Marquez ha dovuto fare un'infiltazione per sopportare il dolore

Marc Márquez si è detto felice della sua performance di domenica nei primi 25 giri sull'asciutto del Gran Premio d'Austria, anche se con l'inizio della pioggia è andato a terra. Tuttavia, ha anche ammesso di aver dovuto ricorrere a delle infiltrazioni di Enantyum per sopportare il dolore.

Marquez ha dovuto fare un'infiltazione per sopportare il dolore

Il risultato finale è stato un incidente e un 15° posto finale, ma Márquez ha detto alla fine del Gran Premio d'Austria che la maggior parte dei giri, disputati in condizioni di asciutto, lo hanno aiutato a fare un importante passo avanti nel suo recupero e a "capire un sacco di cose".

Márquez era nel gruppo di testa fin dall'inizio ed ha corso per gran parte della gara tra il terzo e il secondo posto, poi ha anche preso il comando quando è iniziata a scendere la pioggia e i piloti dietro di lui sono passati alle moto da bagnato.

In quelle condizioni, il pilota della Honda si è schiantato e non è stato in grado di finire quella che era probabilmente la sua miglior gara dal suo ritorno, insieme alla vittoria in Germania.

"Preferisco avere una gara come quella di oggi e finire male che una sotto la pioggia, con 'flag to flag' e ottenere un buon risultato", ha detto Marc domenica dal Red Bull Ring.

"Penso che i giri sull'asciutto (25) siano stati molto più positivi, stando davanti, con un buon ritmo e spingendo, sono stato in grado di replicare il ritmo che avevo nelle libere, qualcosa che non ho potuto fare domenica scorsa", ha detto il pilota Honda.

"La gara è stata veloce, non così veloce come la settimana scorsa, ma abbastanza veloce ed ero a mio agio. Quindi sono molto contento di come è andata", ha insistito, soddisfatto.

"Poi, quando qualcosa non va bene, non va bene. Sul bagnato non è andata bene, si è chiusa davanti e sono caduto. Ma va bene così, manterrò la sensazione dei giri che abbiamo fatto sull'asciutto, mi sono divertito, e questo è l'importante. Ora dobbiamo continuare, abbiamo il cuore e l'anima in mano", ha detto il pilota di Cervera.

Di fronte a questa effusione di positività, a Marc è stato chiesto se si è sentito molto meglio dopo il suo infortunio.

"Fisicamente c'è stato un momento in cui non ce la facevo più. Ho guardato il tabellone e c'erano ancora 15 giri da fare, un sacco. Ma il fatto di essere dietro Quartararo mi ha aiutato a rilassarmi. Non so perché, ma ho cominciato a capire le cose, a cercare di frenare in modo diverso, a posizionarmi in modo diverso sulla moto, a poter andare veloce e allo stesso tempo a pensare alla moto, a vedere cosa faceva lui in modo diverso o meglio, e quando l'ho studiato sono andato all'attacco di Bagnaia. Sono stato in grado di prenderlo rapidamente e lui era abbastanza a suo agio. Alla fine, sembrava che la pioggia di domenica sarebbe stata mia alleata, invece è stata mia nemica".

Bagnaia stesso ha detto che ha lasciato passare Marc per vedere cosa avrebbe fatto quando è arrivata la pioggia.

"Ho visto che quando ha iniziato a piovere, Pecco ha rallentato, era possibile andare molto più veloce, ma non ho voluto forzare. Quando ho visto che pioveva forte sono stato il primo ad entrare ai box, perché se entra il primo, normalmente entrano tutti. Questa volta tutti tranne un pazzo che è rimasto fuori ed ha vinto", ha detto Marc con una risata in riferimento al vincitore, Brad Binder.

 

Binder è stato molto coraggioso ed è rimasto in pista con le gomme slick, qualcosa che Marc avrebbe fatto forse in passato.

"Non sono rimasto in pista perché quelle mosse escono bene una volta su cento. Ho provato nel 2014, ad Aragón, e sono caduto. Congratulazioni a Binder per quello che ha fatto, ma se ne azzeccano poche", ha detto.

Dopo aver cambiato la moto, il pilota della Honda non è stato in grado di completare la sua grande prestazione.

"Sono uscito e mi sentivo bene, ma forse ho frenato troppo tardi, ho pensato di andare lungo, alzare la mano e far passare i piloti dietro di me, ma la ruota anteriore si è chiusa e non ho potuto evitare la caduta. Ma insisto, terrò i giri che abbiamo fatto sull'asciutto. Preferirei fare dei buoni giri sull'asciutto piuttosto che scommettere su un 'flag to flag' e ottenere un buon risultato", ha detto il pilota #93.

Dopo la gara, Marc ha ammesso anche di aver dovuto fare ricorso a delle infiltrazioni questo fine settimana.

"Non a che punto sono, non ho ancora finito e non ho ancora capito quale giorno farà male e quale no. Sabato ero perfetto, e d'altra parte questa domenica sono partito per la gara con un'iniezione perché avevo molto dolore (nella zona del braccio destro e della spalla) nel riscaldamento. Ho fatto un'infiltrazione di Enantyum e non ho sentito così tanto dolore. È andata bene, ho sentito la fatica, ma non ha fatto male", ha detto il pilota della Honda.

Enantyum è un antidolorifico antinfiammatorio non steroideo, di solito preso in compresse o disciolto in acqua, ma il pilota spagnolo se lo è iniettato per un effetto maggiore e più rapido.

Márquez ha riconosciuto che non era la prima volta che ha dovuto ricorrere ad essere infiltrato in questa stagione per far fronte al dolore.

"Tranne in Germania, dove non mi ha dato fastidio, e lo scorso fine settimana, direi tre o quattro volte di più, ho dovuto farlo. Dipende dalla sensazione che ho. È un Enantyum che puoi comprare in farmacia, lo infiltrano nei muscoli perché così ha più effetto e funziona più velocemente. Cerco di evitarlo perché so che domani starò peggio, ma in gara aiuta sempre. Hai dolore, ma puoi fare un po' più di forza", ha detto, prima di chiarire rapidamente: "Puoi comprarlo in farmacia, ma con una prescrizione", ha concluso.

condivisioni
commenti
Marini: "Slick sul bagnato? Farei di peggio per un podio in MotoGP!"
Articolo precedente

Marini: "Slick sul bagnato? Farei di peggio per un podio in MotoGP!"

Prossimo Articolo

Quartararo: "Ho pensato per la prima volta al Mondiale"

Quartararo: "Ho pensato per la prima volta al Mondiale"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021