccato, perché mi sento forte questo weekend e oggi è stato il primo giorno in cui sentivo la moto e guidavo in maniera buona”.

 

Ma cosa ha trovato in particolare? Marquez lo spiega nel dettaglio: “Guidiamo con un setup completamente diverso rispetto all’anno scorso, anche con un telaio differente. Quindi non è facile cambiare da un pacchetto all’altro, perché sento anche i punti forti su questo telaio e su questo setup. Ma ancora mi manca molto, specialmente nel turning e nel lavoro sulla gomma posteriore. Forzo troppo l’anteriore, quindi dobbiamo capire come gestire il posteriore, perché è uno dei miei punti forti per sollevare la moto e scivolare. Ma non riesco a farlo, quindi questo è l’aspetto dove dobbiamo lavorare di più. Oggi per la prima volta ho iniziato a capire dove sono i problemi. Per domani faremo dei cambiamenti, anche se non farò molti giri nel warm-up. Ma sicuramente effettueremo delle modifiche perché crediamo che ci manchi qualcosa e vogliamo iniziare ad adattare il setup al mio stile”.

Prima di tornare in pista per le qualifiche però, si è recato nella mattinata all’ospedale di Jerez, per precauzione e per verificare che non avesse riportato lesioni nella caduta: “Sono andato al centro medico del circuito e mi sentivo bene sul momento. Sono tornato al mio motorhome, ma quando sono arrivato al camion e mi sono seduto, sono rimasto lì dieci minuti e ho iniziato a perdere un po’ la memoria. Non sapevo esattamente dove fossi. Ho chiamato immediatamente il medico, dicendogli che sentivo questa sensazione e siamo andati all’ospedale. Quando sono arrivato già mi sentivo bene di nuovo, quindi hanno controllato tutto, hanno fatto una TAC e sono stato controllato nuovamente al ritorno in circuito. sono andato all’ospedale per sicurezza”.  

Il braccio inoltre sembra sotto controllo: “Oggi non è stato intaccato, non sentivo dolore. Il Dottor Charte ha tutte le informazioni e le radiografie del mio braccio, ma oggi all’ospedale ne abbiamo fatta un’altra giusto per stare tranquilli. Non sentivo nulla, ma eravamo lì e lui ha deciso di fare una radiografia. Il vero check è stato più per il collo, per la perdita di memoria, per la schiena. È stato più quello che ho sentito nell’impatto. Voglio anche chiarire che sono qui, guido e spingo perché i dottori mi hanno detto che in caso di caduta ho la stessa possibilità rompermi un braccio come una gamba. Quindi questo significa che l’osso è completamente guarito”.

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
1/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
2/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
3/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
4/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
5/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, dopo la caduta
La moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team, dopo la caduta
6/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pol Espargaro, Repsol Honda Team Marc Marquez, Repsol Honda Team
Pol Espargaro, Repsol Honda Team Marc Marquez, Repsol Honda Team
7/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
8/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
9/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
10/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
11/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team dopo la caduta
La moto di Marc Marquez, Repsol Honda Team dopo la caduta
12/29
Marc Marquez dopo la caduta nelle prove libere 3
Marc Marquez dopo la caduta nelle prove libere 3
13/29
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
14/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
15/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
16/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
17/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
18/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
19/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
20/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
21/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
22/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
23/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
24/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
25/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
26/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
27/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
28/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
29/29

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Bagnaia preoccupato dalle Yamaha: "Hanno fatto uno step"
Articolo precedente

Bagnaia preoccupato dalle Yamaha: "Hanno fatto uno step"

Prossimo Articolo

Fotogallery MotoGP: Quartararo imprendibile, in pole a Jerez

Fotogallery MotoGP: Quartararo imprendibile, in pole a Jerez
Carica commenti
Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia Prime

Pagelle MotoGP | Ducati moto migliore, ora è pronto anche Bagnaia

Annata quasi perfetta per Ducati, che conquista ogni corona iridata in MotoGP tranne quella del mondiale piloti. Moto da 9 che, nelle mani di Pecco Bagnaia, si candida come seria pretendente alla corona di Fabio Quartararo per il 2022.

MotoGP
2 dic 2021
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021